GIUSTIZIA "PRIVATA" CONTRO LA MALAMOVIDA - IL COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO HA INGAGGIATO DEI VIGILANTES ARMATI PER EVITARE RISSE E DANNI DA PARTE DEI GIOVANI IN VACANZA CHE SI UBRIACANO E CAUSANO PROBLEMI PER LA CITTÀ - SUL LITORALE, OGNI ANNO SI RIVERSANO IN MASSA TURISTI E PROPRIETARI DI SECONDE CASE E I PROBLEMI LEGATI ALLA VITA NOTTURNA SI STANNO FACENDO SEMPRE PIÙ FREQUENTI...

-

Condividi questo articolo


Clemente Pistilli per “la Repubblica - Edizione Roma”

CIRCEO CIRCEO

 

Vigilantes armati lungo le strade del centro storico e del lungomare di San Felice Circeo per vigilare sulla movida. Sono lontani i tempi in cui la terra della Maga era il buen retiro dei nobili, dei politici e dei capitani d'industria romani, chiusi nelle loro ville in mezzo alla selvaggia macchia mediterranea.

 

Il centro turistico pontino è rimasto una delle mete principali dei romani, ma dai giovanissimi in vacanza troppo spesso viene trasformato in un fight club. Per evitare eccessi e danneggiamenti il Comune ha così fatto nuovamente ricorso alla vigilanza privata e ha voluto anche personale armato.

 

fight club tra pischelli a san felice circeo fight club tra pischelli a san felice circeo

Qualche giovanissimo ubriaco lungo le strade del centro già è stato notato e non sono sfuggite neppure le prime scaramucce. Prima che la situazione volgesse al peggio, con il Ferragosto in vista, l'ente locale ha così affidato alla " Urban security investigation Italia spa", una società di Sora, il servizio notturno di vigilanza armata e non armata per evitare danneggiamenti al patrimonio storico e culturale del centro storico e all'arredo urbano di San Felice Circeo, oltre alla sorveglianza notturna su tutto il territorio comunale fino al 15 agosto, con possibilità di proroga per ulteriori 15 giorni.

san felice circeo san felice circeo

 

Nel centro storico, per tenere a bada i giovanissimi in vacanza, dalle 21 alle 5, viene effettuato un pattugliamento continuo da parte di due vigilantes, uno dei quali armato, mentre sul resto del territorio si muovono tre pattuglie. In totale, a controllare che la movida non diventi malamovida, sono 7 guardie giurate, 3 delle quali armate. Troppe le violenze e i problemi negli anni passati per rischiare che anche quest' anno la violenza potesse esplodere sul promontorio al calar del sole.

una foto di san felice circeo una foto di san felice circeo

 

Per far fronte a problemi analoghi, dovuti in particolare alle centinaia di giovanissimi romani che vanno in vacanza da soli a Ponza e che durante la notte si abbandonano a risse e danneggiamenti, il pontile della nautica " Ciccio Nero" nei giorni scorsi ha ingaggiato due vigilantes, esperti di arti marziali, a garanzia della tranquillità di quanti sull'isola sono ormeggiati al pontile con il proprio yacht. E soprattutto nella zona del porto i controlli da parte dei carabinieri e dei finanzieri sono costanti in questi giorni.

 

san felice circeo foto san felice circeo foto

 Attività sinergiche che stanno consentendo di evitare che la situazione degeneri, considerando anche che diverse difficoltà sarebbero legate alla trasformazione di diversi ristoranti ponzesi in locali dove si fa musica fino a tarda notte e che rappresentano una calamita per i giovanissimi.

 

Sul litorale, dove come ogni anno si riversano in massa turisti e proprietari di seconde case, le degenerazioni della movida sono però tristemente comuni. A Latina, in particolare, negli ultimi giorni si sono registrati due episodi inquietanti. Sul lido è stato arrestato Matteo Baldascini, 19 anni, già noto alle forze dell'ordine e appartenente a una famiglia di Casal di Principe, da anni ritenuta dagli inquirenti legata a doppio filo col clan dei Casalesi.

 

rissa 6 rissa 6

Nei pressi di Capoportiere ha picchiato selvaggiamente una 18enne ed è stato bloccato dalla Polizia. Nel quartiere dei pub, infine, un 17enne è stato picchiato con una mazza da baseball e accoltellato. Ad aggredirlo quattro persone, tra cui un adulto, in quella che viene ritenuta una spedizione punitiva.

 

Fortunatamente le ferite che ha riportato non sono gravi e gli investigatori sono ora sulle tracce degli aggressori. I diversi episodi mostrano come il divertimento notturno sia diventato difficilmente gestibile nei luoghi di vacanza e la necessità di fare ricorso anche ai vigilantes è un inquietante campanello d'allarme.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...