UN ERRORE UMANO DIETRO LA STRAGE? - C'È CHI SOSTIENE CHE LA MATTINA DELLA TRAGEDIA A STRESA NON SIANO STATE ATTIVATE LE "PINZE" CHE AVREBBERO DOVUTO SCATTARE FRENANDO LA CORSA DELLA CABINA SULLA FUNE PORTANTE - UN SISTEMA DI SICUREZZA CHE FACEVA DISCUTERE E SUL QUALE C'ERANO GIÀ STATE SEGNALAZIONI DI GUASTI - DA QUANDO ERA STATO TOLTO IL MANOVRATORE CHE VIAGGIAVA CON I PASSEGGERI SI PARLAVA DI UNA "SCATOLA NERA", E INVECE...

-

Condividi questo articolo


1 - L'IPOTESI ERRORE

Iva. Fos. per "La Stampa"

 

IL SISTEMA DI SICUREZZA DELLA FUNIVIA IL SISTEMA DI SICUREZZA DELLA FUNIVIA

Chiariti i motivi del disastro, resta da capire perché è successo. E la procuratrice di Verbania Olimpia Bossi predica calma: «Serve verità, non fretta». E aggiunge: «Non posso dire quando ci saranno le prime risposte, è evidente che le indagini saranno complesse. Il punto è verificare perché si è spezzata la fune traente e perché non è entrato in funzione, oppure è scattato ma non in modo efficace, il sistema frenante di sicurezza».

 

LA RICOSTRUZIONE LA RICOSTRUZIONE

Da domenica è sotto sequestro il luogo dell'incidente, l'impianto, le stazioni. La carcassa delle cabina è stata protetta da teli impermeabili: dovrà essere recuperata e portata in laboratorio per le perizie.

 

Intanto emergono i primi buchi neri. Uno, quello che ricorre con più insistenza, riguarda le «pinze» che avrebbero dovuto scattare frenando la corsa della cabina sulla fune portante. In quasi tutti gli impianti di questo tipo, la sera vengono bloccate aperte, con dei cunei che ne impediscono lo scatto per la chiusura.

 

funivia stresa mottarone 9 funivia stresa mottarone 9

Operazione inversa la mattina, prima della messa in funzione dell'impianto: si rimuove l'ostacolo e si verifica che funzioni tutto. Una persona sostiene che quei cunei non siano stati rimossi, per errore. Nel caso la fune scorre lo stesso, ma non può scattare la morsa.

 

Funivia stresa mottarone 6 Funivia stresa mottarone 6

Non fosse questo il motivo si dovrà capire perché il sensore, che rileva la corsa libera della cabina, non ha messo in azione il sistema di emergenza. Un ragazzo ha invece segnalato un guasto sabato pomeriggio, poco prima dell'orario di chiusura della funivia, fatto che gli avrebbe causato un ritardato rientro.

 

Un altro malfunzionamento è stato indicato nel 7 maggio, ma pure in questo caso non c'è ancora stato tempo per le verifiche. Intanto sono stati sequestrati anche tutti i documenti dell'impianto, le schede tecniche e ogni filmato delle tante telecamere presenti sulla linea.

 

2 - QUELLE ALTEZZE RECORD E IL PIANO DI SICUREZZA CHE FACEVA DISCUTERE

Lodovico Poletto per "La Stampa"

 

incidente funivia stresa mottarone 5 incidente funivia stresa mottarone 5

«Il signor Nerini non è un tecnico, di tutte le questioni tecniche si occupa la società delle manutenzioni. Quando la Leitner di Vipiteno è entrata in società con lui, alla ripresa dell'attività, per lui è stato un sollievo vero» raccontano in paese, a Stresa.

 

Perché qui lo sanno tutti: Luigi Nerini è un imprenditore che ci sa fare con i conti, che sa esattamente che cosa vogliono i turisti che vanno in cima al Mottarone. Ma di tecnologia non è che sia un grosso esperto, «anche se ornai dopo tanti anni sui sistemi di trasporto di questo tipo potrebbe tenere conferenze dottissime».

 

funivia di stresa funivia di stresa

E così adesso c'è ci racconta che da tempo si dibatteva sulla questione «scatola nera» da mettere sulle cabine. Un sistema indistruttibile e che non può essere manomesso, che registra ogni singola manovra. Che immagazzina dati e che potrebbe essere molto utile oggi per capire cosa è accaduto domenica, ma che poteva essere adoperato anche per vigilare - in tempo reale - sulle «condizioni di salute» e di operatività della linea. Perché, alla fine, questa funivia era davvero molto «particolare».

 

incidente funivia stresa mottarone incidente funivia stresa mottarone

Vuoi per la lunghezza, vuoi per il dislivello che scala. Vuoi per l'altezza massima a cui corre quando ormai ha superato più della metà del suo tracciato e già si intravede la cime della montagna: 120 metri. Un record, quasi.

 

incidente funivia stresa mottarone 2 incidente funivia stresa mottarone 2

«E anche per la lunghezza di una campata, quella che c'è a più di metà percorso. Guardi: era bellissimo vederla salire sospesa nel vuoto, sembrava volasse» dicono. Bello certamente, ma anche molto impressionante.

precipita funivia stresa mottarone precipita funivia stresa mottarone

 

«Ecco perché la questione scatola nera era un argomento di cui si parlava tra noi» dicono gli ex lavoratori. Quelli che hanno vissuto la «morte» della cremagliera e la nascita della funivia. «Quando hanno tolto il manovratore delle cabine, quello che viaggiava con i passeggeri, la questione scatola nera era sulla bocca di tutti. Dicevamo "faranno tutto le macchine". Invece…». 

INCIDENTE FUNIVIA STRESA MOTTARONE LAGO MAGGIORE INCIDENTE FUNIVIA STRESA MOTTARONE LAGO MAGGIORE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO