DESTINO INFAME – UN 29ENNE UCRAINO, SCAPPATO DALLA GUERRA NEL SUO PAESE E ARRIVATO IN ITALIA INSIEME ALLA MOGLIE E AI DUE FIGLI, È MORTO LA SCORSA NOTTE IN UN INCIDENTE, VICINO A PALERMO – È FINITO CON LA SUA AUTO CONTRO UN MURO. I VIGILI DEL FUOCO L'HANNO ESTRATTO DALLE LAMIERE, MA PER LUI NON C'È STATO NIENTE DA FARE…

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.blitzquotidiano.it

 

Denis Artemenko Denis Artemenko

Era scappato dalla guerra in Ucraina con la famiglia ed è morto la scorsa notte in un incidente stradale a Terrasini, vicino Palermo. Finendo con la sua auto contro un muro.

 

Denis Artemenko, 29 anni, era a bordo di una Hyundai quando ha perso il controllo del mezzo, [...].

 

I vigili del fuoco [...] hanno estratto dalle lamiere il giovane e i sanitari del 118 hanno provato a rianimarlo, ma per lui non c’era più nulla da fare.

Denis Artemenko con la moglie e un figlio Denis Artemenko con la moglie e un figlio Denis Artemenko con la moglie e i due figli Denis Artemenko con la moglie e i due figli

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VIA CRUCIS DI GIORGIA MELONI: SI COMINCIA IL 15 OTTOBRE, CON LE ELEZIONI POLACCHE E IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI BILANCIO DA PRESENTARE A BRUXELLES – POI C’È L’INFILATA DI GIUDIZI DELLE AGENZIE DI RATING: IL 20 OTTOBRE TOCCA A S&P, POI C’È FITCH (10 NOVEMBRE) E INFINE MOODY’S IL 17 NOVEMBRE. IN CASO DI DECLASSAMENTO, CI SAREBBERO EFFETTI DEVASTANTI SUI TITOLI DI STATO – LAST BUT NOT LEAST, IL 30 NOVEMBRE: È LA DATA ULTIMA PER RATIFICARE IL MES. AUGURI! - VIDEO

DAGOREPORT! - L'IRRITAZIONE (EUFEMISMO) DI MATTARELLA PER I DUE SCHIAFFONI RIFILATEGLI DALLA DUCETTA - IL PRIMO È NOTO: QUANDO HA MINACCIATO CHE L'UNICA ALTERNATIVA ALL'ATTUALE GOVERNO È IL VOTO, DIMENTICANDO CHE È IL CAPO DELLO STATO A SCIOGLIERE LE CAMERE, NON LEI - IL SECONDO, INVECE, È STATO POCO SOTTOLINEATO: È QUANDO CIANCIA DI "UN GOVERNO DEMOCRATICAMENTE ELETTO", COME SE FOSSERO I CITTADINI, E NON IL PARLAMENTO, A DARE LA FIDUCIA A UN ESECUTIVO (VOGLIA DI PREMIERATO CI COVA)

DAGOREPORT– MELONI AVVERTE TREMONTI: IL "NEMICO" NON E' DRAGHI MA CONTE – IL CALCIONE RIFILATO DALL'EX MINISTRO DELL'ECONOMIA A MARIOPIO, ACCUSATO DI NON AVER STOPPATO IL SUPERBONUS GRILLINO (“SE NON CI FOSSE STATO UN TIZIO CHE VOLEVA ANDARE AL QUIRINALE I CONTI ITALIANI STAREBBERO MEGLIO”), METTE IN DIFFICOLTÀ LA SORA GIORGIA – LA DUCETTA HA SCELTO COME NEMICO NUMERO UNO CONTE E IL POPULISMO GRILLINO. E GLI ATTACCHI A DRAGHI SPOSTANO L'ATTENZIONE DAL VERO BERSAGLIO DA COLPIRE, SOPRATTUTTO IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE…