FACCIO COSE, VEDO GENDER - IL SERVIZIO SANITARIO INGLESE HA ANNUNCIATO LO STOP ALLA SOMMINISTRAZIONE AI MINORI DEGLI INIBITORI DELLA PUBERTÀ DOPO LA PUBBLICAZIONE DI UN MAXI-RAPPORTO CHE CONDANNA TUTTA LA PEDIATRIA DI GENERE COME UNA SCIENZA "BASATA SU FONDAMENTA TRABALLANTI" - NELLA RELAZIONE, CHE SI BASA SU 4 ANNI DI RICERCA, SI CONSIGLIA UN APPROCCIO "OLISTICO" ALLA DISFORIA DI GENERE NEI PIU' GIOVANI, CHE DOVREBBE TENER CONTO DEL FATTO CHE SI TRATTA DI UNA CONDIZIONE ASSOCIATA A TRAUMI E ABUSI OPPURE A…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Luigi Ippolito per il "Corriere della Sera"

 

trans trans

In Inghilterra è stato finalmente messo un punto fermo sulla controversa questione della disforia di genere e delle terapie per il cambiamento di sesso indirizzate ai minori. Ieri è stato pubblicato il rapporto della commissione incaricata dal Servizio sanitario nazionale di fare chiarezza sula materia: e dopo quattro anni di lavoro, la relazione di ben 388 pagine condanna tutta la pediatria di genere come una scienza «basata su fondamenta traballanti».

 

In particolare, il rapporto chiede la fine della somministrazione ai minori degli inibitori della pubertà, ossia quei farmaci tesi a bloccare lo sviluppo dei caratteri sessuali in modo da agevolare la transizione nel sesso opposto.

 

disforia di genere disforia di genere

La commissione, che è stata guidata dalla dottoressa Hilary Cass, già presidente della società nazionale di pediatria inglese, consiglia invece un approccio «olistico» alla disforia di genere nei bambini e ragazzi, in modo da tener conto del fatto che essa spesso si associa a traumi e abusi oppure a problemi psichici come l’autismo. Dunque la raccomandazione è di procedere, almeno fino ai 25 anni, con «grande cautela e compassione», anche perché non ci sono finora prove sufficienti sugli effetti a lungo termine degli inibitori della pubertà e dunque è meglio non prendere decisioni affrettate nella fase di sviluppo dei minori.

 

disforia di genere 5 disforia di genere 5

[…] La relazione della dottoressa Cass è stata accolta con favore sia dal governo conservatore che dall’opposizione laburista: «Continueremo ad assicurarci di fare i passi giusti per proteggere i giovani», ha detto il premier Rishi Sunak. E il rapporto ha avuto delle conseguenze immediate: il servizio sanitario inglese ha annunciato lo stop alla somministrazione ai minori degli inibitori della pubertà e una revisione delle pratiche di tutte le cliniche che offrono la transizione di genere, anche per gli adulti. […]

trans trans disforia di genere 4 disforia di genere 4 disforia di genere 6 disforia di genere 6 disforia di genere 1 disforia di genere 1 trans trans

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…