DOV’È CESARE BATTISTI? – SONO FALLITI DUE TENTATIVI DI ARRESTARE L’EX TERRORISTA DEI PAC A SAN PAOLO. LA POLIZIA BRASILIANA È CONVINTA CHE NON ABBIA LASCIATO IL PAESE – DIFFICILE CHE SIA RIUSCITO A FUGGIRE IN BOLIVIA IN COSÌ POCO TEMPO, SECONDO ALCUNE FONTI INFORMATE POTREBBE ESSERE VICINO A…

-

Condividi questo articolo

Da www.ilmessaggero.it

 

I POSSIBILI IDENTIKIT DI CESARE BATTISTI I POSSIBILI IDENTIKIT DI CESARE BATTISTI

Falliti due tentativi di arrestare Cesare Battisti a San Paolo, in Brasile. Nella caccia all'ex terrorista dei Pac (Proletari armati per il comunismo), latitante da venerdì, condannato in Italia per quattro omicidi, la polizia federale brasiliana pur non escludendo alcuna possibilità sta seguendo «piste serie», tra l'altro nella convinzione forse più che nella speranza che l'ex terrorista non abbia lasciato il Brasile. È quanto apprende l'Adnkronos da fonti informate, secondo cui Battisti potrebbe non essersi allontanato troppo da Cananeia, nello stato di San Paolo, dove risiedeva fino a qualche giorno fa.

 

CESARE BATTISTI CESARE BATTISTI

Secondo le fonti, l'ex terrorista potrebbe essere stato colto di sorpresa dalle decisioni del giudice Luis Fux e del presidente Michel Temer di dare il via libera all'estradizione in Italia. Forse non si aspettava una conclusione così rapida, nonostante il presidente eletto Jair Bolsonaro ne avesse fatto una delle sue promesse già in campagna elettorale.

CESARE BATTISTI A RIO DE JANEIRO CESARE BATTISTI A RIO DE JANEIRO

 

Le fonti ritengono «difficile» che Battisti sia riuscito a lasciare il Brasile e a fuggire in quella Bolivia dove aveva già tentato di trovare riparo un anno fa. E in Brasile, comunque, la rete che lo ha appoggiato per anni potrebbe non essere così potente al punto da garantire quella rete di protezione che finora lo ha messo al riparo dall'estradizione. «Quella rete - dicono le fonti - esiste ancora in parte, ma è più ristretta e meno potente. Tra l'altro i latitanti in Brasile non durano tanto, perché la gente parla, il Paese è enorme e la forza delle fazioni criminali sta in carcere, non fuori».

CESARE BATTISTI CHE BRINDA PRIMA DI TORNARE A SAN PAOLO 2 CESARE BATTISTI CHE BRINDA PRIMA DI TORNARE A SAN PAOLO 2 CESARE BATTISTI BRINDISI PRIMA DI TORNARE A SAN PAOLO CESARE BATTISTI BRINDISI PRIMA DI TORNARE A SAN PAOLO CESARE BATTISTI CESARE BATTISTI CESARE BATTISTI CESARE BATTISTI CESARE BATTISTI A CORUMBA CESARE BATTISTI A CORUMBA CESARE BATTISTI A CORUMBA' CESARE BATTISTI A CORUMBA' CESARE BATTISTI CESARE BATTISTI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."