AVEVA RAGIONE LA FAMIGLIA DI PURGATORI – IL RISULTATO DELL’ESAME ISTOLOGICO SUL CORPO DEL GIORNALISTA, SCOMPARSO IL 19 LUGLIO SCORSO, È LA CONFERMA DEI PEGGIORI TIMORI DEI FIGLI, DELL’EX MOGLIE E DELLA COMPAGNA DI ANDREA: NEL SUO CERVELLO NON SONO STATE TROVATE METASTASI. SIGNIFICA CHE LA MASSICCIA RADIOTERAPIA A CUI SI È SOTTOPOSTO, FORSE, NON ERA NECESSARIA? SECONDO ALCUNI MEDICI, ERANO SOLO ISCHEMIE…

-

Condividi questo articolo


andrea purgatori foto di bacco (2) andrea purgatori foto di bacco (2)

Estratto dell’articolo di Grazia Longo per “la Stampa”

 

La famiglia di Andrea Purgatori lo ha sempre sostenuto e ora l'esame istologico lo conferma: al momento della sua morte, il 19 luglio scorso all'età di 70 anni, nel cervello del giornalista non erano presenti metastasi. È stato stabilito «concordemente» sia dai periti della procura, sia da quelli di parte.

 

andrea purgatori foto di bacco andrea purgatori foto di bacco

Resta tuttavia il dubbio se l'assenza di metastasi sia dovuta all'effetto della massiccia radioterapia a cui il noto giornalista e conduttore tv è stato sottoposto o se davvero, come sospettato dai familiari dopo il parere del professor Bozzao, quelle metastasi al cervello non sono mai esistite.

 

Al momento i figli, l'ex moglie e la compagna di Purgatori […] precisano di «prendere atto dell'assenza di metastasi cerebrali e […] continuano a confidare nell'operato della magistratura, con l'unico intento di far accertare la verità degli eventi e le eventuali responsabilità».

 

GIANFRANCO GUALDI GIANFRANCO GUALDI

L'esame istologico, effettuato all'istituto di medicina legale del Policlinico di Tor Vergata, è stato disposto dalla procura di Roma per accertare le cause del decesso: per colpa medica sono stati indagati il professor Gianfranco Gualdi, responsabile della radiologia della Casa di Cura Pio XI, e il dottor Claudio Di Biasi, un membro della sua équipe.

Convinti delle metastasi al cervello, come conseguenza di un tumore primario ai polmoni, suggerirono una potente radioterapia cerebrale. Era davvero necessaria?

 

ANDREA PURGATORI IN SENATO IL 6 GIUGNO 2023 ANDREA PURGATORI IN SENATO IL 6 GIUGNO 2023

No, secondo il professor Alessandro Bozzao della casa di cura Villa Margherita, secondo il quale non si trattava di metastasi ma di ischemie. Dopo la denuncia dei familiari del giornalista, il pm Giorgio Orano e l'aggiunto Sergio Colaiocco hanno aperto un fascicolo ed è molto probabile che ora procedano verso un incidente probatorio che permetta di cristallizzare non solo l'autopsia, ma anche i referti iniziali, in particolare le lastre sulla base delle quali sono state diagnosticate le metastasi al cervello.

 

Il dato sicuro, come evidenziato dall'autopsia dello scorso agosto, è comunque che Purgatori è morto di cancro. O più precisamente, a causa di una coagulopatia legata alle metastasi, estese in altri organi, scatenate dal grave tumore originario ai polmoni.

 

edoardo purgatori saluta il padre andrea foto di bacco (1) edoardo purgatori saluta il padre andrea foto di bacco (1)

[…] La battaglia […] non è finita. E proseguirà da dove è iniziata. Ovvero dalla diversa lettura di risonanze magnetiche e Tac da parte del professor Gualdi e del professor Bozzao. Ma sul piano giudiziario è difficile che i due medici indagati possano essere processati e condannati: la ridotta aspettativa di vita, dimostrata dalla morte di Purgatori per il cancro e le metastasi in varie parti del corpo, farebbe venire meno il nesso causale tra la condotta dei medici e la morte.

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...