CHE FARANNO ORA GLI IRANIANI E I LORO BURATTINI DI HEZBOLLAH? – DOPO IL RAID ISRAELIANO A DAMASCO, IN CUI HANNO PERSO LA VITA 11 COMBATTENTI, TRA CUI IL GENERALE DEI PASDARAN MOHAMMAD REZA ZAHEDI, TEHERAN MINACCIA VENDETTA. MA COSA PUÒ FARE? SE BOMBARDASSE ISRAELE, DAREBBE VIA A UN’ESCALATION IMPREVEDIBILE IN CUI RISCHIEREBBE DI RIMETTERCI LE PENNE. SE NON FACESSE NIENTE, SAREBBE UN SEGNALE DI DEBOLEZZA – L’OMICIDIO DI ZAHEDI È IL PIÙ IMPORTANTE DALLA MORTE DI SULEIMANI NEL 2020. ALLORA L’IRAN RISPOSE CON UN BOMBARDAMENTO SPOT, SENZA VITTIME. E ORA? KHAMENEI PRENDE TEMPO…

Condividi questo articolo


 

 

 

raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 9 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 9

HEZBOLLAH, IL RAID ISRAELIANO A DAMASCO SARÀ PUNITO

(ANSA-AFP) - Hezbollah, il movimento filo-iraniano in Libano ha affermato stasera che Israele pagherà per il raid israeliano contro l'ambasciata d'Iran a Damasco. "Certamente, questo crimine non passerà senza che il nemico sia oggetto di punizione e vendetta", ha detto il 'Partito di Dio' in un comunicato.

 

MOSCA, 'RIUNIONE CONSIGLIO SICUREZZA ONU SU RAID ISRAELE'

mohammad reza zahedi mohammad reza zahedi

(ANSA) - Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu terrà oggi una riunione aperta, richiesta da Mosca, sull'attacco israeliano al consolato iraniano a Damasco: lo ha annunciato il primo vice rappresentante permanente russo presso l'Onu, Dmitry Polyansky, come riporta la Tass. "Gli iraniani si sono rivolti al Consiglio di Sicurezza dell'Onu per condannare questa azione. A seguito della loro lettera, abbiamo richiesto un briefing aperto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. La presidenza maltese l'ha fissato per le 15:00 ora di New York (le 21:00 in Italia, ndr) del 2 aprile", ha affermato Polyansky sui social media.

 

ONG, SALGONO A 11 I MORTI NEL RAID ISRAELIANO A DAMASCO

raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 8 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 8

(ANSA-AFP) - L'Osservatorio siriano per i diritti umani ha affermato che il bilancio delle vittime dell'attacco aereo contro l'edificio annesso dell'ambasciata iraniana a Damasco - ampiamente attribuito a Israele - è salito a 11. "Il bilancio delle vittime degli attacchi israeliani all'edificio annesso all'ambasciata iraniana è salito a 11: otto iraniani, due siriani e un libanese - tutti combattenti, nessun civile", ha affermato Rami Abdel Rahman, che dirige l'Osservatorio con sede in Gran Bretagna. L'osservatorio aveva precedentemente detto che ci sarebbero stati otto morti

 

Nyt, raid a Damasco contro incontro segreto 007 Iran-Jihad

(ANSA) - L'attacco ad un edificio del consolato iraniano a Damasco aveva nel mirino un "incontro segreto" tra alti funzionari dell'intelligence iraniana della Forza Quds e alti funzionari della Jihad islamica, che si erano riuniti lì per discutere della guerra a Gaza. Lo scrive il New York Times, citando un membro delle Guardie rivoluzionarie iraniane.

 

 

 

TEHERAN UMILIATA STUDIA LA VENDETTA MA C’È IL RISCHIO DI GUERRA REGIONALE

Estratto dell’articolo di Daniele Raineri per “la Repubblica”

 

L’uccisione del generale iraniano Mohammad Reza Zahedi, a Damasco, è per alcuni versi un fatto normale e per altri un fatto straordinario – e riguarda quello che sta succedendo nella Striscia di Gaza.

raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 11 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 11

 

[…] Zahedi è l’undicesimo ufficiale dei Guardiani della rivoluzione iraniana localizzato in Siria e ucciso da Israele a partire dal 7 ottobre, al quale vanno aggiunti altri sei uomini senza nome dei Guardiani […]. E la maggioranza di questi bombardamenti israeliani per decapitare la catena di comando iraniana in Siria è avvenuta a Mezze, il quartiere della capitale Damasco che fa da base operativa per gli iraniani – assieme all’aeroporto internazionale – e ospita anche l’edificio colpito ieri.

 

[…] Israele bombarda gli iraniani in Siria perché vuole evitare che lo Stato confinante diventi, con la compiacenza del dittatore Bashar el Assad, una piattaforma per lanciare attacchi contro le città israeliane da distanza ravvicinata.

 

raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 13 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 13

Ci sono però fatti straordinari. Zahedi è il comandante iraniano più alto in grado a essere ucciso dal gennaio 2020, quando un drone americano colpì il generale Qassem Suleimani sulla strada dell’aeroporto di Baghdad. È stato ucciso in pieno giorno durante una riunione strategica in territorio dell’Iran – perché l’edificio distrutto era su terreno dell’ambasciata a Damasco, quindi per la legge internazionale sul suolo iraniano. 

 

All’incontro erano presenti anche il generale iraniano Hossein Aminullah, il suo vice per gestire i dossier Siria e Libano, e il generale iraniano HajRahimi, che dirigeva le operazioni in Palestina. E secondo alcuni canali delle milizie filoiraniane, c’erano anche rappresentanti di fazioni palestinesi per decidere che cosa fare nei territori palestinesi.

 

qassem soleimani qassem soleimani

L’Iran […] ha preso la decisione strategica di non aiutare il gruppo palestinese nelle ore e nei giorni successivi all’attacco del 7 ottobre, e non ha gettato le sue milizie in una guerra totale al fianco di Hamas. Fu anzi l’Amministrazione Biden a fare pressione sul governo di Benjamin Netanyahu perché non aprisse un secondo fronte in Libano oltre a quello di Gaza. È chiaro però che Teheran intende sfruttare a modo suo la situazione nella Striscia e in Cisgiordania.

 

C’è il problema della reazione. L’Iran non può permettersi di reagire – perché se bombardasse invia diretta bersagli in Israele darebbe il via a un’escalation imprevedibile, che è quello che ha voluto evitare fino a oggi. Ma non può nemmeno permettersi di non reagire, perché sarebbe un segnale di estrema debolezza.

 

Vladimir Putin Ali Khamenei Ebrahim Raisi Vladimir Putin Ali Khamenei Ebrahim Raisi

Quando fu ucciso Suleimani nel gennaio 2020, i militari iraniani risposero con il bombardamento delle basi americane in Iraq per una notte soltanto e fu quasi un’operazione coreografata e senza vittime, in modo che ciascuna parte si potesse ritenere soddisfatta. Ma è escluso che possano coordinarsi con Israele per fare il bis di quello che fecero quella notte.

 

Le milizie filoiraniane lanciano uno stillicidio di operazioni minori ogni giorno contro obiettivi israeliani o che sono considerati legati a interessi israeliani: succede ogni poche ore al confine libanese, dove il gruppo Hezbollah spara missili e mortai […] e succede tutte le settimane nel Mar Rosso […]. 

 

raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 1 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 1

Se le milizie filo iraniane colpiscono ogni giorno, come si fa a capire che cosa è rappresaglia per il bombardamento israeliano a Damasco e che cosa non lo è? [… ]Messo davanti alla scelta fra escalation e umiliazione, l’Iran per ora prende tempo e dice che la vendetta arriverà al momento e nel luogo giusto, una formula usata anche in passato per dire che non sarà immediata.

JAWAD HASSAN TAWIL CON QASSEM SOLEIMANI JAWAD HASSAN TAWIL CON QASSEM SOLEIMANI ali khamenei ali khamenei

raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 15 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 15 attacco israeliano all ambasciata iraniana a damasco, in siria 3 attacco israeliano all ambasciata iraniana a damasco, in siria 3 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 10 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 10 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 7 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 7 raid israeliano all ambasciata iraniana di damasco in siria 2 raid israeliano all ambasciata iraniana di damasco in siria 2 raid israeliano all ambasciata iraniana di damasco in siria 3 raid israeliano all ambasciata iraniana di damasco in siria 3 attacco israeliano all ambasciata iraniana a damasco, in siria 2 attacco israeliano all ambasciata iraniana a damasco, in siria 2 raid israeliano all ambasciata iraniana di damasco in siria 1 raid israeliano all ambasciata iraniana di damasco in siria 1 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 5 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 5 attacco israeliano all ambasciata iraniana a damasco, in siria 1 attacco israeliano all ambasciata iraniana a damasco, in siria 1 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 4 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 4 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 6 raid israeliano contro l ambasciata iraniana a damasco, in siria 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”