UN BEL PEZZO DI BAKALOVA - INTERVISTA ALL'ATTRICE COMICA MARIA BAKALOVA, LANCIATA DAL FILM "BORAT 2" – DAGLI ESORDI CON RUOLI DRAMMATICI IN PRODUZIONI DELL’EST EUROPA A UNA DELLE COMMEDIE AMERICANE PIU’ POPOLARI DEGLI ULTIMI ANNI – DAL PROVINO SEGRETO ALL’INTERVISTA ALL’AVVOCATO DI TRUMP RUDY GIULIANI – LA GIOVANE 24ENNE RIVELA COM’E’ RIUSCITA A CONVINCERE SACHA BARON COHEN E DI COME SIA DOVUTA FUGGIRE DAGLI STATI UNITI DOPO L’INTERVISTA A GIULIANI…

-

Condividi questo articolo


DAGOTRADUZIONE DA www.dailymail.co.uk

MARIA BAKALOVA MARIA BAKALOVA

 

Maria Bakalova, l’attrice 24enne nata nella città costiera di Burgas, in Bulgaria, sul Mar Nero, è emersa come una stella nascente grazie alla sua performance di successo nel film Borat 2 nel ruolo di Tutar, la figlia adolescente di Borat Sagdiyev, il personaggio creato dal comico inglese Sacha Baron Cohen.

 

Il film, girato nel mezzo della pandemia e durante l'elezione presidenziale americana, è il sequel di “Borat: Studio culturale sull'America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan” uscito 15 anni fa. Nel sequel “Borat - Seguito di film cinema” il personaggio interpretato da Bakalova si nasconde in una gabbia per entrare negli Stati Uniti ed accompagnare suo padre in una missione per ripristinare il suo "buon" nome.

 

TUTAR GIULIANI 2 TUTAR GIULIANI 2

La figlia di Borat assume diverse identità, tra cui un giornalista che conduce l'ormai famigerata intervista faccia a faccia in una stanza d'albergo con l'oleoso avvocato di Donald Trump Rudy Giuliani - ignaro di far parte della pellicola.

 

Bakalova ha studiato all'Accademia nazionale bulgara per il teatro e le arti cinematografiche di Sofia, dove si è concentrata su Kafka, Turgenev e sugli insegnamenti di Stanislavskij. "Metà della mia vita è stata dedicata alla recitazione," ha detto. “La maggior parte dei ruoli che ho interpretato trattavano temi molto drammatici, dalla gravidanza adolescenziale al suicidio, quindi la commedia non era il mio genere.”

 

TUTAR TUTAR

La giovane attrice ammette che inizialmente non fosse interessata a una carriera nel cinema finché non vide due film di Mads Mikkelsen: “A Royal Affair” e “The Hunt”. "È allora mi sono innamorata del cinema,” ha affermato in un’intervista. 'Volevo essere esattamente come quell’attore, il che era strano perché di solito le ragazze dicono: "Voglio essere come lei". Io volevo essere come Mads.”

 

borat 2 borat 2

La Bakalova aveva già lavorato per produzioni cinematografiche nell'Europa dell’est, ma Borat è stato il suo primo film occidentale. In un’intervista ha spiegato che la maggior parte degli attori bulgari "Di solito hanno due o tre battute e interpretano ruoli come criminali o prostitute" e di essere contenta dell'attenzione che la sua performance ha attirato, sia per sé stessa che per il suo paese.

 

Il lavoro era impegnativo, anche perché spesso "facevamo solo una ripresa" con Cohen e il suo team e poi alzavano i tacchi subito dopo aver concluso la scena, spesso perché inseguiti da una folla adirata. Dopo la scena in cui Giuliani ci avrebbe con Tutar, sono dovuti fuggire dal paese. "È il momento in cui vuoi quasi uscire dal personaggio", ha ammesso la Bakalova, "Stavo avendo dei piccoli attacchi di panico prima di ogni scena."

 

TUTAR GIULIANI TUTAR GIULIANI

"Sentivo il mio cuore battere all'impazzata", ha rivelato. “Era l'avvocato del presidente; e queste persone sono super intelligenti…di solito. […] Non sono sicura di aver visto la scena come l’hanno vista tutti gli altri. Sacha si stava nascondendo nell'armadio, cercando di salvare sua figlia – ma in realtà ha salvato me, Maria! Come produttore e come creatore, è il mio mentore e angelo custode.”

 

Chiaramente i giurati e gli elettori per i premi BAFTA, Oscar e Screen Actors Guild hanno visto abilità e pathos nella performance di Bakalova, poiché l'hanno nominata nella categoria della migliore attrice non protagonista. (I premi SAG si terranno lunedì; i BAFTAS l'11 aprile).

 

TUTAR E JEANISE JONES TUTAR E JEANISE JONES

Maria non sapeva nulla della premessa del film o del coinvolgimento di Cohen ai tempi del provino per il ruolo. Ma non appena ha conquistato la parte, lei e Cohen si sono tuffati nelle prove: "Fin dall'inizio, c'era una struttura di un copione su un padre e una figlia che passano dei momenti folli insieme". Nel film, Il padre di Tutar le ha fatto il lavaggio del cervello, facendole pensare che "le donne dovrebbero vivere in gabbia" e che il loro unico scopo nella vita è "compiacere gli uomini che stanno per sposare". In seguito, Jeanise Jones, un'altra protagonista inconsapevole del film che Maria ha definito: "La fata madrina del film", rassicura l'adolescente che lei è "forte e bella proprio com’è". Per coloro che non hanno avuto il piacere, tutto questo accade prima che Tutar stia per sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica per mano di un vero chirurgo.

 

TUTAR E BORAT TUTAR E BORAT

È la recitazione esperta di Tutar che mostra il sessismo, la misoginia e la corruzione politica che Cohen e il suo team volevano denunciare e alla luce dell'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti a gennaio, Borat 2 sembra decisamente un segno premonitore.

 

Suo padre, un chimico in pensione, e sua madre, un'infermiera, hanno tenuto sotto stretto controllo la loro figlia da lontano durante tutte le riprese del film.

 

DI BAZ BAMIGBOYE

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute