BANG BANG! AD ACIREALE, VICINO CATANIA, UN CARABINIERE INTERVIENE PER SEDARE UNA LITE TRA DUE GRUPPI DI FAMILIARI SUL SAGRATO DI UNA CHIESA E VIENE FERITO AL COLLO DA UN COLPO DI PISTOLA: IL MOMENTO DELLO SPARO (VIDEO) - IL MILITARE RISCHIA LA PARALISI: SI TEME UNA LESIONE AL MIDOLLO. ARRESTATO L'AGGRESSORE...

-

Condividi questo articolo


https://video.corriere.it/cronaca/acireale-carabiniere-sebastiano-giovanni-grasso-ferito-un-colpo-pistola-la-comunione-momento-sparo-un-video/be97a592-0e93-11ec-90a7-94fb0e4dd84c

 

Fiorenza Sarzanini per il Corriere della Sera

 

Era intervenuto per sedare una lite tra due gruppi di familiari sul sagrato di una chiesa nel Catanese. Un vicebrigadiere dei carabinieri è stato ferito gravemente al collo con un colpo di pistola.

acireale carabiniere ferito 7 acireale carabiniere ferito 7

 

Adesso rischia una lesione al midollo. Ed è ricoverato in condizioni critiche con prognosi riservata.

 

Il carabiniere ferito si chiama Sebastiano Giovanni Grasso, 43 anni.

 

Arrestato l'uomo che ha sparato: è un 69enne accusato di tentato omicidio e porto illegale di arma da fuoco.

 

Il militare, effettivo alla Stazione di Aci Sant' Antonio, era fuori servizio e si trovava sul sagrato per la prima comunione del figlio, quando ha visto la lite nei pressi della chiesa di Santa Maria degli Ammalati nella frazione di Guardia Manfano vicino ad Acireale ed è intervenuto per aiutare una pattuglia dei carabinieri arrivata sul posto.

 

Erano circa le 19 di ieri sera.

 

acireale carabiniere ferito acireale carabiniere ferito

Due gruppi di familiari che assistevano alla festa per la prima comunione avevano cominciato a litigare pare per futili motivi. Uno di questi, il 69enne, ha improvvisamente estratto una pistola colpendo il vicebrigadiere tra la spalla e il collo ed è stato subito dopo bloccato e disarmato dai militari del Radiomobile che erano accorsi. Anche se non è ancora stata stabilita la causa che ha scatenato la rissa sfociata poi in tragedia.

 

Si è capita subito la gravità della ferita. Il militare è stato trasportato presso l'ospedale di Catania, mentre l'aggressore è stato bloccato dai carabinieri.

 

sebastiano giovanni grasso sebastiano giovanni grasso

Il sottufficiale era vigile e cosciente, ma non riusciva a muovere le braccia e le gambe: si teme la paralisi per una lesione al midollo. È ricoverato con prognosi riservata nell'ospedale Cannizzaro di Catania. E sarà sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

 

Ad arrestare l'aggressore 69enne, su provvedimento della Procura di Catania, sono stati i carabinieri dell'aliquota Radiomobile della compagnia di Acireale.

 

 

acireale carabiniere ferito acireale carabiniere ferito

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA