IL DIAVOLO VESTE PRADA E I LAVORATORI NON GUADAGNANO NADA – I GIORNALISTI E I COLLABORATORI DI “VOGUE” SI SONO ROTTI LE PALLE E DICHIARANO GUERRA A CONDÉ NAST E AD ANNA WINTOUR, SIMBOLO DI QUEL MODO GLITTERATO FATTO PER POCHI PRIVILEGIATI: SE NON AVRANNO UN AUMENTO SALARIALE, CONTRATTI PIÙ SICURI E RICONOSCIMENTI SINDACALI VOGLIONO FAR SALTARE IL MITOLOGICO NUMERO DI SETTEMBRE DELLA RIVISTA CHE PORTA OGNI ANNO MILIONI IN INTROITI PUBBLICITARI E…

-

Condividi questo articolo


Simona Siri per “La Stampa”

 

Anna Wintour al Met Gala Anna Wintour al Met Gala

Il September Issue, il numero di settembre di Vogue America, così mitologico e importante nel mondo della moda da essersi meritato un documentario, potrebbe quest’anno trasformarsi in un incubo per Anna Wintour, altrettanto mitologica direttrice della rivista. Secondo quanto riporta la reporter Emily Prescott lo staff è sul piede di guerra, pronto a scioperare e a mettere in pericolo non solo il prestigioso mensile, ma anche gli introiti pubblicitari che il numero – ai tempi d’oro spesso centinaia di pagine – garantisce.

protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 13 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 13

 

I motivi della protesta sono di quelli ormai ricorrenti anche nel mondo (una volta) dorato di quell’editoria: aumento dei salari, contratti più sicuri, riconoscimento sindacale. Le stesse rivendicazioni che avevano mosso un mese fa i dipendenti di Wired. A luglio, minacciando uno sciopero durante gli Amazon Prime Days, il 12 e 13 luglio, ovvero i giorni di traffico più redditizi per la rivista in termini di acquisti online, i dipendenti erano riusciti a ottenere, dopo 14 mesi di contrattazione, un accordo con la Condé Nast.

ZELENSKY VOGUE ZELENSKY VOGUE

 

«Non sarebbe dovuta servire la minaccia di uno sciopero per la leadership dell’azienda per raggiungere finalmente un accordo, ma siamo così entusiasti di aver finalmente ottenuto questo riconoscimento e impegno da parte loro», aveva affermato all’epoca Lily Hay Newman, presidente della Wired Union Unit che guidava i lavoratori al grido di «nessun contratto, nessun clic».

 

protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 7 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 7

Lo stesso slogan ripetono oggi anche i dipendenti della più glamour Vogue: dai loro colleghi hanno imparato a colpire Condé Nast dove fa male, ovvero negli introiti pubblicitari. La sola minaccia di sciopero aveva fatto perdere a Wired diversi milioni di dollari. «Ci sono molte più persone che mostrano i loro badge “Conde Union” sulle loro e-mail di lavoro e sui profili di chat Slack», ha scritto Prescott nel suo pezzo, citando fonti interne all’azienda.

 

Le copertine di Vogue con Kamala Harris Le copertine di Vogue con Kamala Harris

Come a dire che i dipendenti non hanno più remore a esplicitare la loro appartenenza e la loro fede nel sindacato, un sentimento che accomuna anche i dipendenti di Amazon e Starbucks, per citare due grosse aziende attraversate di recente dal vento della sindacalizzazione. Certo, quando a scendere in strada e a protestare per avere stipendi decenti è chi lavora nel mondo del lusso e della moda, è tutto un altro effetto: è subito lotta di classe.

Vogue la rivista Vogue la rivista

 

Ne sono consapevoli quelli che già l’anno scorso avevano marciato con tanto di picchetti e cartelli davanti alla casa di Wintour, nel super esclusivo West Village, un quartiere di Manhattan dove i proprietari sono ormai tutti multi milionari e dove la gente normale non si può permettere neanche più di viverci in affitto (si parte da cinquemila dollari al mese per un bilocale).

 

In questo senso Wintour è un bersaglio facile: oltre che storica direttrice di Vogue e personaggio icona e oltre a essere anche capo dei contenuti di Condé Nast a livello mondiale, è simbolo di un giornalismo d’altri tempi, quando i budget erano illimitati e non si badava a spese, un giornalismo che faceva del lusso, e dello spreco, quasi un vanto. Un mondo che non tornerà mai più. La prima a esserne consapevole è proprio lei, la mitica Anna: «Siamo tutti d’accordo che bisogna puntare di più sulla sostenibilità e sulla creatività e meno sul lusso», ha detto a Naomi Campbell sul canale YouTube della modella durante un’intervista sulla moda in post pandemia. «Sarà necessario ripensare agli sprechi, ai soldi, al consumismo e agli eccessi a cui tutti, io per prima, ci siamo abbandonati». «Bosses wear Prada, workers get nada» è uno degli slogan che accompagna le proteste contro di lei. E chiunque l’abbia inventato, l’aumento se lo merita.

protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 9 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 9 Naomi Campbell su Vogue Naomi Campbell su Vogue rihanna incinta su vogue rihanna incinta su vogue Kim Kardashian sulla copertina di Vogue Kim Kardashian sulla copertina di Vogue anna wintour anna wintour rupaul vogue 2020 rupaul vogue 2020 sharon stone vogue 2019 sharon stone vogue 2019 rupaul vogue rupaul vogue anna wintour anna wintour protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 4 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 4 La copertina di Vogue British La copertina di Vogue British anna wintour anna wintour Cover di Vogue con Jill Biden Cover di Vogue con Jill Biden anna wintour anna wintour anna wintour anna wintour protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 8 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 8 anna wintour anna wintour protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 11 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 11 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 6 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 6 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 5 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 5 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 10 protesta dei dipendenti del new yorker sotto casa di anna wintour 10

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MANICOMIO ITALIA - A CHI LE CHIEDE QUANTI POTREBBERO ESSERE I "POLITICI" E QUANTI I "TECNICI", LA MELONI RISPONDE METTENDO LE MANI AVANTI: "LEGGO COSE SURREALI CHE POI DOVREI COMMENTARE, CONSIGLIEREI PRUDENZA" - TAJANI PARLA DI UN ESECUTIVO CHE SARÀ "POLITICO" ANCHE SE CI DOVESSE ESSERE "QUALCHE TECNICO" - IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA CARLO BONOMI: "NON POSSIAMO PERMETTERCI IMMAGINIFICHE FLAT TAX E PREPENSIONAMENTI” – GRILLO LANCIA UNA PROPOSTA PER 'RIVITALIZZARE' IL REDDITO DI CITTADINANZA: I 3 MILIONI CHE LO PERCEPISCONO CREINO LE "BRIGATE DI CITTADINANZA"…

business

ARRIVA LA TEMPESTA E GLI ITALIANI METTO I SOLDI AL SICURO (O ALMENO CREDONO DI FARLO) – AD AGOSTO I DEPOSITI SUI CONTI CORRENTI SONO AUMENTATI DI 61 MILIARDI DI EURO RISPETTO A UN ANNO PRIMA. UN TREND SOSPINTO DALLA PRUDENZA, ANCHE SE TENERE I SOLDI FERMI, CON L'INFLAZIONE CHE GALOPPA, PORTA A UNA SVALUTAZIONE DEI RISPARMI: 10 MILA EURO DEPOSITATI OGGI, TRA 12 MESI VARRANNO 9.160 EURO – NELL'UTIMO ANNO SI REGISTRA POI UNA FORTE RIDUZIONE IN PORTAFOGLIO DEI BOND, A CAUSA DEI RENDIMENTI AI MINIMI, VANNO FORTE LE POLIZZE ASSICURATIVE

cronache

sport

LA CHIAPPA ACCHIAPPA! - IL BARI ASFALTA IL BRESCIA 6-2 IN CASA, MA NESSUNO SE NE ACCORGE PERCHÉ GLI OCCHI SONO TUTTI PUNTATI SUGLI SPALTI, DOVE UNA BOMBATISSIMA TIFOSA ESIBISCE IL SUO MONUMENTALE SEDERE EN PLEIN AIR - LA FANCIULLA DESNUDA È UNA MODELLA DI ONLYFANS E NON È LA PRIMA VOLTA CHE SI ABBASSA I PANTALONI ALLO STADIO, MA NON PER PUBBLICIZZARE LA SUA PAGINA (ALMENO COSÌ DICE), BENSI' E' "UN GESTO CONTRO IL MASCHILISMO. IL MIO CORPO NUDO NON DEVE CREARE TUTTO QUESTO SCALPORE…" (CIAO CORE)

cafonal

viaggi

salute