IMPORTIAMO TUTTO DALLA CINA, FACCIAMO LO STESSO CON IL MODELLO DI QUARANTENA - DOPO MISURE SEVERISSIME, E NON QUELLE ALL’ACQUA DI ROSE DECIDE DAL GOVERNO, ORA LA REGIONE DELL’HUBEI E LA CITTÀ DI WUHAN VEDONO LA LUCE CON IL NUMERO DEI CONTAGI CHE DIMINUISCE OGNI GIORNO DI PIÙ - VOLETE SAPERE COME CI SONO RIUSCITI? ALLE POPOLAZIONI È STATO IMPOSTO DI RIMANERE IN CASA, SIA CON IL CONTROLLO DELLE FORZE DELL'ORDINE CHE CON L'AIUTO DELLA TECNOLOGIA. E POI…

-

Condividi questo articolo

Michelangelo Cocco per “il Messaggero”

 

IL CADAVERE DI UN UOMO A TERRA A WUHAN IL CADAVERE DI UN UOMO A TERRA A WUHAN

La Cina intravede la fine del tunnel del coronavirus. I morti hanno toccato quota 3.073 e gli infettati 80.800, ma ieri nel gigante asiatico sono stati registrati solo 28 decessi a causati dal Covid-19 (di cui 21 a Wuhan, la metropoli da cui il morbo ha iniziato a irradiarsi), mentre gli ultimi dati disponibili sui contagiati (quelli dell'altro ieri) dicono che, nell'intero Paese, sono stati 99, in continuo calo e al punto più basso dal 20 gennaio scorso. Su quasi tutto il territorio nazionale è stato abbassato il livello d'allerta e le attività economiche stanno iniziando a ripartire, così come i progetti infrastrutturali che dovrebbero tenere a galla il prodotto interno lordo.

 

IL TREND

ospedali cina per coronavirus 9 ospedali cina per coronavirus 9

Le cifre pubblicate dalla Commissione nazionale della sanità dicono che i nuovi casi sono concentrati per metà di Wuhan (ma nella sua provincia, lo Hubei, per il secondo giorno consecutivo non c'è stato alcun nuovo caso), per un quarto in altre aree della Cina, mentre un altro 25% è arrivato dall'estero. L'allarme delle autorità ora è proprio per i cinesi (e per gli stranieri) che rientrano da altri paesi. «In alcune aree, ad esempio in Iran, Corea del sud e Italia, la situazione è grave», ha rimarcato il portavoce della Commissione, Mi Feng.

 

esercito a wuhan esercito a wuhan

Per questo le misure di controllo sono state aumentate in tutti gli aeroporti. Le autorità di Pechino, Shanghai e della provincia del Guangdong hanno introdotto 14 giorni di quarantena obbligatoria per chi arriva da Iran, Italia, Giappone e Corea del sud. Le missioni diplomatiche cinesi all'estero sconsigliano ai connazionali viaggi verso queste destinazioni, considerate pericolose.

 

Ma come ha fatto la Cina in meno di due mesi a raggiungere risultati così incoraggianti? Anzitutto ha messo in campo misure draconiane per sigillare i focolai di Wuhan (11 milioni di abitanti) e dello Hubei (58 milioni di abitanti), evitando l'allargamento del contagio al resto del paese.

la stazione di wuhan la stazione di wuhan

 

A partire dal 23 gennaio scorso, le città della provincia e il suo capoluogo sono stati completamente isolati dal resto della Cina e alle loro popolazioni è stato imposto di rimanere in casa, con le forze dell'ordine che con l'aiuto della tecnologia controllavano lo stato di salute dei membri delle famiglie autorizzati a uscire di tanto in tanto per fare la spesa e andare in farmacia.

 

soldati a wuhan 2 soldati a wuhan 2

Sono state messe su squadre di medici di ogni area della Cina specializzati in malattie infettive e inviate nello Hubei, dove (in una settimana) sono stati costruiti due ospedali con migliaia di posti letto per la cura dei malati di Covid-19. Una dozzina tra impianti sportivi e centri espositivi sono stati convertiti in ospedali improvvisati (con oltre 15 mila posti letto) per curare i pazienti con i sintomi più lievi, scongiurando così il totale collasso del fragile sistema sanitario di una provincia ancora arretrata.

ospedale di wuhan 1 ospedale di wuhan 1

 

LE CHIUSURE

In tutto il paese scuole e università sono state messe in standby, chiuse fino a nuovo ordine. Stop anche a tutti gli eventi sportivi e culturali. Tutto questo è stato possibile nel momento in cui il potere centrale con l'annuncio del presidente Xi Jinping che la Cina era in guerra contro il coronavirus ha preso il comando delle operazioni, creando una cabina di regia ad hoc e minacciando punizioni esemplari contro i funzionari locali che si fossero rifiutati di applicare alla lettera le direttive di Pechino.

 

controllo medico in cina controllo medico in cina

Come ha rilevato il team dell'Organizzazione mondiale della sanità in missione in Cina nei giorni scorsi, Pechino sta vincendo la sua guerra perché il suo governo autoritario ha potuto isolare dal mondo 60 milioni di persone e quasi azzerare la vita pubblica nel resto del paese. Il prezzo da pagare per spezzare le catene di trasmissione del virus.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

SPROFONDO GIALLOROSSO – DURISSIMO J’ACCUSE DI GIANCARLO DOTTO: "DOPO ROMA-UDINESE SIAMO OLTRE LA VERGOGNA. QUESTA SQUADRA, QUESTA SOCIETÀ SONO ORMAI PEGGIO DI UN FILM HORROR. SOLO OGGI CI RENDIAMO CONTO DEI MIRACOLI CHE FECE SABATINI. DA QUANDO LO HA SCARICATO, LA ROMA È UNA LUPA ZOPPA. PALLOTTA E BALDINI SEMPRE PIÙ AVVINTI DI QUA E LA ROMA CON I SUOI TIFOSI SEMPRE PIÙ SMARRITI DI LÀ: DUE MONDI ORMAI INCONCILIABILI PROTESI SOLO A LIBERARSI L’UNO DELL’ALTRO. CHE FACCIANO IN FRETTA. L’AGONIA NON PUÒ DURARE PIÙ A LUNGO"

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute