UN ALTRO FLOP PER META - L'AZIENDA DI MARK ZUCKERBERG HA ANNUNCIATO CHE "WORKPLACE", DETTA "IL FACEBOOK PER LE AZIENDE" CHIUDERÀ NEL 2026, PER CONCENTRARSI SULLO DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE E DEL METAVERSO (ANCORA?) - "WORKPLACE" AVREBBE DOVUTO FARE CONCORRENZA ALLE ALTRE PIATTAFORME PER LE COMUNICAZIONI SUL POSTO DI LAVORO, COME "MICROSOFT TEAMS" - IL PORTALE ERA STATO MESSO IN CRISI DA...

-

Condividi questo articolo


meta workplace meta workplace

 (ANSA) - Meta chiuderà nel 2026 Workplace, detta 'il Facebook per le aziende', la sua piattaforma per le comunicazioni sul posto di lavoro che faceva concorrenza a Microsoft Teams e Slack. Era stata utilizzata all'interno dell'azienda a partire dal 2014 e poi resa disponibile al pubblico nel 2016. Una fonte interna della holding di Mark Zuckerberg ha riferiro al sito specializzato TechCrunch che Workplace sarà chiusa per focalizzare gli sforzi della società sullo sviluppo dell'intelligenza artificiale e del metaverso.

meta workplace meta workplace

 

Secondo il sito The Verge, la piattaforma è stata messa in crisi dalla concorrenza soprattutto con le tante alternative nate o esplose durante la pandemia da Covid-19 quando molte persone hanno lavorato in smart working. Workplace funzionerà fino al 31 agosto 2025, poi non si potranno più mandare nuovi messaggi ma solo leggere e scaricare quelli vecchi. Dall'1 giugno 2026 tutti i dati della piattaforma saranno cancellati. Meta suggerisce agli utenti che lo desiderano di trasferirsi sulla piattaforma Workvivo, di proprietà di Zoom.

meta workplace meta workplace

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)