IL CORNUTO HA MAZZIATO - MAURO DONATO GADDA, IL 64ENNE TROVATO MORTO IN ROMANIA, SAREBBE STATO UCCISO DAL MARITO CORNUTO DELLA SUA AMANTE - MA LA POLIZIA HA FERMATO ANCHE LA DONNA, CHE POTREBBE ESSERE COMPLICE - L’UOMO HA SEGUITO LA CONSORTE FEDRIFAGA A UN APPUNTAMENTO PORCINO CON L’IMPRENDITORE MILANESE E LA LITE SUCCESSIVAMENTE NATA TRA I DUE HA PORTATO ALLA MORTE DI GADDA (POTREBBE AVER SBATTUTO LA TESTA CADENDO) – I DUE SONO STATI TRADITI DAI TENTATIVI MALDESTRI DI FAR SEMBRARE IL DECESSO UN OMICIDIO DI STAMPO MAFIOSO…  

-

Condividi questo articolo


F. Zan. Per “il Messaggero”

 

MAURO DONATO GADDA MAURO DONATO GADDA

Tutto era stato pianificato perché sembrasse un omicidio di stampo mafioso: un'auto senza targa incendiata in un campo alle porte di Bucarest - in Romania - e il corpo di un uomo nel bagagliaio. Ma secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l'imprenditore italiano Mauro Donato Gadda, 64 anni, sarebbe stato invece ammazzato per gelosia. La polizia rumena ha fermato i coniugi Valentin Barbalau e Carmen, di 27 e 23 anni: non è ancora chiaro il ruolo della donna nel delitto, ma è stato accertato che da tempo aveva una relazione sentimentale con Gadda.

 

Il 64enne, originario di Busto Garolfo (Milano), aveva lasciato l'Italia una decina di anni fa e viveva stabilmente tra Giurgiu e la capitale, dove era socio di un'azienda che si occupa della produzione di filtri e pompe d'acqua.

 

LA MORTE DI MAURO DONATO GADDA IN ROMANIA - I DUE FERMATI LA MORTE DI MAURO DONATO GADDA IN ROMANIA - I DUE FERMATI

Secondo una prima ricostruzione dell'omicidio, Gadda sarebbe stato caricato nel bagagliaio dell'auto già deceduto, e soltanto a quel punto gli assassini avrebbero appiccato quell'incendio che, come riportano i media locali, sarebbe durato quasi quattro ore. All'arrivo delle forze dell'ordine, il corpo è stato rinvenuto completamente carbonizzato, ma da un primo esame medico sarebbero emerse diverse fratture alle ossa delle mani, alle costole e al cranio. Un eventuale arma del delitto non è stata ancora trovata, ma saranno le indagini e l'autopsia ad accertare la precisa causa del decesso.

 

LA RICOSTRUZIONE

I due fermati avrebbero incontrato Gadda martedì scorso in un appartamento, durante uno degli appuntamenti romantici tra la vittima e Carmen. Secondo quanto riportano alcune testate locali, Valentin avrebbe seguito la moglie e, non appena si è trovato davanti l'imprenditore, ne è nata un'accesa lite, durante la quale il 64enne avrebbe perso la vita (tra le ipotesi, anche quella che abbia battuto la testa a terra in seguito a una forte spinta). A quel punto, quindi, l'idea di mascherare l'omicidio.

MAURO DONATO GADDA MAURO DONATO GADDA

 

Non è chiaro quanto la donna sia stata partecipe della messinscena che avrebbe dovuto depistare gli inquirenti verso un delitto mafioso, ma entrambi i coniugi sarebbero stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza poco distanti dal luogo in cui è stata fatta bruciare l'auto. Questo è soltanto uno degli errori commessi dai due: negligenze che, una volta scoperte, hanno reso sempre più improbabile l'ipotesi di un legame con gli ambienti della malavita.

 

La targa della Dacia Logan di Gadda era stata rimossa, ma i presunti assassini non avevano pensato di rendere illeggibile anche il numero di telaio. A fare il nome dell'imprenditore sarebbe stata poi la sua governante che, riconoscendo la macchina dalle immagini al telegiornale, ha contattato le forze dell'ordine. Sempre lei, poi, avrebbe fornito ulteriori dettagli sulla vita del 64enne, che in Romania conduceva una vita agiata e tranquilla. Era appassionato di cavalli, collezionava auto, possedeva una barca per la pesca e una villa in un quartiere residenziale. Godeva senz' altro di un'ottima situazione economica e, secondo quanto raccontato agli inquirenti dalla governante, era solito condividere quella serenità con diverse amanti.

 

MAURO DONATO GADDA MAURO DONATO GADDA

A detta della donna, infatti, sarebbe stata abitudine di Gadda avere ospiti femminili a casa, spesso anche molto giovani. Un dettaglio quest' ultimo, che ha ulteriormente rafforzato la pista passionale. Secondo quanto diffuso dalla stampa rumena, inoltre, Valentin Barbalau era già noto alle forze dell'ordine per violenza domestica nei confronti della moglie.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute