CAROLA E LA MEZZALUNA – TRA I DONATORI DELLA SEA WATCH C’È ANCHE LA DISCUSSA E POTENTE ORGANIZZAZIONE DI ORIGINE TURCA MILLI GÖRÜS, CHE HA DONATO 10MILA EURO ALLA ONG DELLA RACKETE LANCIANDO UN APPELLO AI MUSULMANI A SOSTENERE CHI “SALVA VITE NEL MEDITERRANEO” – IL FONDATORE NECMETTIN ERBAKAN, MORTO NEL 2011, DISSE: “TUTTA L’EUROPA DIVENTERÀ ISLAMICA. CONQUISTEREMO ROMA”

-

Condividi questo articolo

Maurizio Belpietro per “la Verità”

 

milli gorus milli gorus

Non bastava la Chiesa Evangelica, il capo dei verdi tedeschi e Gregor Gysi, ultimo leader della Germania comunista prima del crollo del muro di Berlino. Adesso a finanziare la Sea Watch ci si mettono pure gli islamici, i quali evidentemente vedono di buon occhio chiunque aiuti i musulmani a sbarcare in Europa. A Colonia l' associazione Milli Görüs e l' organizzazione umanitaria Hasene international (stessa parrocchia con il simbolo della mezzaluna turca) hanno infatti deciso di donare 10.000 euro alla Ong della Capitana Carola Rackete, lanciando in contemporanea un invito a tutti i fedeli dell' islam affinché sostengano chi «salva vite nel Mediterraneo».

 

CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

Milli Görüs e Hasene nel comunicato in cui annunciano l' iniziativa criticano la politica europea sui rifugiati e se la prendono pure con Salvini. «Chiediamo ai musulmani di contribuire alle donazioni per i salvataggi in mare», sono le parole di Bekir Altas, segretario del gruppo islamico, il quale per l' occasione ha aggiunto che la politica dei rifugiati dell' Europa gli provoca vergogna da molto tempo. «Con la criminalizzazione e l' arresto dei soccorritori però si è varcata la soglia della tollerabilità», ha infine concluso. Dunque, via alla colletta pro Rackete.

 

MILLI GORUS ITALIA MILLI GORUS ITALIA

Chi non viva in Germania o in Turchia è probabile che non sappia niente di Milli Görüs, ma è sufficiente scavare appena un poco per scoprire i molti interessi di questa associazione che fu fondata negli anni Settanta da un ex primo ministro turco. Necmettin Erbakan, questo il suo nome, guidò il governo di Ankara e fu il primo politico islamista dalla fondazione della Repubblica voluta da Mustafa Kemal Atatürk.

 

MEME SU CAROLA RACKETE MEME SU CAROLA RACKETE

Morto nel 2011, di fatto fu colui che aprì la strada a Recep Tayyip Erdogan e alla islamizzazione della Turchia, che Atatürk aveva voluto laica, proibendo l' uso dei simboli religiosi e del velo. Tanto per far capire come la pensasse e quali fossero i principi ispiratori dell' associazione da lui fondata, basti ricordare alcune sue frasi: «Gli europei sono malati, daremo loro il farmaco giusto. Tutta l' Europa diventerà islamica. Conquisteremo Roma», disse in una delle sue uscite più famose.

 

necmettin erbakan 1 necmettin erbakan 1

Di lui ci si ricorda in uno dei suoi ultimi interventi il no alla visita di Papa Benedetto XVI in Turchia, un no che era anche una bocciatura dell' Europa, che Erbakan chiamava con un certo disprezzo «il club cristiano». Essendo ferocemente antisemita, sugli ebrei diceva cose come questa: «Tutte le nazioni infedeli sono un' entità sionista; gli ebrei vogliono governare dal Marocco all' Indonesia, i sionisti hanno lavorato per 5.767 anni per costruire un ordine mondiale in cui tutti i soldi e il potere dipendono dagli ebrei, il dollaro Usa è denaro sionista, i "batteri" ebraici devono essere diagnosticati per una cura da trovare; i sionisti iniziarono le crociate, gli ebrei fondarono il protestantesimo e l' ordine capitalista; e Bush ha attaccato l' Iraq per costruire la Grande Israele, così Gesù può tornare».

 

la foto di carola sul profilo vkontakte di giancarmine bonamassa 1 la foto di carola sul profilo vkontakte di giancarmine bonamassa 1

Tanto per dire chi si stia mobilitando per finanziare Sea Watch e dunque gli sbarchi in Italia serve ricordare che gli aderenti all' associazione sono almeno 87.000, ma i sostenitori superano il mezzo milione in Europa, molti dei quali concentrati in Germania, ma non solo. Nella Ue il movimento può contare su 514 moschee, 313 sale di preghiera e diverse scuole coraniche. In Germania - nonostante in passato sia stata inserita nella black list delle organizzazioni islamiche integraliste - Milli Görüs ogni anno fa lezione di Corano a 70.000 ragazzi e in 20.000 partecipano ai campi estivi che l' associazione organizza.

 

milli gorus 1 milli gorus 1

A lungo sospettata di avere affinità con i Fratelli musulmani e di finanziare Hamas, Milli Görüs (che in turco vuol dire «punto di vista») è presente anche in Francia, dove controlla numerose moschee, nel Regno unito, nei Paesi Bassi, in Austria, Danimarca, Svezia, Norvegia, Belgio e Svizzera.

 

CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

Con una struttura così capillare in tutta Europa, poteva dunque mancare una presenza in Italia? Ovviamente no. E infatti a Milano Milli Görüs è molto attiva, al punto da voler trasformare la sede dell' associazione in via Maderna in una vera e propria moschea, con tanto di minareti. Insomma, per usare le parole di Necmettin Erbakan, l' organizzazione da lui fondata persegue con un certo impegno l' idea di conquistare il vecchio continente e di conseguenza Roma.

 

Tutto ciò per dire che da oggi Sea Watch ha un nuovo alleato, ossia il più importante movimento islamico presente in Europa. Non ci sono più solo gli esponenti della Chiesa evangelica, i verdi, gli ex comunisti e le varie organizzazioni umanitarie a tenerle bordone. Ora a sostenere la capitana c' è anche la comunità musulmana e il disegno appare perfetto.

recep tayyip erdogan recep tayyip erdogan

 

Consentire lo sbarco di extracomunitari spacciati per profughi e naufraghi quando in realtà si tratta di immigrati che non fuggono dalla guerra e neppure sono stati tratti in salvo mentre rischiavano di annegare, serve all' obiettivo che piaceva tanto al defunto fondatore di Milli Görüs, il teorico dell' islam politico in Turchia.

 

necmettin erbakan 2 necmettin erbakan 2

Altro che ragioni umanitarie, in questa faccenda di Ong che fanno la spola tra una sponda e l' altra del Mediterraneo scaricando migliaia di persone sulle nostre coste c' è un piano ed è preciso, ben spiegato in un articolo di Milli Gazzette, il giornale del movimento: «Anche se loro (gli imperialisti) cercano di nascondere le loro intenzioni, dobbiamo esporli e creare un nuovo mondo su una base giusta. Perché siamo sulla soglia di una nuova conquista. Conquista significa una nuova fase. Una nuova fase significa un nuovo mondo. Un nuovo mondo significa Milli Görüs.

 

la foto di carola rackete nell'hotspot della polizia a lampedusa la foto di carola rackete nell'hotspot della polizia a lampedusa

Milli Görüs rappresenta il nostro popolo nobile. Il nostro popolo nobile è sinonimo di vittoria. La vittoria è nostra e la vittoria è vicina». Del resto, sapete qual è il simbolo di Milli Görüs in Italia? Una penisola verde islam sormontata da una mezzaluna

necmettin erbakan necmettin erbakan CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute