ITE, MISSA EST – INTORNO AL VATICANO SONO COMPARSI ALCUNI MANIFESTI IN DIFESA DELLA MESSA IN LATINO, REINTRODOTTA DA RATZINGER NEL 2007 E ORA QUASI CANCELLATA DA PAPA FRANCESCO – LA CAMPAGNA DI PROTESTA È PORTATA AVANTI DA UN GRUPPO DI ASSOCIAZIONI CATTOLICHE TRADIZIONALISTE, CONVINTE CHE BERGOGLIO VOGLIA APPROVARE, CON UN MOTU PROPRIO, IL DIVIETO ASSOLUTO DEL LATINO NELLE LITURGIE: “NON CI SENTIAMO BEN ACCETTI IN QUESTA CHIESA”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Franco Giansoldati per www.ilmessaggero.it

 

manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano 4 manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano 4

La guerra del latino si arricchisce di una nuova puntata: stavolta riguarda una regolare campagna di manifesti spuntati nottetempo attorno alla zona del Vaticano. Di fatto ha dato il via ad una vibrata protesta per impedire l'abolizione totale del rito 'antico' che prevede l'uso della lingua latina a messa, una liturgia tradizionale approvata e consentita dai precedenti pontefici ma praticamente messa al bando (quasi totalmente) da Papa Francesco.

 

«Ciò che per le generazioni anteriori era sacro, anche per noi resta sacro e grande, e non può essere improvvisamente del tutto proibito o, addirittura, giudicato dannoso» si legge in uno dei tanti manifesti che cita una frase di Benedetto XVI.

 

manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano

[…] «Le comunità che celebrano secondo il Messale del 1962 non sono ribelli alla Chiesa; al contrario, benedette da una costante crescita di fedeli e di vocazioni sacerdotali, costituiscono un esempio di salda perseveranza nella fede e nell’unità cattoliche, in un mondo sempre più insensibile al Vangelo, e in un tessuto ecclesiale sempre più cedevole a pulsioni disgregatrici» afferma il comitato di promotori che raggruppa diverse realtà cattoliche (come i blog Messainlatinoe Campari & de Maistre, e le associazioni Coordinamento Nazionale del Summorum Pontificum e Associazione San Michele Arcangelo).

 

«Lo facciamo per amore del Papa, affinché sia paternamente aperto alla comprensione di quelle periferie liturgiche che da qualche mese non si sentono più ben accette nella Chiesa, perché trovano nella liturgia tradizionale la piena e compiuta espressione della fede cattolica tutta intera». Di fatto alla base di questa garbata protesta c'è il timore che Papa Francesco possa approvare, con un ulteriore Motu Proprio, il divieto assoluto del latino nella Chiesa, come da tempo si sussurra nelle Sacre Stanze benchè la notizia di un provvedimento del genere non sia stata ancora confermata.

 

manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano

[…] Un altro manifesto collocato sempre vicino a zona Borgo Pio recita: «un silenzio inopportuno lascia in una condizione falsa coloro che potevano evitarla» (San Gregorio Magno).  Un altro aspetto sollevato dalla protesta è la difficoltà degli aficionados della messa in latino ad essere accettati in una Chiesa che promuove come un mantra «l’ascolto, l’accoglienza e l’inclusione e la comunione ecclesiale con metodo sinodale» salvo poi perseguitare la minoranza dei tradizionalisti. […]

manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano manifesti per la messa in latino comparsi vicino al vaticano PAPA BENEDETTO XVI PAPA FRANCESCO PAPA BENEDETTO XVI PAPA FRANCESCO benedetto xvi riceve francesco benedetto xvi riceve francesco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…