“DRAGHI SPAZZA TUTTO VIA. MENTRE LUI LAVORA, GLI ALTRI CHIACCHIERANO” – CONFALONIERI SANTIFICA SUPERMARIO E DIFENDE LA SCELTA DI FAR PARLARE I NO VAX NEI TALK SHOW MEDIASET: “NON POSSIAMO MICA FARE COME I TALEBANI. DOBBIAMO FAR PARLARE TUTTI. ANCHE GLI SFESSATI. IL TALK-SHOW DEVE FARE CASINO, SENNÒ CHI LO GUARDA? LA POLITICA ORMAI È QUELLA ROBA LÌ. I NO VAX NON LI PRENDE SUL SERIO NESSUNO. SONO QUATTRO GATTI MESSI MALE…”

-

Condividi questo articolo


Da "www.liberoquotidiano.it"

 

fedele confalonieri foto di bacco (1) fedele confalonieri foto di bacco (1)

Fedele Confalonieri difende a spada tratta i suoi talk show dove i no vax possono parlare tanto quanto gli scienziati: "Il talk-show deve fare casino, sennò chi lo guarda? La politica ormai è quella roba lì". Anche perché, dice il presidente Mediaset, "vorrei vedere lei a condurre un talk-show per tre ore...". E poi, "Draghi spazza tutto via. Mentre lui lavora, gli altri chiacchierano. Non fanno un cavolo. Né nel bene né nel male", ironizza Confalonieri, come si legge su Il Foglio.

 

MARIO DRAGHI E IL GREEN PASS BY OSHO MARIO DRAGHI E IL GREEN PASS BY OSHO

Ma tornando ai talk, si fa serio il presidente, "le posizioni non sono trattate alla pari, è evidente. E i nostri conduttori, che sono in gamba, lo sanno benissimo. Come lo sa la gente che guarda la televisione. Gli spettatori sanno distinguere. Gli italiani si sono vaccinati, ho letto che entro la fine di settembre saranno l'ottanta per cento della popolazione. Il vaccino ha vinto: ottanta a zero. I No vax sono quattro gatti messi male insieme che non riescono nemmeno a riunirsi alla stazione di Milano". 

 

CONFALONIERI CONFALONIERI

Però Confalonieri è convinto che si debba farli parlare: "Noi non possiamo mica fare come i talebani, noi dobbiamo far parlare tutti. Anche gli sfessati. Uno spettatore sa cos'è giusto e cos'è sbagliato. Un anno fa il vaccino era un interrogativo, era nuovo e non sapevi come fare. Ora non è più così", osserva. "Abbiamo ripreso a lavorare grazie al vaccino. Oggi sono andato al ristorante con il green pass, sennò non mi davano da mangiare".

 

mario draghi in conferenza stampa mario draghi in conferenza stampa

Insomma, in televisione anche i no vax servono "ma nessuno li prende sul serio", insiste Confalonieri. Li rivedremo anche la settimana prossima nella nuova edizione della trasmissione di Mario Giordano, Fuori dal coro. "Giordano ogni tanto deve giocare a fare il caz***e, ma è bravissimo. Per fare audience un conduttore di talk deve tirare lungo", conclude. "Detto questo, quando io ero bambino in ogni classe c'era un poliomielitico. Poi arrivò il vaccino, e non ce n’erano più. Esisteva anche la difterite, e qualcuno moriva. C'era pure la tisi... Bisogna vaccinarsi. Punto. La ragionevolezza vince. Il resto sono chiacchiere ed effetto di scena".

fedele confalonieri fedele confalonieri piersilvio berlusconi e fedele confalonieri piersilvio berlusconi e fedele confalonieri mario draghi in conferenza stampa 3 mario draghi in conferenza stampa 3 fedele confalonieri fedele confalonieri mario draghi in conferenza stampa 1 mario draghi in conferenza stampa 1 MARIO DRAGHI GREEN PASS MARIO DRAGHI GREEN PASS

 

fedele confalonieri al pianoforte con gigi d alessio fedele confalonieri al pianoforte con gigi d alessio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO