CRISTO, CHE BONO! – L’IMMAGINE DI GESU’, IN VERSIONE SEXY, SCELTA DALLE CONFRATERNITE DI SIVIGLIA PER UN CARTELLONE PUBBLICITARIO SCATENA UN POLVERONE – I TRADIZIONALISTI DICONO CHE L'IMMAGINE DEL CRISTO QUEER SIA ISPIRATO DA QUELLO CHE HA DETTO IL PAPA E SOPRATTUTTO DALLA MISERICORDIA SUPPLICANS, IL DOCUMENTO SULLA BENEDIZIONE DELLE COPPIE GAIE...

-

Condividi questo articolo


IMMAGINE DI CRISTO SCELTA DALLE CONGREGAZIONI DI SIVIGLIA IMMAGINE DI CRISTO SCELTA DALLE CONGREGAZIONI DI SIVIGLIA

(ANSA) - ROMA, 30 GEN - Giovane, bello, quasi nudo e senza croce: è l'immagine di Cristo scelta dalle Confraternite di Siviglia per il cartellone che pubblicizza i riti della Settimana Santa che ogni anno portano nella città spagnola migliaia di pellegrini e turisti. Una immagine non usuale della passione e resurrezione che ha indignato soprattutto i tradizionalisti secondo i quali ci troviamo di fronte ad un "Cristo gay" o che comunque ammicca al mondo queer. Su change.org è stata anche aperta una petizione per il ritiro dell'immagine che, fino a questo momento, ha già raccolto oltre 12mila firme.

 

L'autore dell'opera è il pittore Salustiano Garcia che, presentando l'opera, ha detto di essersi ispirato al figlio. E intervistato dalle tv ha difeso la sua opera: "Se qualcuno vede nell'immagine qualcosa di peccaminoso è malato e ha bisogno di aiuto". Il consiglio degli avvocati cristiani sta pensando di presentare un esposto e accusa l'artista di avere amicizie all'interno del Consiglio delle Confraternite sostenendo dunque che la sua immagine sia stata scelta per questo motivo.

 

Salustiano Garcia Salustiano Garcia

La scelta è come sempre delle Confraternite che gestiscono la realizzazione di processioni e riti che fanno della Settimana Santa di Siviglia uno degli eventi più seguiti al mondo nel periodo pasquale. Ma c'è chi punta il dito anche contro l'arcivescovo, monsignor José Ángel Saiz Meneses. "La colpa è di coloro che lo tollerano, per esempio, la giunta delle Confraternite di Siviglia o lo stesso arcivescovo", accusa padre Jorge Gonzales Guadalix, sacerdote della arcidiocesi di Madrid. L'arcivescovo Saiz Meneses cerca di placare le polemiche e chiede di "fissare lo sguardo su Cristo, di concentrarci sull'essenziale e seguire le sue orme", come ha detto nell'ultima omelia, secondo quanto riferito dal settimanale cattolico Vida Nueva.

 

Ma l'arcivescovo di Siviglia è stato costretto ad aggiornare lo status del suo profilo X per non consentire commenti, considerata l'ondata di richieste di condanna e rimozione dell'immagine. In questi stessi giorni un'altra polemica c'è stata a Palermo, sempre sulla raffigurazione di Cristo. Al centro delle polemiche l'opera "Cristo in gonnella" annunciata dai frati conventuali. L'immagine ha una sua lunga tradizione ma sui social nei giorni scorsi erano comunque arrivate contestazioni. L'esposizione - si legge sull'account Facebook dei frati che però non forniscono spiegazioni - è stata annullata.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…