COSA È SUCCESSO A LUC MONTAGNIER? - IL NOBEL PER LA MEDICINA NEL 2008, BIOLOGO E VIROLOGO DIVENTATO IDOLO DEI NO VAX PER LE SUE TEORIE NEGAZIONISTE, È STATO DATO PER MORTO DAL QUOTIDIANO "FRANCE SOIR", MA NON CI SONO ALTRE CONFERME - TANTO È BASTATO PER SCATENARE GLI SVALVOLONI ANTI-VACCINO CHE, TRA COMPLOTTI E RETROPENSIERI, DICONO SIA STATO UCCISO: "COME MAI MILIONI DI MINACCE ARRIVANO A BURIONI E BASSETTI MA POI ALLA FINE MUOIONO MONTAGNIER E DE DONNO?"

-

Condividi questo articolo


1 - "MORTO MONTAGNIER". GIALLO SUL NOBEL IDOLO NEGAZIONISTA

Francesco De Remigis per www.ilgiornale.it

 

MONTAGNIER 44 MONTAGNIER 44

Tutto è iniziato con un messaggio fin troppo asciutto su Twitter: «Luc Montagnier ci ha appena lasciato. Rip», ha scritto il quotidiano France Soir ieri mattina. «È morto serenamente l'8 febbraio 2022 alla presenza dei suoi figli. 18 agosto 1932 - 8 febbraio 2022. Pace all'anima di questo grande uomo».

 

MONTAGNIER 44 MONTAGNIER 44

Nessuno riprende la notizia per ore: parte la corsa alle verifiche. Non ci sono dalla famiglia, ma neppure arrivano smentite. Dato il personaggio, Nobel per la Medicina nel 2008, biologo e virologo, da mesi attorniato non solo dalla compagna-assistente Suzanne ma pure da gruppi No Vax o No Pass che lo hanno invitato in giro per l'Europa e pure in Italia, la «voce» della sua morte segue canali paralleli per un intero giorno, senza conferme che non fossero quelle del quotidiano francese: secondo cui, Montagnier, sarebbe morto all'ospedale americano di Neuilly-sur-Seine.

 

luc montagnier gianluigi paragone manifestazione no vax milano luc montagnier gianluigi paragone manifestazione no vax milano

Social in fibrillazione: tra teorie del complotto globale azionato da governi pro-Big Pharma, che avrebbero ignorato la morte dello scienziato e accuse i familiari del virologo di non voler «pubblicizzare» il decesso a causa delle sue controverse posizioni sui vaccini anti-Covid.

 

luc montagnier alla manifestazione no vax organizzata da paragone a milano luc montagnier alla manifestazione no vax organizzata da paragone a milano

Neppure i grandi giornali transalpini hanno preso sul serio la notizia, carente di dettagli. Zero titoli su France24, BfmTv o altre emittenti nazionali. Tanto è bastato a innescare il giallo, cresciuto a dismisura, fin quando France Soir non aggiunge che «Gérard Guillaume, uno dei suoi più fedeli collaboratori» conferma la morte, avvolta nel mistero; risolto (forse) solo nella serata di ieri, quando Sergio Flores, segretario milanese di Italexit, avvalora la dipartita avvenuta martedì.

 

MONTAGNIER E NO VAX 44 MONTAGNIER E NO VAX 44

Prima di Flores, solo una collega francese di Montagnier, Alexandra Henrion-Caude: «Addio caro professore», scrive senza citare il nome di Montagnier e parlando di lutto nazionale per uno scienziato. Mentre l'emittente Byoblu conferma la morte dedicando un maxi speciale all'amico «Luc».

 

2 - LUC MONTAGNIER MORTO, L'ORRORE. "MATTEO BASSETTI MINACCIATO MA SCOMPAIONO LUI E DI DONNO"

Da www.liberoquotidiano.it

 

La morte di Luc Montagnier scatena il lutto tra i no vax italiani e la vergogna degli stessi contro Matteo Bassetti e i virologi italiani. Il premio Nobel francese è morto a 89 anni in Francia, anche se la notizia è stata confermata solo da France Soir e, in Italia, dal sito Byoblu, punto di riferimento della galassia degli anti-siero e dei No Green pass.

 

luc montagnier alla manifestazione no vax organizzata da paragone a milano luc montagnier alla manifestazione no vax organizzata da paragone a milano

Su Twitter, il cordoglio (e il complottismo) è stata un'onda prevedibile e impressionante. Tra i commenti di personaggi pubblici da segnalare quelli di Francesca Donato, europarlamentare uscita dalla Lega lo scorso settembre e ora "voce politica" del movimento.

 

LUC MONTAGNIER A FUORI DAL CORO LUC MONTAGNIER A FUORI DAL CORO

"Un pensiero colmo di gratitudine e profondo rispetto per un uomo straordinariamente capace, retto, indipendente e trasparente. Le sue parole acquistano oggi ancora più valore".

 

MONTAGNIER 11 MONTAGNIER 11

Montagnier era stato a Milano poche settimana fa, già fisicamente provato, per scendere in piazza con i No Green pass. Anche Paolo Becchi, filosofo, su Twitter lo ha ricordato commosso: "Un importante scienziato, che  non ha rinunciato ad essere controcorrente, ci ha lasciato. Una notizia tristissima per tutti gli uomini liberi".

 

LUC MONTAGNIER A FUORI DAL CORO LUC MONTAGNIER A FUORI DAL CORO

Ma sono le parole dei "semplici" utenti a colpire di più. "Sarai ricordato da tanti per aver cercato di smascherare un sistema di corrotti. Sarai ricordato per il tuo buon cuore, la tua lealtà e la tua intelligenza. Fai buon viaggio NOBEL", scrive Elena.

 

luc montagnier. luc montagnier.

La pagina "ufficiale" Covidiots sottolinea: "È stato un faro di ragionevolezza e lucidità nella notte più buia della ragione e della falsa scienza. Grazie prof Montagnier. La nostra battaglia di libertà continuerà anche nel tuo solco: di verità e vera scienza. Riposi nella pace eterna l'anima tua".

 

luc montagnier 3 luc montagnier 3

Quindi, spazio alle parole più velenose. Minerva osserva: "Chiedo un attimo di raccoglimento per ricordare un uomo che il 15 di gennaio, a 90 anni, ha scelto di fare il suo ultimo viaggio in Italia in difesa del popolo italiano… grazie Prof. Montagnier!".

 

luc montagnier luc montagnier

"A parte l'età - scrive Massimiliano Mirto - non vi pare che negli ultimi tempi alcuni personaggi, diciamo fastidiosi, muoiano sempre al momento giusto? Così tanto per dire". Gli fa eco l'utente @nedesyo: "Come mai milioni di minacce arrivano sempre a Burioni e Bassetti ma poi alla fine muoiono Montagnier e De Donno?".

 

ARTICOLI CORRELATI

luc montagnier premio nobel luc montagnier premio nobel luc montagnier 2 luc montagnier 2 LUC MONTAGNIER LUC MONTAGNIER Luc Montagnier Luc Montagnier LUC MONTAGNIER LUC MONTAGNIER luc montagnier da bambino luc montagnier da bambino luc montagnier luc montagnier

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…