“GLI AGENTI MI HANNO PICCHIATA CON GUSTO, PERCHÉ VOLEVANO FARLO” - IL RACCONTO DI BRUNA, LA TRANS PRESA A MANGANELLATE DALLA POLIZIA LOCALE A MILANO: “DICEVANO ‘SMETTI, PUTTANA!’. POI HO SENTITO UNO CHE DICEVA ALL'ALTRO: ‘FERMIAMO LA MACCHINA E DIAMO UN PO' DI BOTTE A QUESTA BASTARDA’. MI HANNO PICCHIATA. ALZAVO LE MANI. URLAVO BASTA, TI PREGO. LUI CONTINUAVA - QUELLO CON LA TESTA RASATA MI HA SPRUZZATO LO SPRAY AL PEPERONCINO, L'ALTRO CONTINUAVA A DARMI BOTTE - LE MINACCE DICENDO CHE HO L'AIDS? TUTTE BUGIE. MI SONO MORSA LA MANO PER LA RABBIA - FARÒ DENUNCIA: LI DEVONO CASTIGARE PER QUELLO CHE HANNO FATTO”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Monica Serra per “la Stampa”

 

bruna la donna trans manganellata a milano bruna la donna trans manganellata a milano

Sono le quattro del pomeriggio quando Bruna compare in piazza Durante, zona via Padova. È lei la donna transessuale di cinquant'anni – 42 sulla carta, con compleanno ieri – presa a manganellate dagli agenti della polizia locale vicino alla Bocconi, nei video che hanno fatto il giro del web. […] «Chi mi protegge ora? Sono sola, gli agenti mi hanno picchiata con gusto, perché volevano farlo» […] «Sono scappata da Fortaleza, lì sono aggressivi con quelle come me, qui posso essere me stessa. Lavoro in strada, nessuno dà un lavoro in azienda a noi […]».

 

BRUNA LA TRANS PICCHIATA DALLA POLIZIA LOCALE A MILANO BRUNA LA TRANS PICCHIATA DALLA POLIZIA LOCALE A MILANO

Bruna, che cosa è successo mercoledì al «Trotterino»?

«Litigavo con dei peruviani che erano ubriachi. Mi urlavano: "Maricon!" . Ero molto arrabbiata».

 

 

Anche lei era ubriaca?

«Avevo bevuto e fumato uno spinello, ma quelli mi insultavano, come sempre».

 

E sono arrivati i vigili.

«Mi hanno portata in auto. Ma solo a me, hanno lasciato i peruviani liberi. E mi sono arrabbiata anche con loro».

 

C'erano dei bambini?

«Non è vero».

 

Che ha fatto in macchina?

«Ho iniziato a dare testate sul plexiglass, a urlare: "Bastardi, perché mi avete arrestata?".

Mi sono morsa una mano».

 

E loro che facevano?

trans picchiata dai vigili a milano 8 trans picchiata dai vigili a milano 8

«Dicevano "Smetti, puttana!". Poi ho sentito uno che diceva all'altro: "Fermiamo la macchina e diamo un po' di botte a questa bastarda"».

 

[…] Che hanno fatto?

«Quello con la testa rasata ha aperto lo sportello e ha provato a tirarmi fuori. Io l'ho spinto e sono scappata. Mi sono nascosta dietro l'aiuola».

 

L'hanno trovata?

«Quando sono uscita, mi è venuto incontro uno di loro: "Bloccati, puttana!". E sono arrivati gli altri».

 

Coi manganelli?

«Mi hanno picchiata. Uno di loro. Un colpo da dietro, un altro. Alzavo le mani. Urlavo basta, ti prego. Lui continuava».

 

trans picchiata dai vigili a milano 6 trans picchiata dai vigili a milano 6

Poi le hanno spruzzato lo spray al peperoncino?

«Si vede nel video, quello con la testa rasata, l'altro continuava a darmi botte».

 

[…] Nessun vigile l'ha aiutata?

«No, ma la donna è stata brava, non mi ha toccata, si è comportata bene».

 

Che è successo dopo?

«Mi hanno messo le manette, mi hanno portato alla macchina, ma mi hanno spruzzato di nuovo in faccia lo spray al peperoncino».

 

Siete andati al comando di via Custodi?

«Era vicino. Pensavo di morire asfissiata con tutto quel peperoncino. Non respiravo. Mi hanno lasciata venti minuti chiusa. Ma potevo fare? Chiedere aiuto? Era la polizia».

 

Ma è vero che li ha minacciati dicendo che ha l'Aids?

«Tutte bugie. Mi sono morsa la mano per la rabbia».

 

trans picchiata dai vigili a milano 7 trans picchiata dai vigili a milano 7

Chi l'ha fatta uscire?

«Non respiravo, il vetro era appannato. Ho gridato. Uno ha aperto la portiera e mi sono buttata per terra».

 

L'hanno lasciata libera?

«Mi hanno portata in una cella piccola. Mi hanno spinta dentro».

 

Quanto tempo è stata lì?

«Ero ammanettata. Non so quanto tempo, piangevo».

 

Nessuno è venuto a raccogliere la sua testimonianza?

«Nessun ispettore. […]».

 

[…] Farà denuncia?

«Si, li devono castigare per quello che hanno fatto».

trans picchiata dai vigili a milano 5 trans picchiata dai vigili a milano 5 trans picchiata dai vigili a milano 1 trans picchiata dai vigili a milano 1 trans picchiata dai vigili a milano 4 trans picchiata dai vigili a milano 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)