GLI HANNO FATTO IL FUNERALE TROPPO PRESTO - TAPPEZZANO LA CITTA' DI MANIFESTI FUNEBRI MA IL LORO CARO NON È MORTO: "FALSA COMUNICAZIONE DALL'OSPEDALE". SCATTA LA DENUNCIA - A FOGGIA UN 86ENNE VIENE RICOVERATO IN GRAVI CONDIZIONI DOPO AVER CONTRATTO IL COVID. MA UN ERRORE DELL'OSPEDALE HA COSTRETTO LA FAMIGLIA A PREPARARE IL FUNERALE MENTRE L'UOMO È ANCORA IN VITA…

-

Condividi questo articolo

Tatiana Belizzi per bari.repubblica.it

fernando cristiani 2 fernando cristiani 2

 

"Non è accettabile quello che abbiamo vissuto. La nostra vita è  in pausa da settimane". Non nasconde la sua profonda amarezza Paola Cristiani, nuora di Fernando, un anziano di 86 anni di Foggia vittima, oltre che del Covid, anche di un errore clamoroso. L'uomo, ricoverato in gravi condizioni al pronto soccorso del Policlinico Riuniti di Foggia, è stato dato per morto. "Mio suocero era ricoverato nella Rssa Fondazione Palena ed è risultato positivo al Covid il 6 novembre scorso", spiega la nuora.

 

Nella Rssa foggiana, lo ricordiamo, è esploso un focolaio che ha contagiato tutti i 69 ospiti, nessuno escluso, e 28 operatori sanitari. "Da allora noi riceviamo informazioni sullo stato di salute di Fernando attraverso una chat gestita dalla direttrice della struttura sanitaria.

 

fernando cristiani 2 fernando cristiani 2

Sapevamo che le sue condizioni erano e sono tuttora critiche", prosegue. Poi nella notte tra il 18 ed il 19 squilla il telefono di casa della famiglia Cristiani. Esattamente alle 2:44. "Rispondo io - aggiunge la nuora - Ma dall'altra parte della cornetta sento solo una musichetta, tipo segreteria telefonica ma nessuno risponde. Poi riattaccano".

 

 

"Il vero dramma è stato il giorno seguente - racconta - quando nella chat della Fondazione hanno iniziato a farmi le condoglianze per la morte di mio suocero. A quel punto chiamo la direttrice della struttura che mi conferma il decesso aggiungendo di aver ricevuto una chiamata alle 2:40 dal Pronto Soccorso in cui le comunicavano la morte di Fernando. In pratica 4 minuti prima della nostra telefonata".

 

A quel punto la famiglia Cristiani con profondo dolore contatta le onoranze funebri e dispone tutto il necessario per la celebrazione dei funerali, bara e manifesti mortuari che vengono affissi in città. "Alle 15 le onoranze funebri si sarebbero recate al pronto soccorso con la bara. Ma poco prima, esattamente alle 13:45 riceviamo una ennesima telefonata".

 

fernando cristiani 6 fernando cristiani 6

"Era - ricostruisce Paola - una dottoressa del pronto soccorso. La telefonata la prende mio marito. Buongiorno, gli dice. Volevo informarla delle condizioni di salute di suo padre: è ancora  grave. Mio marito non poteva credere alle sue orecchie: Fernando è ancora vivo. Sappiamo che da un momento all'altro mio suocero ci lascerà, ma adesso vogliamo capire cosa è accaduto l'altra notte in ospedale. Chi possa aver fatto un gesto così meschino", tuona la nuora del pensionato.

 

La famiglia Cristiani per il tramite del proprio legale, l'avvocata Daniela Cataldo, ha presentato un esposto in Procura. "Chiediamo solo che sia fatta immediatamente chiarezza; vogliamo capire chi possa averci fatto questo", conclude Paola Cristiani.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SALTATO L’APPORTO DEI “COSTRUTTORI”, È IN CORSO UNA TRATTATIVA SEGRETA CON FORZA ITALIA PER SOSTITUIRE ITALIA VIVA. MA QUELLO CHE RESTA DI BERLUSCONI STA TENENDO DURO: CON LA NOSTRA POSIZIONE POLITICA STIAMO AUMENTANDO NEI SONDAGGI (AL 10%) - AI VARI EMISSARI DI CONTE, L’EX BANANA DI ARCORE HA FATTO PRESENTE CHE SAREBBE COSA DIVERSA IN PRESENZA DI UN APPELLO DI MATTARELLA CHE COINVOLGA ANCHE LA DESTRA DELLA LEGA E DI FRATELLI D’ITALIA PER UN ESECUTIVO DI UNITÀ NAZIONALE. MA LA MUMMIA DEL QUIRINALE NON CI PENSA PROPRIO A FARE UN APPELLO. E ZINGARETTI VUOLE SOLO FORZA ITALIA

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

È NATO PRIMA L’UOMO O LA PAROLACCIA? LA PIÙ VECCHIA SCRITTA IN VOLGARE SI TROVA NELLA BASILICA DI SAN CLEMENTE A ROMA – PROPRIO L’URBE, È LA CAPITALE ITALIANA DEL TORPILOQUIO, "SOLLECITATO DA FORTI ISTINTI MISOGINI E OMOFOBI" – QUANDO BENIGNI NEL 1991 SULLA RAI SI ESIBÌ IN UN LUNGO ELENCO DI PARTI INTIME – L’ANNO DOPO COSSIGA SDOGANÒ LE MALE PAROLE IN UN DISCORSO UFFICIALE – L’USO DELLA BESTEMMIA È PERÒ IN CALO: “NON È SIMBOLO DI IRRELIGIOSITÀ, CHI LE DICE CREDE IN DIO”...

sport

LA VERSIONE DI MUGHINI – L'INTER DOMINA LA JUVE E AGGANCIA IL MILAN IN VETTA. PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI C’ERA IN CAMPO UNA SQUADRA SUPERIORE AI BIANCONERI. LO STREPITOSO BARELLA DA SOLO VALEVA PIÙ DI TUTTO IL CENTROCAMPO JUVENTINO. IL SECONDO GOL DELL'INTER E' UNA LEZIONE DI GIOCO E UN'IMMAGINE DA FILM DELL'ORRORE. È STATA UNA PARTITA DECISIVA NELL’ACCLARARE CHE LA JUVE NON È LA FAVORITA NELLA CORSA ALLO SCUDETTO PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI. SUCCEDE - E SULLA SFIDA LUKAKU-CR7... - BUFERA SOCIAL SU VIDAL PER IL BACIO ALLO STEMMA DELLA JUVE- BONUCCI CONTRO L’ARBITRO – VIDEO

cafonal

viaggi

salute