AVETE MAI GUARDATO IL VOSTRO CANE E PENSATO: ‘’SE SOLO POTESSE PARLARE’’? ORA POTETE INSEGNARGLIELO! - LA STORIA DELLA LOGOPEDISTA CHRISTINA HUNGER CHE HA ISTRUITO IL SUO CUCCIOLO A PARLARE DOPO AVER NOTATO DEI COMPORTAMENTI SIMILI A QUELLI DI UN BAMBINO CON PROBLEMI LINGUISTICI - "I CANI PENSANO MOLTO" - COME HA FATTO LO RACCONTA IN UN LIBRO…

-

Condividi questo articolo


 

DAGOTRADUZIONE DA Reed Tucker per www.nypost.com

 

stella e christina hunger stella e christina hunger

Solo pochi giorni dopo che Christina Hunger ha adottato il suo nuovo cucciolo, ha notato qualcosa che avrebbe cambiato le loro vite.

 

Hunger è un logopedista che lavora spesso con bambini che hanno difficoltà a parlare, li istruisce a superare i loro ritardi o a utilizzare strumenti per aiutarli a comunicare.

 

Un giorno, mentre era seduta alla sua scrivania e completava il test di valutazione linguistica di un bambino, è rimasta fulminata. Hunger ha notato che un bambino sul punto di parlare mostrava molti degli stessi comportamenti che stava esibendo Stella, il suo cane di 8 settimane.

logopedista logopedista

 

Ad esempio, proprio come una bambina piccola, Stella piangeva per attirare l'attenzione e faceva dei cenni per richiedere un'azione, come quando annusava la sua ciotola dell'acqua vuota.

 

"Mi si è accesa una lampadina ", ha detto Hunger. “Una volta che l'ho notato, non riuscivo a pensare a nient'altro. Era così ovvio che i cani avevano solo bisogno di un modo alternativo di comunicare ".

 

Ma si può davvero insegnare a un cane a usare le parole?

il libro di christina hunger il libro di christina hunger

 

Nel 2018 Hunger, che allora viveva a Omaha, decise di addestrare il suo cane a fare proprio questo e ha riportato le sue scoperte in un libro di memorie, "How Stella Learned to Talk: The Groundbreaking Story of the World's First Talking Dog" (William Morrow ), in uscita martedì.

 

Il libro non solo racconta la storia di Hunger, ma serve da tabella di marcia per i proprietari di cani di tutto il mondo su come addestrare i loro animali domestici.

 

"Penso assolutamente che qualsiasi persona normale con le giuste informazioni e motivazioni possa insegnare al proprio cane a parlare", dice l'autore. “La pazienza è l’aspetto più importante. I cani stanno essenzialmente imparando una seconda lingua ".

 

Il primo passo è iniziare a parlare con il vostro cane.

 

"Inizia raccontando semplicemente ciò che il tuo cane sta facendo in brevi frasi semplici", dice Hunger. "È così che impareranno i significati delle parole."

logopedia logopedia

 

La Hunger iniziò a dire "gioca" ogni volta che Stella guardava il suo giocattolo. Oppure diceva "mangia" a cena, o "fuori" quando era ora di fare una passeggiata. Li ripeteva ancora e ancora, almeno da cinque a dieci volte prima di proseguire, per dare al cane la possibilità di stabilire la connessione. L'autore dice che è importante notare le cose che il cane sta cercando di dirvi con i suoi comportamenti e di concentrarvi su quelle parole.

 

Durante il suo lavoro quotidiano, Hunger utilizzava dispositivi di comunicazione aumentativi e alternativi con alcuni dei suoi clienti, come dei tablet con pulsanti corrispondenti alle parole. Chi ha difficoltà a parlare può premere un pulsante o una serie di pulsanti per comunicare.

 

Visto che questi strumenti sono troppo complicati per i cani, Hunger è andata online e ha ordinato diversi "pulsanti di risposta registrabili" - fondamentalmente grandi pulsanti di plastica che consentono all'utente di registrare un suono che verrà riprodotto quando il pulsante viene premuto.

 

i pulsanti per insegnare stella a parlare i pulsanti per insegnare stella a parlare

Hunger prese il primo bottone e vi registrò la parola "fuori", poi lo mise vicino alla porta sul retro.

 

Ogni volta che stava per portare Stella a fare una passeggiata, Hunger si fermava e premeva il pulsante più volte, oltre a ripetere la parola "fuori" più volte durante la passeggiata.

 

Nel frattempo, ha programmato altri due pulsanti per Stella: uno per "acqua" posto vicino alla ciotola dell'acqua del cane e un altro per "gioco" situato accanto al cestino dei giochi di Stella.

 

Ogni volta che Hunger o il suo ragazzo Jake passavano di lì mentre Stella stava bevendo, premevano il pulsante "acqua" e ripetevano la parola. Prima di tirare fuori i giocattoli, pigiavano e ripetevano "gioco".

 

christina hunger jake e stella 2 christina hunger jake e stella 2

È importante per il cane, scegliere parole che "siano motivanti", dice Hunger e di iniziare con termini più generici: "Gioca" è meglio di "palla", ad esempio, perché si può modellare il gioco in molti modi.

 

È anche importante dare al vostro cane il tempo di capire, dice Hunger. Lei consiglia di fare una pausa di 15 secondi se il cane sta notando il pulsante o se sembra che stia cercando di comunicare.

 

Se l'animale ha ancora bisogno di una spinta, restate vicino al pulsante e puntatelo o toccatelo.

 

Quando il cane preme il pulsante, è fondamentale onorare quella richiesta "il più possibile", almeno all'inizio.

 

christina hunger jake e stella christina hunger jake e stella

Durante il primo mese i progressi per Stella sono stati lenti, alla fine ha imparato ad avvicinarsi al pulsante "fuori" quando aveva bisogno di uscire, ma aspettava che Hunger lo premesse.

 

Poi finalmente, dopo un mese, Stella ha detto la sua prima parola una sera.

 

Si avvicinò alla porta e si sedette vicino al bottone, aspettando pazientemente che Jake la portasse fuori. Quando non ha aperto la porta dopo 30 secondi, il cane ha toccato il pulsante finché non ha suonato.

 

Jake la lodò e la portò immediatamente fuori. Quando sono tornati, Stella ha premuto di nuovo il pulsante e sono usciti subito.

 

La Hunger era “felicissima” che Stella avesse imparato una nuova abilità. "Ci sono poche sensazioni migliori", scrive.

 

Nel giro di pochi giorni, Stella stava usando i suoi pulsanti per "gioco" e per "acqua", anche se dice che non è insolito che un cane continui ad aver bisogno di suggerimenti per un po’ di tempo, come per esempio chiedere al cane: "Cosa vuoi?" quando ci si avvicina a un pulsante.

 

stella impara a parlare stella impara a parlare

Ogni volta che Stella premeva un pulsante, Hunger non la ricompensava mai con dolcetti. I cani sono "intrinsecamente motivati a comunicare", scrive l'autore, e dare cibo impedirà al tuo cane di imparare il significato della parola.

 

Alla fine Hunger ha deciso di introdurre nuovi pulsanti per "mangia", "ciao", "vieni", "no", "ti amo", "aiuto" e "cammina". L'autore dice che una volta posizionati i pulsanti, dovreste tenerli sempre nello stesso punto.

 

Hunger iniziò a modellare queste parole nello stesso modo che fece con le altre e scoprì che Stella imparava più velocemente quando erano disponibili parole simultanee. Dopo tre giorni, Stella ha iniziato a usare "camminare" spesso quando voleva uscire e "fuori" solo quando aveva bisogno di fare i bisogni.

stella il cane parlante stella il cane parlante

 

In poco tempo le abilità linguistiche di Stella divennero più complesse. Una volta, mentre Hunger stava annaffiando le sue piante d'appartamento, il cane premeva il pulsante dell'acqua. Alla fine, Stella è stata in grado di mettere insieme più parole, come dire: "Christina vieni a giocare, ti amo".

 

Hunger ha detto che l'esperienza dell'addestramento di Stella, che ora ha 3 anni, ha cambiato il modo in cui pensa dei cani.

 

"I cani pensano molto", dice l'autore. “Sentono, hanno opinioni. Sono così attenti al loro ambiente, commentano su ciò che sta accadendo, hanno pensieri e idee indipendenti e vogliono condividerli ". dice l'autore.

animali domestici animali domestici

 

Le sue intuizioni hanno anche cambiato il suo rapporto con il suo animale domestico.

 

"È molto più forte", dice. “Le cose che facciamo non le decido io. Prendo in considerazione i desideri e le esigenze di Stella. Voglio che sia in grado di parlare da sola. Non sono solo io a chiamare i colpi. "

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute