GLI AMERICANI SE LO SONO TOLTI DALLE P-ALLEN – IL REGISTA HA ANNUNCIATO CHE GIRERÀ IL SUO ULTIMO FILM, MA NEGLI STATI UNITI NON FREGA NIENTE A NESSUNO: WOODY ALLEN È STATO TUMULATO ANNI FA QUANDO SONO BASTATE LE ACCUSE MAI PROVATE DI MOLESTIE SESSUALI ALLA FIGLIA PER MACCHIARE IRRIMEDIABILMENTE LA SUA REPUTAZIONE – MA A NON PIACERE È STATA ANCHE LA RELAZIONE CON LA FIGLIA ADOTTIVA SOON-YI: MIA FARROW TROVÒ LE FOTO DELLA RAGAZZINA NUDA NEL…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Paolo Mastrolilli per “la Repubblica”

 

woody allen e mia farrow woody allen e mia farrow

Woody Allen si ritira dal cinema e, nonostante per il resto del mondo sia un mito, con quattro premi Oscar e tre Golden Globe vinti, i grandi media americani praticamente lo ignorano.

Questa non è solo una visione distorta da giornalista, ma anche un metro di quanto effimera sia la gloria del mondo. E nel caso del regista di New York è abbondantemente passata, almeno agli occhi degli americani, non solo per le accuse di abusi verso i figli da cui non si è mai davvero risollevato, e le polemiche per il matrimonio con Soon-Yi, ma anche per la progressiva irrilevanza del suo lavoro. O magari per un misto delle due cose, che si sono inevitabilmente intrecciate e influenzate a vicenda.

woody allen woody allen

 

(…)

Interessante è stata anche la reazione dei media statunitensi che, tranne qualche eccezione, hanno quasi ignorato la notizia. Può darsi che il ritardo sia dovuto al fatto che l'ha data a un giornale spagnolo, oppure al precedente del giugno scorso, quando in sostanza aveva già preannunciato l'intenzione di ritirarsi dalle scene durante un'intervista con Alec Baldwin, trasmessa in streaming sulla pagina Instagram dell'attore: «Molto del "thrill" di fare cinema è andato.

woody allen soon yi previn woody allen soon yi previn

 

Quando giravo un film, andava nelle sale in tutto il Paese. Adesso viene proiettato un paio di settimane, magari quattro o sei, e poi finisce nelle piattaforme streaming o pay per view. Non è più così piacevole per me».

Può darsi che sia davvero così, e la ragione è tutta qui, ma è impossibile separare questi giudizi dall'elefante nella stanza della sua vita.

woody allen 2 (2) woody allen 2 (2)

 

(…)

la sua vita privata ha finito per diventare più grande e ingombrante di quella artistica, oscurandola, insieme ad una produzione che negli ultimi anni non è stata comunque stellare, in un mondo cambiato non solo sul piano della tecnologia e la distribuzione.

La storia ormai la conoscono tutti. Woody aveva avuto una relazione con Mia Farrow, anche se in realtà non si erano mai sposati e non vivevano insieme. Avevano adottato insieme dei figli e messo al mondo Satchel, ora più noto come Ronan Farrow, ma nel 1992 l'attrice aveva trovato a casa di Allen foto nude di Soon-Yi, la ragazza sudcoreana che aveva adottato con André Previn.

 

dylan farrow dylan farrow

Woody aveva ammesso di avere una relazione con lei e poi l'aveva sposata nel 1997, sostenendo che non solo non era mai stato suo padre in alcun senso della parola, ma praticamente quasi non la conosceva, prima di innamorarsi di lei. La storia era finita nelle mani degli avvocati, oltre che dei tabloid. Poi però era arrivata l'accusa di molestie sessuali da parte della figlia Dylan, e anche se Allen non è mai stato condannato, la sua reputazione è rimasta macchiata per sempre. Ci si può chiedere se sia stato giusto mescolare così la vita privata a quella artistica, ma gli americani sembrano aver già emesso il loro giudizio definitivo.

woody allen by terry richardson woody allen by terry richardson woody allen (3) woody allen (3) mia farrow con i figli dylan e ronan mia farrow con i figli dylan e ronan dylan farrow 4 dylan farrow 4 dylan farrow 2 dylan farrow 2 dylan farrow 3 dylan farrow 3 mia farrow mia farrow dylan farrow dylan farrow WOODY ALLEN WOODY ALLEN woody allen anni 70 woody allen anni 70 woody allen 1 (2) woody allen 1 (2) woody allen 2 woody allen 2 woody allen by philippe halsman woody allen by philippe halsman woody allen mia farrow a roma 1992 woody allen mia farrow a roma 1992

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA BATOSTA DELL’ITALIA NELLA CORSA A EXPO 2030 È UN BOCCONE AMARISSIMO PER GIORGIA MELONI: ERA CONVINTA CHE ROMA STRAPPASSE ALMENO IL BALLOTTAGGIO, E INVECE L'HANNO ABBANDONATA ANCHE I PAESI UE (SU 27, SOLO 5/6). A COMPLICARE LA CORSA È STATO ANCHE L’ESPLICITO SOSTEGNO DI ISRAELE A ROMA – SUBITO È CACCIA AL CAPRONE ESPIATORIO, CHE A DESTRA VEDONO IN GUALTIERI, L’UNICO INSIEME A MASSOLO CHE SI È SPESO PER LA CITTÀ – PERCHÉ NON È STATO COINVOLTO MATTARELLA? – IL MANCATO SOSTEGNO DEI PAESI UE E' UN BRUTTO SEGNALE PER LA PARTITA DEL PATTO DI STABILITÀ – L’ULTIMATUM DEL PPE ALLA DUCETTA...

UN ATTO POLITICO. IL RITORNO IN PUBBLICO DI MARIO DRAGHI, SEDUTO COME UN PAPA DI FRONTE ALL’ALTARE DI SANT’IGNAZIO DI LOYOLA PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALDO CAZZULLO, HA SIMBOLEGGIATO UN ATTO DI DISSENSO ALL'ATTUALE REGIME POLITICO - IL SUO PROGRAMMA “ELETTORALE” (“PER L’EUROPA È IL MOMENTO DI DIVENTARE STATO” - ALTRIMENTI NON C’È SALVEZZA), E’ UN’ALTERNATIVA ALLA DERIVA SOVRANISTA IN ATTO. E LA FOLLA CHE SI È SCAPICOLLATA ALLE 16.30 NELLA CHIESA DEI GESUITI ERA LÌ IN CERCA DI UN ESORCISMO CHE SPAZZI VIA QUESTO INCUBO NERO COL FEZ - COSA CHE NON AVRÀ FATTO PIACERE A MELONI E SALVINI. NÉ A QUELLA PARTE DEL ‘’CORRIERE DELLA SERA’’ CHE TIFA PER LA DUCETTA, CHE HA SBATTUTO UN EVENTO MAI VISTO IN ITALIA A PAGINA 15 - NEMMENO UN DRAGHI CHE ROMPE IL SILENZIO DALLA SUA USCITA DA PALAZZO CHIGI (22 OTTOBRE 2022), INTERVISTATO DAL VICE DIRETTORE E PRIMA FIRMA CAZZULLO, PRESENTE IL SUO EDITORE CAIRO, HA CONVINTO IL CORRIERONE A SPARARE L’EVENTO IN PRIMA PAGINA. DEL RESTO, DEL PD ERANO PRESENTI SOLO GUERINI E ZANDA…

CSM: IL CONSIGLIO SUPERIORE DI MANTOVANO – AVVISO AI NAVIGATI: SI E' SPEZZATO IL FILO ROSSO CHE DOVEVA COLLEGARE IL SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO CON IL QUIRINALE - DOPO IL PREMIERATO CHE DIMEZZA I POTERI DEL COLLE, OGGI L'ATTACCO ALLE TOGHE, FREGANDOSENE ALTAMENTE CHE MATTARELLA RICOPRA IL RUOLO DI CAPO DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA - ED ORA MANTOVANO CALZA IL FEZ E PIAZZA I SUOI FEDELISSIMI NEI POSTI CHIAVE, A PARTIRE DAL CSM: DA DANIELA BIANCHINI, CONSIGLIERA LAICA IN QUOTA FDI A MIMMO AIROMA – COMUNQUE, FANNO BENE GIORGIA E CAMERATI A PREOCCUPARSI DELLA MAGISTRATURA, PERCHÉ PRIMA O POI TUTTI I FASCI ARRIVANO AL PETTINE…

MILANO E LA “ROMA SANTA E DANNATA” – PROIETTI: “IL FILM DI DAGO & GIUSTI NON È SOLO CAZZEGGIO A TINTE FORTI, MA UN PICCOLO SAGGIO DI “ANTROPOLOGIA SPICCIOLA” SULLA METAMORFOSI DI UNA CITTÀ A MISURA DUOMO CHE NON SA PIU’ RIDERE DI SÉ STESSA DOV’È FINITO LO SPIRITO “SCAPIGLIATO” DI CARLO DOSSI O DI CARLO PORTA, CON LE LORO POESIE OSCENE? - COSA RESTA DEL MONDO DI CAMILLA (CEDERNA) E DELLE “SCIURE” IRRISE DALLA SIGNORINA SNOB DELLA VALERI? - TRA I MERITI DELL’OPERETTA (A)MORALE C’È PURE QUELLO DI AVER SDOGANATO GLI ANNI ’70-’80, CHE NON FURONO SOLTANTO ANNI DI PIOMBO E “MILANO DA BERE” MA SPECCHIO DI UNA NUOVA REALTÀ: DA AVANTI POPOLO AD AVANTI POP, TRA SOGNI SESSO E CONTROCULTURA’’