BOLLETTINIAMOCI - OGGI 16.424 NUOVI CASI E 318 MORTI: NON SUPERAVAMO LA SOGLIA DEI 16 MILA CONTAGI GIORNALIERI DA PIÙ DI UN MESE. MA CON RECORD DI TAMPONI (340.247). IL TASSO DI POSITIVITÀ SALE AL 4,8% (IERI 4,4%) - SPERANZA: "NON CI SONO LE CONDIZIONI PER ALLENTARE LE MISURE" - LE INIEZIONI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO 3,7 MILIONI E PIÙ DI 1,3 MILIONI DI ITALIANI HANNO FATTO IL RICHIAMO...

-

Condividi questo articolo


Paola Caruso per www.corriere.it

 

IL BOLLETTINO DEL 24 FEBBRAIO IL BOLLETTINO DEL 24 FEBBRAIO

Sono 16.424 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri erano +13.314). Sale così ad almeno 2.848.564 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 318 (ieri erano +356), per un totale di 96.666 vittime da febbraio 2020.

 

Mentre le persone guarite o dimesse sono 2.362.465 complessivamente: 14.599 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri +12.898). E gli attuali positivi — i soggetti che hanno il virus — risultano essere in tutto 389.433, pari a +1.485 rispetto a ieri (+45 il giorno prima).

 

tamponi a merano tamponi a merano

I tamponi e lo scenario

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 340.247, ovvero 36.397 in più rispetto a ieri quando erano stati 303.850. Il tasso di positività è 4,8% (l’approssimazione di 4,82%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 4 sono risultati positivi; ieri era 4,4%.

 

coronavirus terapia intensiva 3 coronavirus terapia intensiva 3

Più contagi in 24 ore rispetto a ieri, con record di tamponi (superato il record precedente di oltre 310 mila del 10 febbraio). Sale il rapporto di casi/test al 4,8% dal 4,4% di martedì. Non si superava la soglia di 16 mila infezioni quotidiane da oltre un mese, l’ultima volta oltre questo valore è stato il 16 gennaio (con tasso 6,3%).

 

coronavirus terapia intensiva 4 coronavirus terapia intensiva 4

Non sembra un buon segnale. La curva sale, come succede in genere a metà settimana, riprendendo la sua altalena. Ma dal confronto con lo stesso giorno della settimana scorsa, mercoledì 17 febbraio, quando sono stati comunicati +12.074 casi con un tasso del 4,1%, si vede che lo scenario non migliora.

 

roberto speranza domenico arcuri roberto speranza domenico arcuri

«Non ci sono le condizioni per allentare le misure», dice il ministro della Salute Roberto Speranza al Senato. Si teme che le varianti possano prevalere sul virus che circola adesso. «I modelli ci dicono che per metà marzo il rischio è che tutti i casi siano collegati alla variante inglese — spiega il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario Irccs Galeazzi di Milano —. Speriamo che le azioni più mirate di zone rosse possano mitigare la diffusione».

 

vaccino inoculato vaccino inoculato

Mentre al livello globale l’Oms riferisce che i contagiati nel mondo, negli ultimi sette giorni, sono in calo per la sesta settimana consecutiva (con la curva dei decessi mondiali che segna -20%).

 

I vaccinati

Le iniezioni somministrate sono 3,7 milioni e più di 1,3 milioni di italiani hanno fatto il richiamo.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute