“L'INVIO DI ARMI ALL'UCRAINA NON BASTERÀ PIÙ. BISOGNERÀ CONSIDERARE L'INVIO DI NOSTRE TRUPPE” - LUCIO CARACCIOLO: “NELLA GUERRA DI ATTRITO I RUSSI SONO AVVANTAGGIATI PER RAGIONI DEMOGRAFICHE, MILITARI E MATERIALI. SONO DI PIÙ, HANNO PIÙ ARMI E PIÙ RISORSE. CI SCOPRIREMO DI FRONTE ALLA SCELTA DI FARE DAVVERO E DIRETTAMENTE LA GUERRA ALLA RUSSIA OPPURE LASCIARE CHE LA RUSSIA PREVALGA. QUESTO BIVIO SI STA AVVICINANDO, A VANTAGGIO DI MOSCA. CI RESTERÀ LA SCELTA FRA UNA CATASTROFE E UNA VERGOGNA”

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lucio Caracciolo per “la Stampa”

 

lucio caracciolo foto di bacco lucio caracciolo foto di bacco

La guerra in Ucraina avrà una soluzione militare o non ne avrà. Immaginare una soluzione diplomatica è buono e giusto. Lavorarci in segreto, come stanno tentando da mesi emissari russi e americani più qualche mediatore sparso, è necessario per mantenere oggi i contatti e preparare una tregua domani […] Il conflitto è ormai esistenziale […] Chi perde non perde una guerra ma la patria. […]

 

Putin e Zelensky, un passo indietro e sono finiti. […] La guerra è di taglia mondiale. Perché vi si scontrano sempre meno indirettamente Russia e America. […] Siccome gli europei non sono attrezzati alla guerra né i cinesi vogliono entrarvi […], i gestori di questa carneficina […] sono Mosca, Washington e Kiev.

VLADIMIR PUTIN JOE BIDEN - ILLUSTRAZIONE TPI VLADIMIR PUTIN JOE BIDEN - ILLUSTRAZIONE TPI

 

Tradotto: solo gli Stati Uniti sono in grado di imporre la fine della guerra. Tre possibili vie: ridurre il sostegno militare a Kiev fino a convincere Zelensky dell'impossibilità di vincere, dunque della necessità di compromettersi con Mosca; entrare in guerra per salvare l'Ucraina e distruggere la Russia a rischio di distruggere anche sé stessi; negoziare con i russi un cessate-il-fuoco alle spalle degli ucraini per imporlo agli aggrediti.

 

putin zelensky biden putin zelensky biden

Scenari molto improbabili (primo e terzo) o semplicemente assurdi (il secondo). Né la Casa Bianca ha fretta di interrompere un duello nel quale la Russia […] paga ogni giorno un alto prezzo materiale […] Nella guerra di attrito i russi sono avvantaggiati per ragioni demografiche, militari e materiali. Sono di più, hanno più armi e più risorse degli ucraini. Noi occidentali […] abbiamo compensato finora questo squilibrio. Inviando soldi, armi, addestratori e diverse migliaia di volontari […]

 

GUERRA IN UCRAINA - CARRI ARMATI RUSSI GUERRA IN UCRAINA - CARRI ARMATI RUSSI

Ma i magazzini europei sono quasi vuoti, perché erano già mezzo vuoti all'inizio di una guerra in Europa che consideravamo inconcepibile. Scarseggiano le armi, soprattutto le munizioni. Né gli americani sono disposti a scoprirsi sul fronte anti-cinese per frenare l'invasione russa in Ucraina. […]

 

GUERRA IN UCRAINA - LANCIAMISSILI IN DOTAZIONE AGLI UCRAINI GUERRA IN UCRAINA - LANCIAMISSILI IN DOTAZIONE AGLI UCRAINI

La cacofonia di Ramstein conferma la varietà degli approcci atlantici allo scontro […] prima o poi l'invio periodico e limitato di armi […] non basterà più. Bisognerà considerare l'invio di nostre truppe in Ucraina. A quel punto ci scopriremo di fronte alla scelta che abbiamo finora evitato di considerare: fare davvero e direttamente la guerra alla Russia oppure lasciare che la Russia prevalga.

 

PUTIN BIDEN PUTIN BIDEN

Questo bivio "impossibile" si sta avvicinando, a vantaggio di Mosca. La consapevolezza dei costi umani, morali e geopolitici di un eventuale collasso di Kiev potrebbe indurre noi occidentali […] a tentare di congelare lo scontro per il tempo necessario a inventare una convivenza pacifica fra russi e ucraini. Altrimenti ci resterà la scelta fra una catastrofe e una vergogna. Peggio: una miscela delle due.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute