E LA BOMBA DOVE LA SGANCIA? PUTIN POTREBBE COLPIRE L'ISOLA DEI SERPENTI, ICONA DELLA RESISTENZA, OPPURE UN CENTRO ABITATO NELLA REGIONE DI LEOPOLI, AL CONFINE CON L'EUROPA. ANCHE CON LA TESTATA PIÙ PICCOLA CI SAREBBERO MIGLIAIA DI MORTI E UNA NUVOLA RADIOATTIVA RAGGIUNGEREBBE LA POLONIA E I PAESI BALTICI - COME REAGIREBBE L'ALLEANZA ATLANTICA? NON CI SONO PIANI PER UNO SCENARIO COSÌ - I VENTI DI GUERRA POSSONO SPINGERSI FINO ALL'ITALIA, PERCHÉ LE BASI NATO PIÙ VICINE ALL'AREA DEL CONFLITTO SONO AD AVIANO, IN PROVINCIA DI PORDENONE, E A GHEDI, NON LONTANO DA BRESCIA…

-

Condividi questo articolo


putin e la minaccia nucleare 7 putin e la minaccia nucleare 7

Estratto dell’articolo di Gianluca Di Feo per “la Repubblica”

 

Il conto alla rovescia verso l'ora più buia è cominciato. Ci sono tre mesi, quattro al massimo, per impedire che l'invasione dell'Ucraina inneschi un'escalation dove l'uso di ordigni nucleari non è più escluso. Vladimir Putin ha preso la decisione più rischiosa per il suo sistema di potere ma anche per la sicurezza mondiale. Non può tornare indietro: adesso è ancora più obbligato a insistere nella prova di forza, sia sul campo di battaglia che nel confronto con l'Occidente.

putin e la minaccia nucleare 6 putin e la minaccia nucleare 6

 

[…] Come e dove verrebbe usata l'arma "tattica" è un segreto. Il targeting, ossia la disciplina che determina la scelta dei bersagli, è una sintesi di valutazioni politiche e militari complesse, in cui il calcolo dei danni inflitti si accompagna a quello delle potenziali ritorsioni. […] Sono circolate due ipotesi. La minima: l'Isola dei Serpenti, lo scoglio occupato dai russi e poi riconquistato. Sin dall'inizio dell'invasione è diventata l'icona della resistenza, cancellarla con un fungo atomico trasmetterebbe un messaggio feroce all'intera nazione.

 

LA BASE DI GHEDI LA BASE DI GHEDI

Inoltre, nelle ciniche stime dei generali viene evidenziato che non ci sarebbero vitti me civili e il fall out - la pioggia di ceneri contaminate - si disperderebbe in mare. […] la lista della possibile rappresaglia si spinge a fino a includere il massimo dell'orrore: la distruzione di un centro abitato nella regione di Leopoli, al confine con l'Europa. Anche con la testata più piccola ci sarebbero migliaia tra morti e feriti, con una nuvola radioattiva che raggiungerebbe pure la Polonia e forse i Paesi baltici. […]

BASE USA DI AVIANO BASE USA DI AVIANO

 

Come reagirebbe l'Alleanza Atlantica? Kiev non ne fa parte e non ci sono piani per uno scenario così mostruoso. Fino al 1991 le testate "tattiche" erano previste dai comandi Nato come mezzo per contrastare l'assalto delle divisioni corazzate sovietiche, poi con il disarmo collettivo la questione è stata archiviata. Non tutti gli ordigni di questo tipo però sono stati smantellati. Gli Stati Uniti hanno mantenuto in servizio circa cinquecento bombe B-61, in parte destinate a venire sganciate dagli aerei alleati.

BASE USA DI AVIANO BASE USA DI AVIANO

 

Ed ecco che i venti di guerra possono spingersi fino all'Italia, perché le basi atlantiche più vicine all'area del conflitto sono nel nostro territorio. Nell'aeroporto di Aviano, in provincia di Pordenone, c'è una ventina di B-61 per i jet dell'aviazione americana. Altrettante - il numero esatto è top secret - si trovano a Ghedi, non lontano da Brescia: sono in un bunker statunitense ma verrebbero impiegate dai caccia Tornado della nostra Aeronautica. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE