E LA BOMBA DOVE LA SGANCIA? PUTIN POTREBBE COLPIRE L'ISOLA DEI SERPENTI, ICONA DELLA RESISTENZA, OPPURE UN CENTRO ABITATO NELLA REGIONE DI LEOPOLI, AL CONFINE CON L'EUROPA. ANCHE CON LA TESTATA PIÙ PICCOLA CI SAREBBERO MIGLIAIA DI MORTI E UNA NUVOLA RADIOATTIVA RAGGIUNGEREBBE LA POLONIA E I PAESI BALTICI - COME REAGIREBBE L'ALLEANZA ATLANTICA? NON CI SONO PIANI PER UNO SCENARIO COSÌ - I VENTI DI GUERRA POSSONO SPINGERSI FINO ALL'ITALIA, PERCHÉ LE BASI NATO PIÙ VICINE ALL'AREA DEL CONFLITTO SONO AD AVIANO, IN PROVINCIA DI PORDENONE, E A GHEDI, NON LONTANO DA BRESCIA…

-

Condividi questo articolo


putin e la minaccia nucleare 7 putin e la minaccia nucleare 7

Estratto dell’articolo di Gianluca Di Feo per “la Repubblica”

 

Il conto alla rovescia verso l'ora più buia è cominciato. Ci sono tre mesi, quattro al massimo, per impedire che l'invasione dell'Ucraina inneschi un'escalation dove l'uso di ordigni nucleari non è più escluso. Vladimir Putin ha preso la decisione più rischiosa per il suo sistema di potere ma anche per la sicurezza mondiale. Non può tornare indietro: adesso è ancora più obbligato a insistere nella prova di forza, sia sul campo di battaglia che nel confronto con l'Occidente.

putin e la minaccia nucleare 6 putin e la minaccia nucleare 6

 

[…] Come e dove verrebbe usata l'arma "tattica" è un segreto. Il targeting, ossia la disciplina che determina la scelta dei bersagli, è una sintesi di valutazioni politiche e militari complesse, in cui il calcolo dei danni inflitti si accompagna a quello delle potenziali ritorsioni. […] Sono circolate due ipotesi. La minima: l'Isola dei Serpenti, lo scoglio occupato dai russi e poi riconquistato. Sin dall'inizio dell'invasione è diventata l'icona della resistenza, cancellarla con un fungo atomico trasmetterebbe un messaggio feroce all'intera nazione.

 

LA BASE DI GHEDI LA BASE DI GHEDI

Inoltre, nelle ciniche stime dei generali viene evidenziato che non ci sarebbero vitti me civili e il fall out - la pioggia di ceneri contaminate - si disperderebbe in mare. […] la lista della possibile rappresaglia si spinge a fino a includere il massimo dell'orrore: la distruzione di un centro abitato nella regione di Leopoli, al confine con l'Europa. Anche con la testata più piccola ci sarebbero migliaia tra morti e feriti, con una nuvola radioattiva che raggiungerebbe pure la Polonia e forse i Paesi baltici. […]

BASE USA DI AVIANO BASE USA DI AVIANO

 

Come reagirebbe l'Alleanza Atlantica? Kiev non ne fa parte e non ci sono piani per uno scenario così mostruoso. Fino al 1991 le testate "tattiche" erano previste dai comandi Nato come mezzo per contrastare l'assalto delle divisioni corazzate sovietiche, poi con il disarmo collettivo la questione è stata archiviata. Non tutti gli ordigni di questo tipo però sono stati smantellati. Gli Stati Uniti hanno mantenuto in servizio circa cinquecento bombe B-61, in parte destinate a venire sganciate dagli aerei alleati.

BASE USA DI AVIANO BASE USA DI AVIANO

 

Ed ecco che i venti di guerra possono spingersi fino all'Italia, perché le basi atlantiche più vicine all'area del conflitto sono nel nostro territorio. Nell'aeroporto di Aviano, in provincia di Pordenone, c'è una ventina di B-61 per i jet dell'aviazione americana. Altrettante - il numero esatto è top secret - si trovano a Ghedi, non lontano da Brescia: sono in un bunker statunitense ma verrebbero impiegate dai caccia Tornado della nostra Aeronautica. […]

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON C'E “DOMANI” PER LA MELONI - NON C'E' SOLO IL BUBBONE SU COME DISINNESCARE SALVINI: SA CHE GLI ALLEATI AMERICANI NON VOGLIONO FILORUSSI NEL GOVERNO. FITTIPALDI SVELA IL CASO CROSETTO: L'IRA DELLA DUCETTA PER LA SUA INTERVISTA A "AVVENIRE", E PURE IL FATTO CHE, COME PRESIDENTE DEGLI ARMIERI DELL’AIAD, POSSA PASSARE PER UNA SORTA DI “MARCO CARRAI DELLA MELONI”. CREANDOLE PROBLEMI DI POSSIBILI CONFLITTI D’INTERESSI - ANCORA: IN SENATO LA MAGGIORANZA DEL CENTRODESTRA È DI SOLI 11 SENATORI, E DUNQUE POCHISSIMI DI LORO POTRANNO FARE I MINISTRI O I SOTTOSEGRETARI, PERCHÉ POI IN AULA O NELLE COMMISSIONI IL RISCHIO DI ANDARE SOTTO NELLE VOTAZIONI SAREBBE ALL’ORDINE DEL GIORNO - RISIKO NOMINE: BELLONI, RONZULLI, LA RUSSA, URSO, SINISCALCO, PANETTA....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ORA IL COVID È PARAGONABILE ALL'INFLUENZA" - MATTEO BASSETTI: “DUE ANNI FA NON AVEVAMO IN CIRCOLAZIONE UN ANTICORPO. OGGI È CAMBIATO IL GRADO DI PROTEZIONE DELLA COLLETTIVITÀ: IL 100% DELLA POPOLAZIONE È ORMAI PROTETTO, O DALLA VACCINAZIONE, O DALLA MALATTIA OPPURE DA ENTRAMBE LE COSE. DOBBIAMO PROTEGGERE SOLO LE CATEGORIE PIÙ A RISCHIO. SOLO AI FRAGILI E AGLI ANZIANI RACCOMANDATO L'USO DELLA MASCHERINA, SUI TRASPORTI E ANCHE AL SUPERMERCATO” - IO MINISTRO? NON MI HA CHIAMATO. SE LO FARÀ, VEDREMO…”