“DOVEVO UCCIDERE SEI DONNE IN SEI MESI PER POTER VINCERE ALLA LOTTERIA” – IN GRAN BRETAGNA UN 19ENNE HA UCCISO DUE SORELLE A COLTELLATE DOPO AVER FATTO “UN PATTO CON IL DIAVOLO”: IL PIANO DI MORTE PREVEDEVA L’OMICIDIO DI ALTRE QUATTRO DONNE, MA È STATO FERMATO GRAZIE ALLE TRACCE DI DNA TROVATE SULLA SCENA DEL DELITTO – A CASA DELL’ASSASSINO C'ERANO INQUIETANTI BIGLIETTI CON PROMESSE DI OFFERTE DI SANGUE E…

-

Condividi questo articolo


Da "www.leggo.it"

 

danyal hussein 8 danyal hussein 8

Ha ucciso due sorelle a coltellate, ma era pronto a mietere altre quattro vittime per un folle «patto col diavolo». Sembra un film horror, ma è il caso che ha sconvolto la Gran Bretagna: un 19enne è stato riconosciuto colpevole dell'omicidio di due sorelle, uccise lo scorso anno in un parco nella zona di Wembley, alla periferia di Londra.

bibaa henry e nicole smallman 2 bibaa henry e nicole smallman 2

 

Danyal Hussein ha spiegato di aver fatto un patto col diavolo: «Dovevo uccidere sei donne in sei mesi per poter vincere alla lotteria». Il suo folle piano omicida, però, è stato bloccato dall'intervento della polizia, che era riuscita a inchiodare il giovane grazie alle tracce di Dna raccolte nel parco in cui furono uccise la sorelle Bibaa Henry, 46 anni, e Nicola Smallmann, 27. Le due donne avevano festeggiato all'aperto il compleanno di una di loro e subito dopo avevano trovato la morte violenta.

 

danyal hussein 9 danyal hussein 9

A parlare del caso sono diversi media britannici, a cominciare dalla BBC. Il ritrovamento di alcuni sinistri biglietti conservati da Hussein ha poi completato il quadro investigativo: con ossessivi riferimenti a entità infernali, con promesse di offerte di sangue alla «regina dei diavoli Queen Byleth» a patto che questa facesse innamorare di lui una studentessa liceale e soprattutto l'impegno rivolto alla mitologica figura demoniaca di King Lucifuge Rofocale di scatenare una campagna di femminicidi in cambio dell'illusione di poter incassare il jackpot da 321 milioni di sterline allora in palio all'ambito della lotteria Mega Millions.

 

danyal hussein 7 danyal hussein 7

Il giudice relatore e la polizia hanno evidenziato in udienza l'ottusa ferocia del ragazzo, elogiando invece la dignità della famiglia delle vittime. «Non avremmo mai pensato di trovarci di fronte al male», ha commentato in lacrime Mina Smallman, madre delle due sorelle uccise e dignitaria religiosa della comunità cristiana locale, ringraziando la Corte e la giuria popolare per aver saputo sbugiardare «i ridicoli tentativi» dell'imputato di «negare le prove schiaccianti emerse contro di lui».

danyal hussein 5 danyal hussein 5 danyal hussein 10 danyal hussein 10 danyal hussein 1 danyal hussein 1 bibaa henry e nicole smallman 1 bibaa henry e nicole smallman 1 danyal hussein 2 danyal hussein 2 danyal hussein 3 danyal hussein 3 danyal hussein 4 danyal hussein 4 danyal hussein 6 danyal hussein 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...