GLI AMERICANI ALLA SCOPERTA DI POMPEI - L'"ASSOCIATED PRESS" DEDICA UN LUNGO SERVIZIO ALL'ANTICA CITTA' E ALLA SUA RINASCITA DOPO IL CROLLO DEL 2010, QUANDO VENNE GIU' LA SALA IN CUI SI ALLENAVANO I GLADIATORI - QUELL'INCIDENTE RISCHIO' DI FAR PERDERE ALLE ROVINE LO STATUS DI PATRIMONIO MONDIALE DELL'UNESCO - DA ALLORA MOLTE COSE SONO CAMBIATE: ROBOT E INTELLIGENZA ARTIFICIALE HANNO RIDATO LUSTRO AGLI SCAVI E... 

-

Condividi questo articolo


 

Dagotraduzione dall’Ap

 

scavi di pompei 3 scavi di pompei 3

Nel 79 d.C., in poche tremende ore, Pompei è stata trasformata da una vivace città in una terra desolata imbalsamata di cenere, soffocata da una furiosa eruzione vulcanica.

 

Poi, in questo secolo, la città romana è apparsa in modo allarmante vicino a una seconda morte, assalita da decenni di abbandono, cattiva gestione e scarsa manutenzione sistematica delle rovine pesantemente visitate. Il crollo nel 2010 di una sala dove si allenavano i gladiatori è quasi costato a Pompei la sua ambita designazione di patrimonio mondiale dell'UNESCO.

 

scavi di pompei 2 scavi di pompei 2

Ma in questi giorni Pompei sta vivendo i presupposti di una rinascita.

 

Gli scavi intrapresi nell'ambito delle strategie ingegneristiche di stabilizzazione per prevenire nuovi crolli stanno producendo una serie di rivelazioni sulla vita quotidiana dei residenti di Pompei, poiché la lente dell'analisi della classe sociale viene sempre più applicata alle nuove scoperte.

 

Sotto il nuovo direttore del parco archeologico, una tecnologia innovativa sta aiutando a ripristinare alcune delle glorie quasi cancellate di Pompei e a limitare gli effetti di una nuova minaccia: il cambiamento climatico.

 

scavi di pompei 16 scavi di pompei 16

Gabriel Zuchtriegel, archeologo nominato direttore generale 10 mesi fa, paragona il rapido deterioramento di Pompei, a partire dagli anni '70, a «un aeroplano che cade a terra e rischia davvero di rompersi».

 

Il Great Pompeii Project, un'infusione di circa 105 milioni di euro (120 milioni di dollari) in fondi dell'Unione Europea, deliberati a condizione che venissero spesi tempestivamente ed efficacemente entro il 2016, ha contribuito a salvare le rovine da un ulteriore degrado.

 

scavi di pompei 5 scavi di pompei 5

«È stato tutto speso e speso bene», ha detto Zuchtriegel in un'intervista su una terrazza con il Grande Teatro all'aperto di Pompei come sfondo.

 

Ma con futuri problemi di conservazione inevitabili per i resti edilizi scoperti per la prima volta 250 anni fa, la nuova tecnologia è cruciale in questa "battaglia contro il tempo", ha detto il 41enne all'Associated Press.

 

Gli estremi climatici, comprese precipitazioni sempre più intense e periodi di caldo torrido, potrebbero minacciare Pompei. «Alcune condizioni stanno cambiando e possiamo già misurarlo», ha affermato Zuchtriegel.

 

scavi di pompei 11 scavi di pompei 11

Affidarsi agli occhi umani per discernere i segni del deterioramento causato dal clima sui pavimenti a mosaico e sulle pareti affrescate in circa 10.000 stanze scavate tra ville, officine e umili case sarebbe impossibile. Quindi l'intelligenza artificiale e i droni forniranno dati e immagini in tempo reale.

 

Gli esperti saranno avvisati di «dare un'occhiata più da vicino ed eventualmente intervenire prima che le cose accadano, prima di tornare a questa situazione in cui gli edifici stanno crollando», ha detto Zuchtriegel.

 

scavi di pompei 9 scavi di pompei 9

Dall'anno scorso, l'IA e i robot stanno affrontando quelli che altrimenti sarebbero compiti impossibili: rimontare affreschi che si sono sbriciolati in minuscoli frammenti. Tra gli obiettivi c'è la ricostruzione del soffitto affrescato della Casa dei Pittori al Lavoro, distrutta dai bombardamenti alleati durante la seconda guerra mondiale.

 

I robot aiuteranno anche a riparare i danni agli affreschi nella Schola Armaturarum, la caserma dei gladiatori, un tempo simbolo del moderno deterioramento di Pompei e ora celebrata come prova della sua rinascita. Il peso di tonnellate di sezioni non scavate della città che premono contro le rovine scavate, combinato con l'accumulo di precipitazioni e lo scarso drenaggio, ha provocato il crollo della struttura.

 

scavi di pompei 8 scavi di pompei 8

Diciassette dei 66 ettari di Pompei rimangono non scavati, sepolti in profondità sotto la pietra lavica. Un dibattito di lunga data ruota sul fatto che debbano rimanere lì.

 

All'inizio del 19° secolo, l'approccio era «scaviamo… tutta Pompei», ha detto Zuchtriegel.

 

Ma nei decenni precedenti il Grande Progetto Pompei, «c'era qualcosa come una moratoria, perché avevano così tanti problemi che non hanno scavato più», ha detto Zuchtriegel. «Ed era quasi, psicologicamente parlando, una depressione».

 

scavi di pompei 10 scavi di pompei 10

Il suo predecessore, Massimo Osanna, ha adottato un approccio diverso: scavi mirati durante le misure di stabilizzazione volte a prevenire ulteriori crolli. «Ma era un diverso tipo di scavo. Faceva parte di un approccio più ampio in cui avevamo la combinazione di protezione, ricerca e accessibilità», ha affermato Zuchtriegel.

 

Dopo il crollo della sala dei gladiatori, ingegneri e paesaggisti hanno creato pendii graduali fuori dal terreno che fronteggia rovine scavate con reti, impedendo che i "pendii collinari" di nuova forma si sgretolassero.

 

scavi di pompei 4 scavi di pompei 4

Verso la fine di Via del Vesuvio, una delle strade lastricate in pietra di Pompei, i lavori del 2018 hanno rivelato una domus, o casa, di lusso con una parete della camera da letto decorata con un piccolo e sensuale affresco raffigurante il dio romano Giove travestito da cigno e Leda incinta, la mitica regina di Sparta e madre di Elena di Troia.

 

Ma se i visitatori stanno in punta di piedi per guardare oltre il meraviglioso affresco sopra le pareti frastagliate della casa, vedranno come le stanze sul retro rimangono incastonate sotto il bordo non scavato di Pompei appena "stabilizzato".

 

scavi di pompei 7 scavi di pompei 7

Nelle vicinanze si trova la scoperta più piacevole per la folla, emersa dal progetto di puntellamento: un "termopolio" d'angolo con una configurazione del piano di lavoro simile agli attuali arrangiamenti di insalate e zuppe.

 

Questo fast-food è l'unico scoperto con affreschi in vivaci tonalità di giallo senape e l'onnipresente rosso Pompei che decorano la base del bancone, dove sembra pubblicizzare le specialità dello chef ed esibire un graffito osceno. A giudicare dai resti organici trovati nei contenitori, il menu prevedeva intrugli con ingredienti come pesce, lumache e carne di capra.

 

scavi di pompei 13 scavi di pompei 13

I pasti veloci di strada erano probabilmente un pilastro della stragrande maggioranza dei pompeiani non abbastanza ricchi da avere una cucina.

 

Gli archeologi utilizzano sempre più analisi di classe sociale e di genere per aiutare a interpretare il passato.

 

Quando hanno esplorato un'antica villa alla periferia di Pompei, è emersa una stanza di 16 metri quadrati. Era utilizzata come magazzino della villa e camera da letto per una famiglia di schiavi. Stretti nella stanza c'erano tre letti, fatti di corda e legno. A giudicare dalle dimensioni, il letto più corto era per un bambino.

 

scavi di pompei 12 scavi di pompei 12

Quando la scoperta è stata annunciata l'anno scorso, Zuchtriegel l'ha descritta come una «finestra sulla realtà precaria di persone che raramente sono apparse nelle fonti storiche» su Pompei.

 

Le ambizioni del parco si estendono oltre: la vicina Napoli e la sua periferia tentacolare che circonda il Vesuvio soffrono della criminalità organizzata e dell'elevata disoccupazione giovanile, che spinge molti giovani a emigrare.

 

scavi di pompei 6 scavi di pompei 6

Così il parco archeologico sta riunendo studenti delle istituzioni più elitarie della zona e dei quartieri popolari che frequentano le scuole professionali per esibirsi in uno spettacolo greco classico al Gran Teatro.

 

«Noi... possiamo provare a contribuire a un cambiamento», ha detto Zuchtriegel.

 

È inoltre prevista la creazione di aree pedonali pubbliche in una sezione non scavata dell'antica Pompei che, fino a poco tempo fa, era stata utilizzata come discarica illegale e persino come fattoria di marijuana.

scavi di pompei scavi di pompei scavi di pompei 14 scavi di pompei 14 scavi di pompei 15 scavi di pompei 15

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute