GIOCHIAMO AL DOTTORE? - A SAVONA UN NEUROLOGO DI 63 ANNI E’ ACCUSATO DI VIOLENZA SESSUALE A UNA SEDICENNE DURANTE LA VISITA - IL MEDICO, IN DUE OCCASIONI, ERA ANDATO A CASA DELLA GIOVANE PAZIENTE CHE SOFFRIVA DI CRISI DI PANICO, PER VISITARLA. ALLA PRIMA VISITA ERA PRESENTE ANCHE LA MADRE CHE HA DETTO DI RICORDARE CHE…

-

Condividi questo articolo

Olivia Stevanin per “la Stampa”

 

LA VISITA DAL DOTTORE LA VISITA DAL DOTTORE

È finito in carcere con l' accusa di aver palpeggiato e cercato di baciare una paziente di 16 anni durante una visita domiciliare. Un neurologo di 63 anni, Michele Giugliano, ex direttore sanitario dell' ospedale San Paolo di Savona, in pensione da 18 mesi, è stato arrestato dalla squadra mobile di Savona.

 

Le manette sono scattate in esecuzione di un' ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Alessia Ceccardi su richiesta del pm Elisa Milocco. Il dottor Giugliano, ora detenuto nel carcere di Genova Pontedecimo, deve rispondere dell' accusa di violenza sessuale con l' aggravante dell' abuso di autorità. L' episodio contestato dalla Procura di Savona al medico sarebbe avvenuto cinque mesi fa, a dicembre dello scorso anno.

LA VISITA DAL DOTTORE LA VISITA DAL DOTTORE

 

Il medico, in due occasioni, era andato a casa della giovane paziente che soffriva di crisi di panico, per visitarla. Alla prima visita era presente anche la madre che, quando è stata sentita dagli inquirenti, avrebbe riferito di ricordare che il medico aveva scostato il reggiseno della figlia per auscultare il cuore (episodio al quale inizialmente non aveva dato troppo peso).

 

Gli atti sessuali si sarebbero consumati invece durante il secondo incontro, quando il neurologo aveva chiesto di rimanere da solo nella stanza con la ragazza. Una richiesta che sarebbe stata motivata con la necessità di far sentire la ragazzina più libera di aprirsi ed esprimersi. Invece - questa la tesi dell' accusa - Michele Giugliano avrebbe approfittato della situazione per accarezzare con insistenza la ragazzina, cercando poi anche di baciarla.

 

LA VISITA DAL DOTTORE LA VISITA DAL DOTTORE

Dopo l' episodio, la sedicenne si sarebbe confidata con la mamma spiegandole quello che era successo. Un racconto che qualche mese dopo è stato ripetuto anche al nuovo neuropsichiatra che aveva in cura la sedicenne. E' stato proprio il medico a segnalare il presunto caso di violenza sessuale alla Questura. A quel punto sono partiti tutti gli accertamenti investigativi da parte dei poliziotti della squadra mobile di Savona , diretti dal vice questore aggiunto Rosalba Garello. Gli inquirenti, che hanno ascoltato la minorenne in un incontro protetto, hanno ritenuto credibile la sua versione e, di conseguenza, è scattato l' arresto. Il difensore del dottor Giugliano, l' avvocato Paolo Nolasco, ha preferito non rilasciare nessun commento.

 

Condividi questo articolo

media e tv

PER LA SERIE "AO', GUARDA CHE TOCCA FA' PE' CAMPA'", CHI È ALESSANDRA CANTINI, LA ‘SCRITTRICE’ LIVORNESE CHE IERI SI È BUTTATA ADDOSSO A CONTE CHIEDENDO UN SELFIE “HOT” - LA SVALVOLATA, FAMOSA PER AVER MOSTRATO LE CHIAPPE DA CHIAMBRETTI, PRECISA: "LE MUTANDE NON CE LE AVEVO, PERÒ L’HO PROVOCATO, VOLEVO DIRGLI CI LASCIA TUTTI SENZA NIENTE, FATE SCHIFO'' - SU INSTAGRAM RINCARA: ”PROF SI TENGA PURE LA MUSERUOLA, IO NON NE HO BISOGNO E A MENO DI UN METRO VI SBRANEREI GIÀ.PECCATO CHE NON HO TEMPO DI TOGLIERMI LE MUTANDE E FARE SCANDALO... " - VIDE+FOTO HOT DI UNA FROLLOCCONA CHE HA BUTTATO LA SUA VITA IN CACIARA

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute