“ABBRACCIATE I VOSTRI FIGLI. NON LAVORATE FINO A TARDI” – LA COMMOVENTE STORIA DI UNA COPPIA DI GENITORI AMERICANI STACANOVISTI CHE HANNO DEDICATO LA LORO VITA AL LAVORO, METTENDO IN SECONDO PIANO IL TEMPO CON I LORO BAMBINI FINO AL GIORNO IN CUI UNO DEI LORO GEMELLI È MORTO NEL SONNO – “HO SAPUTO CHE WILEY ERA DECEDUTO DA UNA TELEFONATA DI MIA MOGLIE DURANTE UNA CONFERENZA A LAVORO E...”

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

j.r. storment e jessica brandes e i figli 2 j.r. storment e jessica brandes e i figli 2

In una notte tutto ciò che aveva avuto un senso fino a quel momento per J.R. Storment, magnate della tecnologia, e Jessica Brandes, dottoressa naturopatica, non ha avuto più alcuna importanza. Avevano trascorso anni a investire nelle loro carriere, perdendo attimi preziosi con i loro gemelli di otto anni.

 

Una normalità fino a quando non è arrivata la doccia fredda. La perdita di un figlio e una presa di coscienza per questa coppia dell'Oregon che, adesso, sta esortando altri genitori a dare la priorità al tempo con i figli dopo che recentemente hanno subìto una perdita inimmaginabile. Il loro bimbo è morto nel sonno e nessuno potrà ridare loro il tempo perso.

j.r. storment e jessica brandes e i figli 3 j.r. storment e jessica brandes e i figli 3

 

Storment e Brandes avevano due gemelli di 8 anni, Wiley e Oliver, e adoravano la loro vita a Portland. Tuttavia, le loro esistenze sono state sconvolte il mese scorso quando Brandes ha scoperto suo figlio senza vita nel suo letto e poi è stata costretta a dirlo a suo marito al telefono.

 

Gli eventi strazianti sono stati raccontati su LinkedIn da Storment e Brandes in una lunga lettera in cui la coppia ha ammesso di essersi pentita delle ore trascorse a lavoro e ha esortato gli altri a non perdere il tempo prezioso con i loro figli. «Abbraccia i tuoi figli. Non lavorare fino a tardi. Ti pentirai una volta che non avrai più tempo - ha scritto Storment - Se c'è qualche lezione da apprendere da questa tragedia, è ricordare agli altri (e a me stesso) di non perdere di vista le cose che contano».

 

j.r. storment e jessica brandes 1 j.r. storment e jessica brandes 1

«Se abbiamo imparato qualcosa è che la vita è fragile e il tempo può davvero essere così breve - ha scritto Brandes - Vorremmo che molte cose fossero diverse, ma soprattutto vorremmo avere più tempo. Se sei un genitore e hai la capacità di trascorrere più tempo con i tuoi figli, fallo».

 

Storment ha iniziato il suo racconto, che è stato pubblicato martedì scorso e da allora è diventato virale, rivelando che nello stesso mese ha festeggiato la nascita dei suoi figli otto anni fa e ha anche fondato la sua società di analisi finanziaria, Cloudability. La società è stata acquisita tre mesi fa e circa tre settimane fa Storment ha dichiarato di aver appreso la devastante notizia che aveva perso suo figlio.

 

j.r. storment 2 j.r. storment 2

«Quando ho ricevuto la chiamata ero seduto in una sala conferenze con 12 persone nel nostro ufficio di Portland a parlare delle politiche della PTO - ha ricordato - Pochi minuti prima, avevo ammesso al gruppo che negli ultimi 8 anni non avevo preso più di una settimana di riposo di fila.

 

Io e mia moglie abbiamo un accordo sul fatto che quando uno di noi chiama, l'altro risponde. Così, quando il telefono squillò, mi alzai e andai immediatamente alla porta della sala conferenze». La telefonata fu «gelida e immediata», ricorda Storment, e la moglie gli disse che suo figlio era morto: «Immediatamente dopo ero fuori dalla porta principale dell’ufficio con le chiavi della macchina in mano e correvo verso casa».

wiley e oliver 2 wiley e oliver 2

 

Nel frattempo, dopo aver informato suo marito, Brandes aveva chiamato il 911 e aveva dovuto dare la notizia della morte del fratello a Oliver. «Sapevo di avere circa 4 minuti per spiegare a Oliver che il suo migliore amico era morto e che 15 persone stavano per invadere la nostra casa. Gli ho chiesto di scegliere un posto dove si sentisse al sicuro».

 

Da quel momento, la coppia ha descritto in dettaglio la scena caotica, il vicolo della loro casa invasa da veicoli di emergenza, i soccorritori che si lanciavano in strada con l'attrezzatura. I genitori non sono riusciti a vedere Wiley per quasi tre ore durante le quali hanno confortato Oliver.

 

wiley e oliver 4 wiley e oliver 4

«Hanno confermato la morte di nostro figlio e hanno lentamente sistemato le loro attrezzature nel loro camion perché nemmeno un intero camion pieno di attrezzature era riuscito a salvarlo» ha scritto Brandes.

Dopo che le indagini furono completate, i genitori sono stati finalmente in grado di vedere il figlio e hanno raccontato quei momenti intimi e strazianti.

 

«Mi è calata addosso una calma inquietante. Mi sdraiai accanto a lui nel letto che amava, gli tenevo la mano e continuavo a ripetere: "Cos'è successo, amico? Che cosa è successo?”. Siamo stati accanto a lui per circa 30 minuti e gli abbiamo accarezzato i capelli prima che tornassero con una barella per portarlo via». «Il nostro tempo era limitato. Non era il modo in cui un genitore avrebbe dovuto vedere il proprio figlio, ma era tutto ciò che avevamo - ha scritto Brandes - Abbiamo tenuto la sua mano, sistemato i suoi capelli e baciato la testa fino a quando il nostro tempo è scaduto».

 

j.r. storment j.r. storment

Storment ha raccontato che suo figlio è stato portato giù per il vialetto fino a un minivan nero, e lo ha seguito al suo fianco, «tenendogli la mano e la fronte attraverso il sacco in cui era stipato il corpo, mentre sua moglie stava a guardare».

 

«E poi, uno ad uno, le macchine si allontanarono tutte con la stessa velocità con cui erano arrivate lasciando J.R., Oliver e io in piedi nel nostro vialetto in un mondo completamente diverso da quello in cui ci eravamo svegliati» scrisse Brandes.

 

Il bambino di 8 anni, a cui era stata precedentemente diagnosticata una forma estremamente lieve di epilessia rolandica che si assesta da sola in adolescenza, è morto per SUDEP (la morte improvvisa in corso di epilessia). «SUDEP è generalmente imprevedibile e irreversibile - ha spiegato Storment - Può essere legato a un attacco ma molte volte il cervello si spegne. Statisticamente, era molto improbabile che colpisse nostro figlio: 1 caso su 4.500 bambini affetti da epilessia. A volte finisci per essere nella statistica».

 

wiley e oliver 1 wiley e oliver 1

«Se pensi al cervello come al computer, Wiley si è come spento - ha scritto sua madre - Nessun trigger noto, nessun avviso. Si è spento. Sono confortata dal fatto che fosse sereno. Wiley era felice e dormiva nel suo posto preferito vicino a qualcuno che lo amava - ha continuato, riferendosi al fratello gemello - Se dovessi progettare la mia morte, sarebbe esattamente quella».

 

Da quel giorno, Storment ha combattuto per sostenere il peso dei ricordi e di ciò che suo figlio non vedeva l'ora di fare nella sua vita, ma non è mai riuscito a realizzare, come avviare un'attività e sposarsi, cose che il bimbo aveva sognato.

 

j.r. storment e jessica brandes 2 j.r. storment e jessica brandes 2

«Uno degli innumerevoli momenti difficili di questo mese è stato la firma del suo certificato di morte. Vedere il suo nome scritto è stato difficile. Tuttavia, due campi da riempire mi hanno devastato. Il primo riguardava l’occupazione, l’altro lo stato civile. Mi sento fortunato e colpevole di aver avuto successo in entrambi i campi».

 

Il papà ha anche ripercorso le ultime ore con il figlio e ricorda di averlo sgridato perché si era dimostrato prepotente durante un gioco con gli amichetti. «Ero severo con lui. Troppo severo col senno di poi. E l'ho fatto piangere. È una delle ultime interazioni che abbiamo avuto. Poche ore dopo, le cose si erano calmate...

 

Ho avuto una dolcissima interazione con Wiley prima di coricarmi e mi sono scusato per averlo fatto piangere. L’ho coccolato ed è andato a letto da solo. Intorno alle 5:40, la mattina dopo mi sono svegliato per una serie di incontri. Ho fatto un giro in Peloton, ho ricevuto una chiamata da un analista, un’altra da un collega, poi sono andato in ufficio. Niente sembra essere più importante ora. Sono partito quella mattina senza salutare o controllare i ragazzi».

wiley e oliver 3 wiley e oliver 3

 

Ora, Storment e Brandes stanno cercando un nuovo equilibrio. «La nostra famiglia è passata dall'essere formata da quattro persone a essere un triangolo. Questo è un grande adattamento per una famiglia che ha sempre avuto quattro anime. La brillante risposta di Oliver quando abbiamo discusso della forma della nostra nuova famiglia: "Ma papà, il triangolo è la forma più forte"».

 

«Lavoreremo su questa nuova vita - come viverla nel miglior modo possibile - ha aggiunto Brandes - Stiamo navigando in acque inesplorate e lo faremo nel prossimo futuro». E quando si tratta dei loro impegni di lavoro, i genitori hanno in programma di dare la priorità e più tempo a Oliver e di migliorare le loro relazioni con lui. «il lato positivo di questa tragedia – ha detto Storment - Credo nelle parole di Kahlil Gibran che ha dichiarato: "Il lavoro è amore reso visibile".

j.r. storment 1 j.r. storment 1

 

Per me, questa frase è una testimonianza di quanto guadagniamo, cresciamo e offriamo attraverso il lavoro che facciamo. Ma quel lavoro deve avere un equilibrio che raramente ho vissuto. È un equilibrio che ci consente di offrire i nostri doni al mondo, ma non a spese di se stessi e della famiglia. Da queste ceneri sono nati molti rapporti nuovi e altri sono stati ripristinati. E spero che da questa tragedia apprendiate come riconsiderare le vostre priorità».

 

Brandes ha aggiunto: «Quando tutto finisce, ci sono solo foto e oggetti, ma non hai più tempo. È impagabile e non dovrebbe essere sperperato. Prendetevi i vostri giorni di vacanza e gli anni sabbatici e andate via con loro. Non vi pentirete delle e-mail che avete dimenticato di inviare.

j.r. storment e jessica brandes e i figli 1 j.r. storment e jessica brandes e i figli 1

 

D'ora in poi, se mi invii un'e-mail o un messaggio e la mia risposta richiede più tempo del previsto, sappi che sono con le persone con le quali amo condividere il mio tempo, creando la mia nuova identità e ti incoraggio a fare lo stesso».

il diario di wiley il diario di wiley wiley e oliver 5 wiley e oliver 5 wiley e oliver wiley e oliver

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute