GIÙ LE MASCHERINE (MA NON IN ITALIA) - DAL 16 MAGGIO SUGLI AEREI CHE VOLANO IN EUROPA I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE NON SARANNO PIÙ OBBLIGATORI, MA DA NOI RESTANO FINO AL 15 GIUGNO. QUESTO VUOL DIRE CHE SUI VOLI CHE PARTONO O CHE ARRIVANO IN ITALIA I PASSEGGERI DOVRANNO COPRIRSI IL VISO. MA C’È GIÀ PUZZA DI FARSA: SIAMO SICURI CHE GLI STRANIERI, GIÀ ALLERGICI DI LORO ALLE MASCHERINE, RISPETTERANNO L’OBBLIGO PROVENENDO DA UN PAESE CHE LE HA ABOLITE?

-

Condividi questo articolo


Paolo Russo per “la Stampa”

 

mascherine in aereo 9 mascherine in aereo 9

Da lunedì 16 maggio in Europa niente più mascherine quando si viaggia in aereo e nemmeno in aeroporto. A "smascherare" tanto i passeggeri che il personale di volo è il nuovo protocollo di sicurezza pubblicato ieri dall'Aesa, l'Agenzia europea per la sicurezza aerea e dall'Ecdc, il centro europeo per il controllo delle malattie.

 

mascherine in aereo 3 mascherine in aereo 3

Ma a viaggiare tra le nuvole senza più restrizioni saranno gli altri, non chi parte o arriva nel nostro Paese. Tanto i ministeri di Salute e Trasporti che l'Enac (l'ente nazionale per l'aviazione civile italiana), da noi interpellati hanno fornito una risposta unanime: «Fino al 15 giugno vige l'ordinanza firmata dal ministro Speranza, che obbliga ancora a indossare i dispositivi di protezione su tutti i mezzi di trasporto, aerei compresi. E questo anche se si parte da un Paese dove l'obbligo non esiste più».

mascherine in aereo 2 mascherine in aereo 2

 

Dal ministero della Salute trapela però l'orientamento a togliere ovunque la mascherina allo scadere dell'ordinanza, che tra l'altro verrà superata a breve dal decreto legge sulle riaperture, che appena approvato in via definitiva dal Parlamento darà maggiore forza normativa al prolungamento dell'obbligo. Fatto che fa escludere un accorciamento dei tempi rispetto alla scadenza di metà giugno. «Un po' di prudenza non guasta, visto che a Civitavecchia su una nave con 1.500 passeggeri oggi (ieri per chi legge, ndr) un centinaio sono risultati positivi al Covid», spiega un tecnico della Salute.

 

mascherine in aereo 7 mascherine in aereo 7

Resta però il fatto che per ora su per i cieli da noi non cambia nulla. E nemmeno se si parte da uno dei sempre più numerosi Paesi che le mascherine in volo le hanno già abbassate. Decisione presa ieri dalla Francia, preceduta da Gran Bretagna, Usa, Repubblica Ceca, Danimarca, Ungheria, Islanda, Irlanda, Norvegia, Polonia, Romania, Slovenia e Svezia, mentre la Grecia ha annunciato di voler rimuovere a breve tutte le restrizioni.

 

mascherine in aereo 1 mascherine in aereo 1

Nel considerare finita l'era dell'obbligo sia l'Aesa che l'Ecdc nelle loro linee guida continuano però a considerare le mascherine «una delle migliori difese contro la trasmissione del Covid-19». E restano comunque fortemente raccomandate per chi tossisce o starnutisce e per i «viaggiatori vulnerabili», che farebbero anzi bene a indossare le più protettive Ffp2. «In molti passeggeri e membri di equipaggio c'è un forte desiderio di viaggiare senza, ma siamo solo all'inizio del processo. I viaggiatori dovrebbero continuare a rispettare le regole della loro compagnia aerea.

mascherine in aereo 5 mascherine in aereo 5

 

E laddove le misure preventive fossero facoltative, prendere decisioni responsabili, rispettando le scelte degli altri passeggeri», ha detto il direttore dell'Aesa, Patrick Ky. Al quale ha fatto eco la direttrice dell'Ecdc, Andrea Ammon, ricordando che la mascherina resta uno dei migliori strumenti di protezione. Raccomandazioni inutili per noi, ancora sottoposti ad obbligo. Anche se gli ospedali si svuotano e i contagi continuano a scendere: ieri 42.249, quasi 14 mila in meno in sole 24 ore. -

mascherine in aereo 6 mascherine in aereo 6 mascherine in aereo 4 mascherine in aereo 4 mascherine in aereo 8 mascherine in aereo 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute