IL CERVELLO NEL CESSO - ALLA “COLUMBIA UNIVERSITY” VIENE MESSO ALL’INDICE IL LIBRO DI OVIDIO, “LE METAMORFOSI”, ACCUSATO DI CONTENERE “MATERIALE OFFENSIVO E VIOLENTO” TRA CUI STUPRI E ATROCITÀ - DIVERSI ATENEI USA HANNO DATO IL VIA A UN SISTEMA DI SEGNALAZIONI DEI TESTI

Una studentessa vittima di violenza sessuale ha lamentato l’atteggiamento del professore che, nel narrare alcune storie che raccontavano uno stupro, si è “focalizzato sulla bellezza dello stile e sullo splendore del linguaggio figurato”. Una scelta che ha costretto la giovane donna a chiudersi in se stessa… -

Condividi questo articolo


Serena Danna per il “Corriere della Sera”

 

OVIDIO OVIDIO

La lettura delle Metamorfosi di Ovidio può arrecare gravi disturbi alla psiche dei laureandi. Suona più o meno così l’avvertimento con cui — secondo alcuni studenti della Columbia University — andrebbe introdotta nelle aule universitarie la lettura dei miti greco-romani.

 

A chiederlo, con un editoriale sul Columbia Daily Spectator, è il comitato che si occupa di vigilare sul multiculturalismo dell’università, che ha definito l’opera del poeta latino «un testo che, al pari di molti libri del “canone” occidentale, contiene materiale offensivo e violento che marginalizza le identità degli studenti nella classe».

 

La denuncia è arrivata dopo la settimana di studio dedicata alle Metamorfosi , in cui gli studenti del corso di letteratura classica hanno affrontato diversi miti — tra cui quello di Persefone, Dafne e Filomela — contenenti immagini di stupro e atrocità. Una studentessa vittima di violenza sessuale ha lamentato l’atteggiamento del professore che, nel narrare quelle gesta, si è «focalizzato sulla bellezza dello stile e sullo splendore del linguaggio figurato». Una scelta che ha costretto la giovane donna a chiudersi in se stessa. «Non si è sentita tranquilla — ha accusato il comitato preposto «ad assicurare che il campus della Columbia sia sicuro e ospitale per tutti gli studenti».

OVIDIO LE METAMORFOSI OVIDIO LE METAMORFOSI

 

Dopo il Grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald e Il crollo di Chinua Achebe, anche la mitologia greco-romana diventa obiettivo del cosidetto «trigger warning». Il termine, nato per descrivere le immagini in grado di far riemergere i traumi dei veterani del Vietnam, è diventato popolare nei forum femministi degli anni Novanta per indicare la presenza di contenuti che potessero offendere o turbare vittime di violenze sessuali.

 

OVIDIO OVIDIO

È stato però l’incontro con il mondo accademico e liberal americano a dare una terza vita al «bollino»: negli ultimi anni «materiale potenzialmente offensivo» è stato riscontrato in decine di opere letterarie, responsabili di raccontare — senza alcun filtro protettivo nei confronti dell’uditorio — l’orrore del passato: colonialismo, tortura, pedofilia, schiavitù.

 

Diversi atenei americani, tra cui l’università di Santa Barbara e l’Oberlin College in Ohio, hanno dato il via a un sistema di segnalazioni dei testi che possono rievocare traumi negli studenti.

 

Sembra un paradosso che la pratica — considerata da molti una nuova pericolosa frontiera del politicamente corretto — arrivi adesso nel campus che omaggia i principali filosofi del mondo classico nella facciata della sua biblioteca. Se le istanze degli studenti verranno accolte, la Columbia dovrà filtrare tutto il materiale utilizzato per le lezioni, segnalando i casi di «triggers», e formare i professori per affrontare le lezioni in maniera più critica e «rispettosa delle varie identità». Non si tratta di «censurare» i libri, come erroneamente riporta la stampa conservatrice, ma — ci tengono a precisare gli studenti — di accrescere la discussione intorno a essi, contestualizzandola alla luce di esperienze personali e storiche.

OVIDIO OVIDIO

 

L’attacco a Ovidio ha scatenato le reazioni anche di coloro che ritengono il «trigger warning» il risultato di una cultura iperprotettiva nei confronti dei figli: « È tempo per i nostri studenti — ha scritto T he New Republic — di imparare che la vita è offensiva. Una volta che lasceranno il college, saranno costantemente esposti a immagini ed episodi che li offenderanno e aggrediranno». Difficilmente però ci saranno etichette o comitati pronti ad avvisarli.

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

COSTACURTA E L'INESORABILE LEGGE DELLA MANIGLIA: FECE COLPO PRIMA SULLA MAMMA E POI SULLA FIGLIA – LA COLOMBARI RACCONTA IL PRIMO INCONTRO CON “BILLY”: “LUI ERA CON PANUCCI E 7 MODELLE. AL TAVOLO ACCANTO C’ERAVAMO IO, MAMMA E ZIA. MIA MADRE LO INDICO’ COL DITO. “MA LUI È QUEL BEL GIOCATORE DEL MILAN?” – COSTACURTA: “DOPO QUELLA SERA CHIAMAI GIORGIO ARMANI ALLA CUI SFILATA MARTINA AVREBBE PARTECIPATO PER AVERE UN POSTO IN PRIMA FILA. IL RESTO È STORIA” – LEI: LE ALTRE COMPAGNE DEI CALCIATORI ALL’INIZIO MI SNOBBAVANO. ERO VISTA COME QUELLA CHE..."

cafonal

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…