IRAN FUNESTA SU "CHARLIE HEBDO" – IL SETTIMANALE SATIRICO PUBBLICA IN PRIMA PAGINA UNA NUOVA VIGNETTA IN CUI I MULLAH IRANIANI ESCONO DALL'ANO DI UNA DONNA E COMMENTANO: “C’ABBIAMO MESSO UNA SETTIMANA A TROVARE L’USCITA” – HOSSEIN SALAMI, COMANDANTE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE, MINACCIA: “PENSATE AL DESTINO DI SALMAN RUSHDIE, PUNITO PIÙ DI 30 ANNI DOPO AVER INSULTATO IL SACRO CORANO” – IL CASO DEL COOPERANTE BELGA CONDANNATO DA TEHERAN A 28 ANNI DI CARCERE CON L'ACCUSA DI SPIONAGGIO...

-

Condividi questo articolo


1 – IRAN, CHARLIE HEBDO TORNA ALLA CARICA CON NUOVE VIGNETTE DISSACRANTI SUI MULLAH

Da www.open.online

CHARLIE HEBDO COPERTINA SUL REGIME IRANIANO CHARLIE HEBDO COPERTINA SUL REGIME IRANIANO

«I mullah non capiscono decisamente nulla di donne». Charlie Hebdo, il settimanale satirico francese, non lascia ma raddoppia, e torna alla carica – col suo stile dissacrante – contro il regime iraniano, da mesi sotto pressione per le proteste di piazza dopo la morte della giovane Mahsa Amini.

 

Nel nuovo numero in edicola in Francia da oggi, Charlie mette di nuovo in prima pagina i mullah iraniani, sotto al titolo irriverente citato, nell’atto di uscire a fatica dalla vulva di una donna dai capelli blu che se la ride di gusto.

 

 «C’abbiamo messo una settimana a trovare l’uscita», sospira nella vignetta l’ultimo dei quattro mini-mullah a rivedere la luce fuori dall’utero femminile. Nel tweet di lancio del nuovo numero, Charlie rincara la dose preannunciando, tra i contenuti dell’edizione, un ricco pacchetto di «mullah caricaturati loro malgrado».

 

2 – I PASDARAN MINACCIANO “CHARLIE HEBDO” “ATTENTI, FARETE LA FINE DI SALMAN RUSHIE”

 

Marco Bresolin per “La Stampa”

Hossein Salami comandante guardie rivoluzionarie iraniane Hossein Salami comandante guardie rivoluzionarie iraniane

Olivier Vandecasteele è un cooperante belga di 42 anni che lavorava per il Norwegian Refugee Council. Nel febbraio dello scorso anno è stato arrestato in Iran e da allora si trova in carcere. A dicembre, Teheran ha reso noto di averlo condannato a 28 anni di carcere, senza fornire ulteriori spiegazioni. Una settimana fa l'agenzia iraniana Tasnim ha reso noti i motivi della condanna: è accusato di spionaggio, di aver agito contro l'Iran in collaborazione con gli Stati Uniti e di riciclaggio di denaro.

 

Accuse che farebbero salire a 40 anni il totale degli anni di carcere, anche se a quanto pare dovrebbe scontarne 12 e mezzo. Ma non è tutto: essendo accusato di contrabbando, le pene accessorie prevedono anche 74 frustrate. Ieri la ministra degli Esteri Hadja Lahbib ha convocato l'ambasciatore iraniano in Belgio.

 

khamenei nelle vignette di charlie hebdo khamenei nelle vignette di charlie hebdo

«Condanniamo questa detenzione arbitraria e stiamo facendo di tutto affinché termini» ha detto la ministra. Bruxelles non crede alle accuse mosse nei suoi confronti e lo considera «un ostaggio diplomatico», visto che Teheran starebbe usando la sua detenzione per chiedere la liberazione di Assadollah Assadi. Si tratta di un diplomatico iraniano condannato in Belgio nel febbraio 2021 a 20 anni di reclusione per aver progettato un attentato contro alcuni oppositori iraniani nei pressi di Parigi.

 

L'anno scorso il governo belga aveva negoziato con l'Iran un trattato che prevede la possibilità di effettuare scambi di detenuti, ma l'iniziativa è stata bloccata dalla Corte costituzionale belga il mese scorso in attesa di un giudizio sulla sua legittimità.

 

khamenei nelle vignette di charlie hebdo 10 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 10

Intanto da Teheran arrivano dure minacce all'indirizzo di Charlie Hebdo, il settimanale satirico francese già colpito da un attentato jihadista nel 2015. Hossein Salami, comandante delle Guardie Rivoluzionarie, ha invitato «chi insulta le santità islamiche a pensare al destino di Salman Rushdie», lo scrittore accoltellato la scorsa estate a New York, «punito più di trent'anni dopo aver insultato il Sacro Corano e il Profeta dell'Islam».

 

La scorsa settimana Charlie Hebdo aveva pubblicato un numero speciale dedicato alle proteste in Iran con alcune vignette che prendevano di mira Ali Khamenei e i mullah con allusioni di tipo sessuale sul loro rapporto con le donne. Sul numero in edicola oggi ci sono nuove vignette dello stesso tenore.

copertina di charlie hebdo sull iran copertina di charlie hebdo sull iran khamenei nelle vignette di charlie hebdo 11 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 11 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 14 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 14 Hossein Salami comandante guardie rivoluzionarie iraniane Hossein Salami comandante guardie rivoluzionarie iraniane khamenei nelle vignette di charlie hebdo 18 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 18 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 19 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 19 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 6 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 6 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 15 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 15 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 17 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 17 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 8 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 8 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 16 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 16 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 12 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 12 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 9 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 9 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 13 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 13

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)