CUCI & TAGLIA - PORTATA IN CARCERE A 84 ANNI L'EX SARTA DI SOFIA LOREN: È ACCUSATA DI AVER ACCOLTELLATO IL MARITO CHE LA MALTRATTAVA – LA DONNA AVREBBE DOVUTO ESSERE STATA TRASFERITA IN UNA STRUTTURA DEDICATA, VISTA L'ETÀ E LE PATOLOGIE: "MI HANNO PORTATA VIA IN CAMICIA DA NOTTE E SENZA DENTIERA" - IL MARITO HA RIPORTATO TRE FERITE SUPERFICIALI, NON È IN PERICOLO DI VITA…

-

Condividi questo articolo


Luca Monaco per www.repubblica.it

 

Coltello in acciaio Coltello in acciaio

"Mi hanno presa di notte - racconta concitata - senza darmi il tempo di prendere i vestiti e mi hanno portata in carcere, in camicia da notte, senza dentiera: tremavo, le altre detenute mi hanno prestato qualcosa per coprirmi. Sono una persona onesta, ho lavorato tutta la vita come sarta, anche nel mondo dello spettacolo: ho cucito i vestiti anche per Sofia Loren, Marcello Mastroianni, Alberto Sordi".

 

Loretta ha 84 anni, un disagio evidente che andrà diagnosticato, il 9 agosto senza nessuna umanità è stata portata nel carcere di Rebibbia femminile. La sarta romana è accusata di aver accoltellato il marito durante una lite familiare, a seguito di maltrattamenti. Avrebbe dovuto essere stata trasferita da subito in una struttura dedicata, senza mai entrare in carcere vista l'età e le patologie. Nessuno se ne è curato. La storia di Loretta è stata intercettata dalla garante dei detenuti di Roma Gabriella Stramaccioni, che l'ha incontrata in istituto la mattina di Ferragosto.

 

aggressione con coltello 1 aggressione con coltello 1

"Le suore di Rebibbia, suor Federica e suor Maria Pia, mi hanno segnalato questa storia e oggi, lunedì 15 agosto, sono andata subito a incontrarla - racconta Stramacconi - sta nel reparto per i malati che chiamano infermeria, c'è una ragazza di Rieti, molto carina, che si sta prendendo cura di lei - dice -  io ho trovato un istituto di suore, una casa d'accoglienza a Tor Vergata, che è pronta a ospitarla, domani scriverò al magistrato per farla trasferire - afferma ancora Stramaccioni - la cosa grave è che queste soluzioni andrebbero trovate prima, non dopo". Il gip ha ordinato l'immediato trasferimento in carcere.

 

aggressione con coltello 2 aggressione con coltello 2

Loretta ha diversi lividi sul corpo, i segni dei colpi inferti dal marito. "Perché io parlo, parlo, lui mi picchia per farmi stare zitta - ha raccontato Loretta a Stramaccioni - anche il 9 agosto è successo così. Mi sono rifugiata in cucina, ma lui è riuscito a entrare e mi sono difesa con un coltello".

 

Il marito ha riportato tre ferite superficiali, non è in pericolo di vita. Lei è stata portata in carcere perché non aveva a disposizione un altro luogo da indicare per osservare i domiciliari. "Non ho figli - ripete Loretta - l'unica parente che è una sorella ma è malata di tumore".

 

aggressione con coltello 3 aggressione con coltello 3

Così è stata portata a Rebibbia, dove è accudita dalle suore e dalle altre detenute che cercano di prendersi cura di lei. "L'ho incontrata alle 10 di mattina, più tardi sono entrati a visitare le detenute anche i Radicali e il capo dell'amministrazione penitenziaria, spero l'abbiano visitata - osserva Stramaccioni - la signora Loretta parla in continuazione, è segno di un disagio, ha bisogno di cure, di tutto tranne che del carcere. È allucinante che l'abbiano portata lì, senza prima cercare una struttura in grado di accoglierla".

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

VA SEMPRE IN CULO AI DIPENDENTI – C’È ARRIVATA ANCHE BANKITALIA: LA MANOVRA ACCRESCE LA DISCREPANZA DI TRATTAMENTO TRA LAVORI DIPENDENTI E AUTONOMI. I PRIMI, CHE NON POSSONO EVADERE VISTO CHE LE IMPOSTE VENGONO LORO TRATTENUTE NELLO STIPENDIO, CONTINUERANNO A PAGARE LE TASSE PER TUTTI. E LE PARTITE IVA INVECE SARANNO ANCORA PIÙ  FAVORITE DALLA FLAT TAX: “IN UN PERIODO DI INFLAZIONE ELEVATA LA COESISTENZA DI UN REGIME A TASSA PIATTA E UNO SOGGETTO A PROGRESSIVITÀ COME L'IRPEF COMPORTA UN'ULTERIORE PENALIZZAZIONE PER CHI SOGGETTO A QUEST'ULTIMO"

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

COPRITEVI, STA ARRIVANDO UN'ONDATA DI INFLUENZA “AUSTRALIANA”: NELLA SETTIMANA DAL 20 AL 27 NOVEMBRE, E' STATO COLPITO IL 13% DEGLI ITALIANI COME CI PROTEGGE? CON I FARMACI ANTIPIRETICI, PER FAR ABBASSARE LA FEBBRE. NON SONO INDICATI GLI ANTIBIOTICI PERCHÉ L'INFLUENZA È UNA MALATTIA VIRALE, NON BATTERICA. POSSONO ESSERE UTILI SEDATIVI PER LA TOSSE E AEROSOL - I SINTOMI TIPICI DELL'INFLUENZA SONO TRE: FEBBRE ALTA, TOSSE E DOLORI MUSCOLARI - LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE GUARISCE IN 7-10 GIORNI…