FINE COVID MAI - PIÙ DELLA METÀ DEI PAZIENTI FINITI IN OSPEDALE PER IL VIRUS DICE DI AVERE ANCORA SINTOMI A DUE ANNI DAL RICOVERO: SECONDO UNO STUDIO PUBBLICATO SU “THE LANCET RESPIRATORY MEDICINE” DOPO 24 MESI, IL 55% DEI PAZIENTI HA RIFERITO DI AVERE PROBLEMI DI AFFATICAMENTO, DISTURBI DEL SONNO, SCARSA QUALITÀ DI VITA IN GENERALE E BASSA CAPACITÀ DI ESERCIZIO FISICO E PROBLEMI DI SALUTE MENTALE – SENZA CONTARE QUELLI CHE HANNO RACCONTATO DI…

-

Condividi questo articolo


Da www.tg24.sky.it

 

terapia intensiva covid terapia intensiva covid

Più della metà dei pazienti finiti in ospedale per Covid-19 dice di avere ancora sintomi a due anni dal ricovero

È quanto emerge da uno studio pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine e coordinato dal China-Japan Friendship Hospital

La ricerca ha analizzato le esperienze di 1.192 persone - con età media di 57 anni - malate di Covid e ricoverate a Wuhan tra il 7 gennaio e il 29 maggio 2020, cioè durante la prima ondata del coronavirus

 

terapia intensiva covid 4 terapia intensiva covid 4

Dopo 24 mesi, il 55% dei pazienti riferiva di avere almeno un sintomo legato alla malattia. In particolare, tra i sintomi più citati erano problemi di affaticamento e disturbi del sonno, scarsa qualità di vita in generale e bassa capacità di esercizio fisico, problemi di salute mentale e un maggiore ricorso ai servizi sanitari

 

I sintomi più segnalati  erano affaticamento o debolezza muscolare: li hanno riportati il 52% dei pazienti al follow up a 6 mesi e il 30% dopo due anni

terapia intensiva covid 2 terapia intensiva covid 2

A due anni dal ricovero, i disturbi del sonno riguardavano ancora il 31% dei malati. I pazienti di Covid-19 avevano anche maggiori probabilità di segnalare altri sintomi tra cui dolori articolari, palpitazioni, vertigini e mal di testa

Nei questionari sulla salute mentale, il 35% dei pazienti con Long Covid ha riportato disagio, il 13% mostrava sintomi di ansia e l'11% di depressione

 

La salute fisica e mentale dei pazienti, comunque, risultava in miglioramento nel tempo: la quota di chi riferiva sintomi dopo due anni è infatti più bassa rispetto al 68% che riportava problemi associati alla malattia a 6 mesi di distanza dalla guarigione

terapia intensiva covid 1 terapia intensiva covid 1

 

Al follow up a due anni, l'89% dei partecipanti alla ricerca era tornato al proprio lavoro

"Vi è una chiara necessità di fornire un supporto continuo a una parte significativa di persone che hanno avuto il Covid-19 e di capire come i vaccini, i trattamenti emergenti e le varianti influenzano i risultati della salute a lungo termine", ha detto Bin Cao, principale autore dello studio

Farmaci terapia intensiva Farmaci terapia intensiva terapia intensiva terapia intensiva terapia intensiva 1 terapia intensiva 1

 

Anziano in terapia intensiva 3 Anziano in terapia intensiva 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

I SOLONI DEL LIBRO – “HO DETTO NO”, RULA JEBREAL SCAPPA DALL’INVIATA DI GILETTI: “'NON E’ L’ARENA' E’ DISINFORMAZIONE” - DA RECALCATI ALLE POESIE DA SPIAGGIA DI JOVA, LA SINISTRA DI FESTIVAL E DI POTERE HA FATTO PERCORSO NETTO AL SALONE DI TORINO – BARBERO E CHAMPAGNE: “LA GUERRA NON E’ UNA NOVITA’, E’ SEMPRE SUCCESSA” - COSE DI CUI NON CI FREGA UN BEATO LINGOTTO: COME ALESSANDRO GASSMANN È DIVENTATO GREEN. IL SEQUEL DI “FAI BEI SOGNI” DI MASSIMO GRAMELLINI. I BAGNI “NO GENDER” DI CATHY LA TORRE. CHE AL SALONE SI FA FATICA A TROVARE LIBERI QUELLI NORMALI…

politica

business

cronache

sport

“CARESSA A TE NON RISPONDO, PERCHÉ SEI IL PRIMO CHE CI HAI FATTO UN'INFAMATA PARLANDO DELLA CESSIONE DELLA SOCIETÀ” – IL PRESIDENTE DEL CAGLIARI GIULINI IN VERSIONE MARIO BREGA AL “CLUB DI SKY” - LA REPLICA DI CARESSA: “HO RIPORTATO UNA NOTIZIA, NON E’ UN’INFAMATA, E’ INFORMAZIONE. TRE CAMBI DI ALLENATORE SONO STATI UTILI O SONO STATE UNA CAUSA DELLA RETROCESSIONE? – GIULINI NON REPLICA. E IL GIORNALISTA CHIOSA: “ORA E’ COLPA DI SKY SE SIETE RETROCESSI…” - VIDEO STRACULT

cafonal

viaggi

salute