ALTRO CHE “THE CROWN”: A BUCKINGHAM PALACE LA REALTÀ È MOLTO PIÙ AVVINCENTE DELLA FINZIONE – RE CARLO HA CHIUSO LA PORTA IN FACCIA AL FRATELLO ANDREA - IL DUCA DI YORK SI ERA ILLUSO DI POTER TORNARE IN PRIMA FILA, MA IL SOVRANO È STATO CATEGORICO: “È FINITA: NON TORNERAI MAI PIÙ UN REALE A PIENO TITOLO. PUOI CONTINUARE A FARE UNA BELLA VITA IN OGNI CASO. MA NON RIAVRAI MAI PIÙ IL TUO RUOLO PUBBLICO IN FAMIGLIA”. PARE CHE ANDREA SIA SCOPPIATO IN LACRIME E…

-

Condividi questo articolo


Antonello Guerrera per www.repubblica.it

 

principe andrea principe andrea

Il principe Andrea è “distrutto”, “a pezzi”, “si teme per la sua salute” e addirittura “ha pianto” quando suo fratello maggiore, re Carlo III, gli ha detto chiaramente “Andrea, basta: è finita". Perché l'inappellabile decisione del nuovo monarca sarebbe stata oramai presa: il famigerato duca di York, coinvolto nello scandalo sessuale e pedofilo di Jeffrey Epstein, non potrà mai più tornare in prima linea nella Royal Family, né riacquisirà lo status di membro a tempo pieno e tantomeno i titoli reali strappatigli dalla madre due anni fa dopo le accuse di stupro nei confronti dell’allora minorenne Virginia Roberts Giuffre, schiava sessuale di Epstein.

principe andrea e principe carlo principe andrea e principe carlo

 

A raccontare il drammatico retroscena è il Mail on Sunday, a firma della vicedirettrice Kate Mansey. Alla quale una fonte, probabilmente vicina al 62enne Andrea, ha rivelato un sensazionale dietro le quinte dei Windsor che sarebbe accaduto qualche settimana fa. Roba da far impallidire la finzione di “The Crown”. Dunque: pochi giorni prima della morte della regina l’8 settembre scorso nella tenuta scozzese di Balmoral, di buon mattino Carlo e Andrea si sarebbero incontrati proprio lì. Il duca di York per mesi ha fatto pressioni per tornare in sella, ribadendo di aver pagato per lo scandalo (al di là dei 13 milioni di euro per il patteggiamento con Virginia Roberts) e che l’ostracismo nei suoi confronti era oramai ingiusto.

 

la regina elisabetta e il principe andrea la regina elisabetta e il principe andrea

Ma, fino a qualche tempo fa, Andrea aveva un grande alleato in famiglia: la regina Elisabetta. Che lo ha sempre considerato il figlio preferito e difatti, lo scorso marzo, la Queen gli aveva permesso addirittura di accompagnarla sottobraccio in chiesa, a Westminster Abbey, nonostante la vergogna mondiale che aveva scatenato il suo terzogenito. All’esterno, era sembrata una mezza e clamorosa riabilitazione di Andrea. Quindi il duca di York si era illuso che ci fosse uno spiraglio per essere riammesso definitivamente in famiglia e poter reclamare di nuovo un ruolo di primo piano, titoli militari e divisa. 

 

il principe carlo e andrea il principe carlo e andrea

Pure illusioni. Perché non solo Elisabetta, nonostante tutto il bene che provava per Andrea, “cambiava sempre argomento quando nei mesi scorsi il figlio, durante le loro conversazioni, cercava di spostare il dialogo sulla sua riabilitazione pubblica”, racconta un’altra fonte al Mail on Sunday. Ma poi, quando la Corona è passata al 73enne Carlo, ogni piccola speranza del duca di York è stata definitivamente bruciata.

IL PRINCIPE ANDREA E JEFFREY EPSTEIN IL PRINCIPE ANDREA E JEFFREY EPSTEIN

 

Il nuovo monarca, infatti, sa che il momento è complicato per i Windsor dopo la morte della Queen e non vuole alcuna macchia sulla famiglia reale. Sempre secondo il racconto del Mail on Sunday, avrebbe convocato dunque Andrea. E Carlo è stato di una brutale franchezza: “Andrea, è finita: non tornerai mai più un reale a pieno titolo”, gli ha comunicato. E ancora: "Puoi continuare a fare una bella vita in ogni caso. Ma non riavrai mai più il tuo ruolo pubblico in famiglia. Devi accettarlo”. 

 

Il principe Carlo, la regina e il principe Andrea Il principe Carlo, la regina e il principe Andrea

Al duca di York sarebbe dunque crollato il mondo addosso: “È devastato”, racconta sempre una fonte al settimanale inglese, “è a pezzi”, “sotto shock”, “si teme per la sua salute” e addirittura “ha pianto” quando Carlo gli ha comunicato che non avrebbe potuto indossare la divisa nemmeno al funerale della madre Elisabetta, come poi è difatti accaduto, con lo stesso trattamento riservato al ribelle principe Harry. Un altro Royal insider spiega che Andrea “sarebbe incredulo del trattamento riservatogli” dal fratello, e mancherà anche alla cerimonia per i caduti in guerra domenica prossima al Cenotaph, sul vialone di Whitehall a Londra. Insomma, per Andrea, questa pare essere davvero "the end”.

PRINCIPE ANDREA PRINCIPE ANDREA Il principe Andrea con la regina Il principe Andrea con la regina Il principe Andrea dietro la porta di casa di Epstein Il principe Andrea dietro la porta di casa di Epstein Il principe Andrea Il principe Andrea il principe andrea con la regina il principe andrea con la regina Il principe Andrea con Virginia Roberts Il principe Andrea con Virginia Roberts jeffrey epstein jeffrey epstein Il principe Andrea allo chalet a Verbier Il principe Andrea allo chalet a Verbier principe andrea 2 principe andrea 2 principe andrea 3 principe andrea 3 il principe andrea il principe andrea PRINCIPE ANDREA PRINCIPE ANDREA il principe andrea il principe andrea veglia regina elisabetta principe andrea veglia regina elisabetta principe andrea il principe andrea piange al funerale della regina elisabetta il principe andrea piange al funerale della regina elisabetta PRINCIPE ANDREA PRINCIPE ANDREA principe andrea con sarah ferguson dopo le parole di ghislaine maxwell principe andrea con sarah ferguson dopo le parole di ghislaine maxwell

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA