CI VOLEVA UN DECALOGO PER CAPIRE CHE UN PROVINO A CASA NON È UN PROVINO? GLI OPERATORI DEL MONDO DELLO SPETTACOLO SFORNANO UN DECALOGO IN DIECI PUNTI IN CUI SI SNOCCIOLA COSA NON È LECITO SENTIRSI CHIEDERE: DAI PROVINI IN HOTEL, A CASA O IN UN TEATRO VUOTO FINO ALLE DOMANDE SULLA VITA PRIVATA, NUDITÀ, SIMULAZIONE DI SESSO E BACI – L’OBIETTIVO È EVITARE IL “SISTEMA WEINSTEIN” MA SEMBRA SOLO UNA PARACULATA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Eugenia Nicolosi per “la Repubblica”

 

PROVINO 1 PROVINO 1

[…] provini in circostanze ambigue, inviti in stanza, richieste di baci e nudo mascherate da incoraggiamenti alla creatività, ricatti, premi alla “disponibilità”. Per porre fine a tutto questo è stato redatto un documento dal titolo “Linee guida contro gli abusi durante la fase di casting” dall’Unione italiana casting directors, l’Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo, Amleta, Agenti spettacolo associati e Libera associazione rappresentanti di artisti, che in dieci punti spiega cosa è lecito e cosa non è lecito sentirsi chiedere ai provini. Per esempio non si accettano appuntamenti in hotel o in casa o ancora a teatro, la notte quando è vuoto, e non sia accettano domande sulla vita privata, nudità, simulazioni di sesso.

regista e violenze 4 regista e violenze 4

 

A sottoscrivere il decalogo una cordata di professionisti tra cui Vittoria Puccini che spera sia un passo verso un capovolgimento di coscienza. «Occorre spostare il punto di vista: non devono essere le colleghe ad avere paura di denunciare ma gli abusanti: è chi fa certe cose a dover perdere il lavoro, non chi denuncia » […] Il decalogo ha lo scopo di mettere in sicurezza chi si trova a subire gli squilibri di potere.

[…]

PROVINO 2 PROVINO 2

Le prime storie di abusi che si traducevano in approcci sessuali e molestie verbali sono emerse nel 2018, dopo i fatti americani, e mai del tutto sparite. Ma mai nemmeno esplose. Mentre negli Usa l’opinione pubblica ha costretto l’industria del cinema a fare professionalmente a pezzi alcuni dei suoi nomi più noti, in Italia nessuno, fino a oggi, è stato legalmente — o mediaticamente — punito. Anzi. Le testimonianze delle attrici italiane rivelano pure quante ripercussioni ci siano nel denunciare e nessuna o quasi, nell’essere denunciati.

 

 regista e violenze 2  regista e violenze 2

[…] vengono fuori scenari in cui chi sa si dà di gomito con l’abusante, che sia regista, produttore o critico, invece che allontanarlo. E nell’attesa che in Italia si cambi epoca, le dieci regole, poche precise e non fraintendibili, sono destinate a chi deve farsi carico della sicurezza. E ancora una volta sono le persone abusate e non chi le abusa.

 regista e violenze 6  regista e violenze 6  regista e violenze 5  regista e violenze 5 provino provino

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI