ECCO COME E' STATO UCCISO MARIO CERCIELLO REGA: UNDICI COLPI SFERRATI, DUE LE COLTELLATE FATALI - IN AULA LA RELAZIONE DEL MEDICO LEGALE: "IL CARABINIERE E' STATO COLPITO DI SORPRESA ED ERA COSCIENTE FINO ALLA FINE" - SONO IMPUTATI PER OMICIDIO VOLONTARIO I DUE GIOVANI AMERICANI, ELDER FINNEGAN LEE E CHRISTIAN NATALE HJORTH

-

Condividi questo articolo


Adelaide Pierucci per “il Messaggero”

 

MARIO CERCIELLO REGA E ANDREA VARRIALE MARIO CERCIELLO REGA E ANDREA VARRIALE

Colpito di sorpresa e cosciente fino alla fine. Non se l' aspettava Mario Cerciello Rega di trovarsi in pericolo. Non ha avuto nemmeno il tempo di accennare una reazione.

 

Undici colpi lo hanno piegato, uno dopo l' altro, e portato alla morte per shock emorragico irreversibile. Non è riuscito nemmeno a pararsi istintivamente con le mani. Due colpi, e in parte un terzo, hanno fatto affondare la lama fino al manico del pugnale. È morto così il carabiniere ucciso a Roma il 26 luglio 2019.

 

Gli ultimi istanti di vita sono descritti nelle pagine dell' autopsia.

 

FINNEGAN LEE ELDER FINNEGAN LEE ELDER

Sono le 3 e 13 minuti. In via Gioacchino Belli, zona piazza Cavour, si presenta l' auto civetta di Cerciello Rega e del collega Andrea Varriale. A bordo c' è pure Sergio Brugiatelli, l' uomo che ha denunciato un' estorsione dopo aver subìto il furto dello zaino.

 

I due carabinieri scendono e si avvicinano ai presunti estorsori, i diciannovenni californiani Elder Finnegan Lee e Gabriel Christian Natale Hjorth, ora a processo per omicidio volontario. Brugiatelli resta vicino alla macchina. Sente le urla. Tre minuti dopo, le telecamere inquadrano i due fuggire. Pochi interminabili minuti. Abbastanza per sferrare quei fendenti profondi e mortali.

 

gabe natale finnegan lee elder 2 gabe natale finnegan lee elder 2

Il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega è morto dissanguato per i colpi sferrati da Finnegan. È netto Andrea Grande, il medico legale della Sapienza che ha esaminato il corpo, e che ha raccontato in aula quella morte orribile: «Undici colpi sferrati per lo più sui laterali, da sinistra a destra, compresi due minori alle braccia». Tutte le lesioni sono state profonde. In due casi è penetrata la lama per intero fino all' impugnatura. Sul corpo di Cerciello è stato trovato anche il segno del paramano. In un terzo caso la lama è arrivata alla colonna vertebrale. L' altezza dei colpi permette di ricostruire le posizioni durante la lotta.

 

Cerciello e Finnigan (che poi confesserà) sono vicini: una trentina centimetri, quasi corpo a corpo. I colpi si concentrano sui laterali all' altezza del torace probabilmente perché chi colpisce non ha abbastanza spazio di manovra, spiega infatti il medico legale: «Molto probabilmente l' azione è iniziata in piedi, erano uno di fronte all' altro, le prime tre o quattro coltellate sono state sferrate sul fianco sinistro. Le più violente».

cerciello rega cerciello rega

 

Il carabiniere ha sicuramente percepito che stava per morire. La pm Maria Sabina Calabretta chiede se l' aggressore abbia ferito a morte utilizzando due mani.

«Non si può escludere», secondo il consulente. Un dato è certo: «Cerciello era ancora vivo fino all' ultima coltellata». È arrivato in ospedale in condizioni disperate, «con una emorragia altissima».

 

«L' azione lesiva parla chiaro - specifica il medico - La violenza è evidente». Sono state due però le coltellate a determinare «l' accelerazione dello shock emorragico»: una che passando dall' ascella ha reciso l' arteria, e l' altra all' emitorace sinistro. Per Cerciello in quel momento si sono chiuse le speranze.

gabe natale finnegan lee elder 2 gabe natale finnegan lee elder 2 FINNEGAN LEE ELDER FINNEGAN LEE ELDER FINNEGAN LEE ELDER FINNEGAN LEE ELDER finnegan lee elder copia finnegan lee elder copia finnegan lee elder finnegan lee elder

Gabriel Christian Natale Hjorthè Gabriel Christian Natale Hjorthè

mario cerciello rega mario cerciello rega

 

Condividi questo articolo

media e tv

I TELE-MORENTI SI SONO ROTTI IL CAZZO DEI TALK SHOW E DELLE MARATONE POLITICHE! – A ITALIA 1 IERI È BASTATO MANDARE IN ONDA “GREASE” PER TRIPLICARE GLI ASCOLTI DI “IN ONDA”: L’OMAGGIO A OLIVIA NEWTON JOHN HA CHIUSO LA SERATA AL 12,7%, MENTRE LA TRASMISSIONE DI LUCA TELESE E MARIANNA APRILE HA RACIMOLATO UN MAGRISSIMO 4,5% - LA7 INSISTE CON LE CHIACCHERE SULLA POLITICA, E LE PERSONE CAMBIANO CANALE: LUNEDÌ NEMMENO LA PRESENZA DEL “TUTOR” MENTANA HA SALVATO IL POVERO CELATA DALLA MANNAIA DEGLI ASCOLTI…

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute