CI MANCAVA IL PRETE MANOLESTA – IN PENNSYLVANIA UN SACERDOTE RUBA DALLA SUA CHIESA QUASI 100MILA DOLLARI PER PAGARSI I FIDANZATI, LA CASA AL MARE E UN ACCOUNT GRINDR XTRA - ARRESTATO DOPO UN ANNO DI INDAGINI: AVREBBE STORNATO LE DONAZIONI DEI PARROCCHIANI SU UN CONTO SEGRETO E…

-

Condividi questo articolo

Joseph McLoone Joseph McLoone

Federico Boni per www.gay.it

 

Un prete cattolico della Pennsylvania è accusato di aver rubato quasi 100.000 dollari dalla sua chiesa, poi sperperati per pagarsi una sontuosa casa al mare, fidanzati e altre spese personali, come l’account di Grindr XTRA.

 

L’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Chester ha annunciato che Joseph McLoone della chiesa cattolica di St. Joseph a Downingtown, in Pennsylvania, è stato arrestato questa settimana dopo oltre un anno di indagini. Gli investigatori affermano cheMcLoone ha aperto un conto corrente segreto nel 2011, deviando le donazioni dei parrocchiani in quel conto e sottraendo altri fondi della chiesa, mai rilevati per i successivi sette anni.

Joseph McLoone Joseph McLoone

 

McLoone avrebbe presumibilmente sottratto denaro della chiesa dal conto corrente segreto per pagarsi costose cene, viaggi, un villone a Ocean City, nel New Jersey, e diversi acquisti online. Di fronte all’Arcidiocesi di Philadelfia, il 58enne McLoone ha ammesso le proprie colpe. E’ stato subito messo in congedo amministrativo e ora dovrà affrontare 18 accuse.

 

L’ufficio di Chester County D.A. ha rilasciato questa dichiarazione: “Padre McLoone ha ricoperto una posizione di comando e i suoi parrocchiani si sono fidati di lui per gestire adeguatamente le loro generose donazioni alla chiesa. Padre McLoone ha violato la fiducia dei membri di St. Joseph per il suo guadagno personale.

Joseph McLoone Joseph McLoone

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

UNO, DIECI, MILLE VERDONE - IL RAPPORTO CON IL PADRE, IL CEFFONE PRESO A PRAGA, LA SOLITUDINE DI ALBERTO SORDI, IL RITIRO DALLE SCENE (“NON VOGLIO CHE SIA IL PUBBLICO A DIRMI BASTA”) E LE SOFFERENZE D’AMORE: “LIVIA AZZARITI NON MI SI FILAVA DI PEZZA, MA DA RAGAZZA ERA DI UNA BELLEZZA SCONVOLGENTE. UNA SERA LA PORTAI AL CIRCO. PARTIMMO MALE. MI CHIESE: “PERCHÉ SIAMO VENUTI AL CIRCO?”. RISPOSI MINIMIZZANDO: “NON È DIVERTENTE?”, E LEI SECCA: “NON MI PARE”. PERSO PER PERSO TENTAI DI STRINGERLA E…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute