INDIVIDUATO IL PROBLEMA, NON C’È LA SOLUZIONE (COME SEMPRE) - “PER PROTEGGERSI DALLE NUOVE VARIANTI SAREBBE BENE USARE LE MASCHERINE FFP2” - LO SA BENE MIOZZO PER CUI AVREBBE UN SENSO RENDERLE OBBLIGATORIE SU AUTOBUS E AL CHIUSO, MA LA QUESTIONE NON È STATA ANCORA ESAMINATA DAL CTS. E IL MOTIVO È SEMPLICE: COSTANO DI PIÙ E IN ITALIA NON C’È LA CAPACITÀ PRODUTTIVA – INTANTO VOI INIZIATE A PROTEGGERVI BUTTANDO QUELLE DI STOFFA…

-

Condividi questo articolo


Francesco Malfetano per “il Messaggero”

 

mascherina ffp2 3 mascherina ffp2 3

«È evidente che le Ffp2 hanno una capacità di filtraggio maggiore rispetto alle mascherine chirurgiche o di comunità (le mascherine di stoffa ndr). Per cui potrebbe avere un senso renderle obbligatorie a bordo degli autobus o all' interno di locali chiusi, ma c' è un problema di fornitura oltre che di costo». Il coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) Agostino Miozzo avverte che l' ipotesi di rendere obbligatorie le Ffp2 a oggi non è stata ancora esaminata nelle riunioni del Cts. Ma non nega che il tema esista. Con il diffondersi di nuove varianti del virus, più contagiose, sarebbe importante proteggersi con un dispositivo dalla maggiore capacità filtrante. In altri Paesi la questione è all' ordine del giorno.

miozzo miozzo

 

IN FRANCIA «L' unica cosa che possiamo fare è migliorare le armi che abbiamo già» dicono gli esperti dell' istituto Pasteur di Lille, in Francia, che la settimana scorsa hanno aperto il dibattito sull' opportunità di rendere obbligatoria la mascherina Ffp2 contro le varianti del Sars-Cov-2. Una discussione che se nel Paese non ha portato a nuove decisioni, le ha invece prodotte altrove. In Austria e nel land della Baviera ad esempio, hanno scelto di imporre l' uso di queste mascherine con un maggiore potere di filtraggio negli ambienti chiusi e a bordo dei mezzi pubblici.

 

Una posizione, al momento non sostenuta da evidenze scientifiche ma basata sul buon senso, su cui starebbe riflettendo anche il governo degli Stati Uniti. Il neo-presidente Joe Biden in effetti, più volte, anche durante le manifestazioni ufficiali di insediamento, ha mostrato di preferire il dispositivo recante la dicitura KN95 equivalente alle nostre Ffp2. Tuttavia lo scoglio del prezzo e della difficile reperibilità delle mascherine avrebbe frenato la sua intenzione di imporla negli Stati americani. Tuttavia il tema preoccupa.

anthony fauci con doppia mascherina anthony fauci con doppia mascherina

 

L'ESEMPIO USA Non è un caso quindi se, in attesa di riscontri scientifici più evidenti, nei giorni scorsi l' immunologo Anthony Fauci, massimo esperto Usa di malattie infettive, appena nominato consigliere da Biden nella task force antiCovid, ha invitato gli americani ad indossare due mascherine. «Probabilmente aiuta» ha spiegato in un suo passaggio in tv, correlando l' uso raddoppiato ad una maggiore efficacia nei confronti delle mutazioni del virus. «È semplicemente logico che sarebbe più efficace» ha concluso.

 

joe biden doppia mascherina 1 joe biden doppia mascherina 1

Il prezzo e la capacità produttiva sono i due principali ostacoli a un uso generalizzato delle mascherine Ffp2. Ed è soprattutto questo a frenare le autorità sanitarie italiane. Da noi per acquistare una mascherina di questo tipo servono come minimo due euro. «E come facciamo ad obbligare chi prende ogni giorno l' autobus spendendo un euro e mezzo di biglietto a spenderne due per una mascherina?» si chiede un componente del Cts.

 

mascherina ffp2 5 mascherina ffp2 5

E poi c' è il problema dell' approvvigionamento. Per le mascherine chirurgiche, dopo le grandi difficoltà iniziali, l' Italia è riuscita ad assicurarsi forniture stabili e di grandissime dimensioni, se ne distribuiscono diversi milioni al giorno. Ma così non è per quelle di livello superiore.

Eppure per qualcuno sarebbe esattamente la mossa da compiere, magari sovvenzionando la spesa sostenuta dai cittadini attraverso un contributo da parte dello Stato.

 

mascherina ffp2 4 mascherina ffp2 4

QUELLE DA ABOLIRE E magari accompagnando la sovvenzione con un provvedimento normativo di altro tipo: «Una delle misure che si possono prendere subito per rallentare la diffusione della variante inglese è abbandonare le mascherine di cotone. Vanno sostituite con Ffp2 al chiuso», ha detto Giorgio Gilestro, neurobiologo e docente all' Imperial College di Londra. Lo Stato, secondo l' esperto, «dovrebbe ovviamente sovvenzionare una mossa di questo tipo, l' investimento pubblico in termini di rischio è chiaro».

Salvini si toglie la mascherina e la mette in bocca, il tutto in diretta tv a DiMartedì Salvini si toglie la mascherina e la mette in bocca, il tutto in diretta tv a DiMartedì striscia inchiesta mascherine u mask striscia inchiesta mascherine u mask joe biden doppia mascherina joe biden doppia mascherina joe biden in mascherina joe biden in mascherina kamala harris doppia mascherina kamala harris doppia mascherina doppia mascherina doppia mascherina doppia mascherina doppia mascherina amanda gorman con doppia mascherina amanda gorman con doppia mascherina mascherina ffp2 2 mascherina ffp2 2 mascherina ffp2 1 mascherina ffp2 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - EIA EIA ALALA’, VENEZIA ECCOLA QUA: "IL POTERE ORACOLARE DEL CINEMA… SETTIMA ARTE O... DECIMA MUSA?" - CON L’AMPOLLOSISSIMA PRESENTAZIONE (CON PAUSE RITARDANTI E ACCELERAZIONI IMPROVVISE, PIÙ DA TURI PANDOLFINI CHE DA TURI FERRO), ABBIAMO FINALMENTE CAPITO PERCHÉ LA MELONA HA SPEDITO PIETRANGELO BUTTAFUOCO ALLA PRESIDENZA DELLA BIENNALE DARTE: SODDISFARE IL SUO ERUDITO TROMBONISMO DA MEGALOMANE D’ANNUNZIO SICULO-MUSULMANO - SEMMAI, CI CHIEDIAMO: PERCHÉ L’OTTIMO BARBERA, UNO DEI POCHI DIRETTORI DI SINISTRA CAPACE DI ORGANIZZARE UNA MOSTRA D’ARTE CINEMATOGRAFICA PIENA DI STAR E OTTIMI FILM, SI PIEGA AD ACCETTARE DI REGGERE PER DUE ANNI LA RASSEGNA VENEZIANA PRESIEDUTA DAL FILODRAMMATICO AEDO DELLA FUFFA CULTURALE DI DESTRA? – VIDEO STRACULT!

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…