CI SONO TRE ITALIANI NELLA RUBRICA DI JEFFREY EPSTEIN: FLAVIO BRIATORE, IL MAGNATE DELLA RISTORAZIONE GIUSEPPE CIPRIANI E IL PRESIDENTE DI INVESTINDUSTRIAL ANDREA BONOMI - IL “BULLONAIRE” MINIMIZZA I RAPPORTI: “LO CONOBBI TRENT'ANNI FA A PARIGI. NON L'HO MAI FREQUENTATO, NÉ MAI CI SIAMO RIVISTI FUORI DI LÌ. MAGARI CI SIAMO ANCHE SCAMBIATI I NUMERI. MAI STATO A UNA FESTA CON LUI…”

Condividi questo articolo


Elvira Serra per il “Corriere della sera”

briatore briatore

 

Ci sono tre nomi italiani nel «little black book», il piccolo libro nero rubato anni fa da un ex dipendente del finanziere americano Jeffrey Epstein e pubblicato nel 2015 dal sito di gossip Gawker. Sono quello dell' imprenditore Flavio Briatore, del magnate della ristorazione Giuseppe Cipriani e del fondatore e presidente di Investindustrial Andrea Bonomi. Figurano tra moltissimi altri, di cui il New York Magazine ha pubblicato un lungo elenco: tra loro il Principe Andrea, duca di York, Vittorio Assaf, patron di Serafina, garanzia del buon cibo a Manhattan, l'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon, l' ex primo ministro inglese Tony Blair.

Jeffrey Epstein Jeffrey Epstein

 

«Conobbi Epstein trent' anni fa a Parigi, nello showroom di Alberto Pinto, il mio decoratore», racconta al Corriere Briatore, per telefono da Monaco. «Non l' ho mai frequentato, né mai ci siamo rivisti fuori di lì. Magari ci siamo anche scambiati i numeri, quella volta, e di sicuro era il mio vecchio. Mai stato a una festa con lui e anche quando ci siamo conosciuti da Pinto parlando di case, arredamento, sedie e divani, non c' erano minorenni, l' ambiente era molto gay-friendly...».

 

La presenza nella ricca rubrica di Epstein, morto il 10 agosto in carcere dopo l' incriminazione per traffico sessuale di minorenni, non indica al momento collegamenti con i fatti che gli erano contestati, ma dà piuttosto l' idea della variegata ramificazione dei suoi contatti, forse nemmeno tutti attivi.

andrea bonomi andrea bonomi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)