CLIC, SI VENDE! RICHARD GERE METTE ALL’ASTA I 156 SCATTI D’AUTORE COLLEZIONATI NEGLI ANNI: “HO COMINCIATO A COMPRARE LE FOTOGRAFIE CHE MI PIACEVANO. NON VOLEVO CREARE UNA COLLEZIONE. PROBABILMENTE, ALLA FINE, È SUCCESSO” – TRA LE IMMAGINI QUELLE DI PIONIERI DELL'OTTOCENTO COME GUSTAVE LE GRAY E CARLETON WATKINS, CAPOLAVORI DI PRIMO NOVECENTO DI TINA MODOTTI PER FINIRE CON I CONTEMPORANEI DA RICHARD AVEDON A HERB RITTS – UN TESORO CHE VALE…

-

Condividi questo articolo


Matteo Persivale per il “Corriere della Sera”

 

richard gere richard gere

«Ho cominciato a comprare le fotografie che mi piacevano. Non volevo creare una collezione. Probabilmente, alla fine, è successo». Richard Gere possiede, tra i molti doni che la natura gli ha regalato, quello dell'understatement. Qualche anno fa in un'intervista con il Corriere della Sera minimizzò le conseguenze professionali del suo impegno a favore del Tibet che l'ha reso inviso a Pechino e per questo cancellato dalla lista degli attori arruolabili nelle grandi produzioni hollywoodiane (da esportare anche in Cina), spiegando di preferire i piccoli film indipendenti che trovava più interessanti, e di avere così più tempo per la pratica e lo studio del buddhismo.

la collezione di foto di richard gere 9 la collezione di foto di richard gere 9

 

Affronta adesso con la stessa pacatezza anche la grande asta online «Fotografie dalla collezione Richard Gere» (Christie' s, dal 23 marzo al 7 aprile) che rappresenta uno degli avvenimenti dell'anno per il mercato dell'arte: va all'incanto una serie di capolavori assemblata con gusto tanto eclettico quanto raffinato: 156 lotti (la stima, bassa, intorno ai due milioni di dollari) con l'editing di Joslin Van Arsdale, che attraversano la storia della fotografia.

 

A cominciare dalle foto di pionieri dell'Ottocento come Gustave Le Gray e Carleton Watkins e proseguendo con i capolavori primo Novecento di Tina Modotti, Edward Weston, Manuel Álvarez Bravo e Alfred Stieglitz. Per finire con i contemporanei: da Richard Avedon a Herb Ritts . Proprio la presenza di Le Gray testimonia il gusto di Gere: i paesaggi (famosissimi i suoi mari in tempesta) del francese, tra i padri nobili della fotografia e straordinario innovatore delle tecniche di stampa, sono stati acquisiti da Gere quando ancora i prezzi dell'artista erano abbordabili (da quando lo sceicco qatariota Al-Thani se ne appassionò negli anni Novanta, le quotazioni sono inevitabilmente salite a dismisura: per qualche anno le immagini di Le Gray fecero record su record, rendendolo più di un secolo dopo la morte il fotografo più costoso del mondo). Richard Gere è anche fotografo: ha esposto in gallerie importanti e pubblicato nel 1997 (ricavato in beneficenza per il Tibet) un libro che ricevette ottime recensioni.

la collezione di foto di richard gere 8 la collezione di foto di richard gere 8

 

L'amore per la fotografia lo accompagna da sempre: poco più che ventenne, da aspirante attore, diventò amico di un futuro maestro della fotografia, Herb Ritts. L'uomo che lo rese famoso con gli scatti - molto imitati da allora nel mondo della moda: sembrano curatissimi, furono in realtà improvvisati perché l'automobile su cui viaggiavano si era fermata nel deserto - di Richard sudato in canottiera e jeans attillati a una pompa di benzina, bellissimo (e ambiguo) nella luce del crepuscolo californiano come un novello Brando.

 

la collezione di foto di richard gere 7 la collezione di foto di richard gere 7

«Affinata da anni sia davanti che dietro una macchina fotografica, la passione di Gere per la creazione di immagini e il collezionismo è in bella mostra in questa collezione meravigliosamente varia. Questi sono artisti che sono abili nel catturare le emozioni umane, che hanno emozionato Gere - ha scritto nel catalogo Darius Himes, responsabile internazionale delle fotografie di Christie' s - Sono esposti i punti salienti della collezione che rappresentano un riflesso del tempo che ha trascorso a Los Angeles, della sua ammirazione per i fotografi del ventesimo secolo e delle amicizie che ha stretto strada facendo».

la collezione di foto di richard gere 5 la collezione di foto di richard gere 5 la collezione di foto di richard gere 1 la collezione di foto di richard gere 1 la collezione di foto di richard gere 2 la collezione di foto di richard gere 2 la collezione di foto di richard gere 3 la collezione di foto di richard gere 3 richard gere foto di bacco (1) richard gere foto di bacco (1) la collezione di foto di richard gere 4 la collezione di foto di richard gere 4 richard gere richard gere richard gere american gigolo richard gere american gigolo richard gere in armani american gigolo 1 richard gere in armani american gigolo 1 richard gere in armani american gigolo richard gere in armani american gigolo richard gere richard gere la collezione di foto di richard gere 6 la collezione di foto di richard gere 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…