“FINIRÀ COME IN VIETNAM” – MOSCA FA LA VOCE GROSSA DOPO CHE IL CONGRESSO AMERICANO HA SBLOCCATO IL PACCHETTO DI AIUTI PER KIEV DA 61 MILIARDI DI DOLLARI: “L’IMMERSIONE DI WASHINGTON IN UNA GUERRA IBRIDA CONTRO LA RUSSIA SI TRADURRÀ NELLO STESSO CLAMOROSO E UMILIANTE FIASCO AVVENUTO IN VIETNAM E AFGHANISTAN” – MA PASSERANNO SETTIMANE PRIMA CHE L'ARRIVO DI ARMI E MINUZIONI POSSACAMBIARE LA SITUAZIONE AL FRONTE, MENTRE I RUSSI AVANZANO IN DONBASS – IL DAGOREPORT: INTANTO LA CIA LAVORA PER LA PACE

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Rosalba Castelletti per “la Repubblica”

 

VLADIMIR PUTIN CON I SOLDATI RUSSI VLADIMIR PUTIN CON I SOLDATI RUSSI

Maria Zakharova ha evocato lo spettro del Vietnam e dell’Afghanistan dopo che la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato, con ampio sostegno bipartisan, lo stanziamento di un pacchetto d’aiuti da 61 miliardi di dollari per l’Ucraina.

 

«La sempre più profonda immersione di Washington in una guerra ibrida contro la Russia si tradurrà nello stesso clamoroso e umiliante fiasco statunitense avvenuto in Vietnam e Afghanistan», ha commentato su Telegram la portavoce del ministero degli Esteri russo […]

 

«Una cosa è chiara: le élite al potere negli Stati Uniti, indipendentemente dall’appartenenza partitica, sono pronte a rifornire di armi il regime di Kiev affinché possa combattere fino all’ultimo ucraino, continuando, tra le altre cose, gli attacchi terroristici contro obiettivi civili sul territorio russo, attacchi di sabotaggio e omicidi di giornalisti», ha continuato Zakharova, […]

 

VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO

Secondo la portavoce, gli Stati Uniti ora non scommettono più su una vittoria ucraina, ma sperano che l’Ucraina possa resistere fino alle elezioni presidenziali americane di novembre. «I repubblicani perseguono i loro interessi» a favore del «complesso militare-industriale americano », ha scritto la portavoce della diplomazia, mentre «l’agonia di Zelensky e del suo entourage viene prolungata» e «i comuni ucraini vengono costretti con la forza al massacro come “carne da cannone” ». Zakharova ha infine promesso «una risposta incondizionata e risoluta» di Mosca.

 

[…] l’ex leader Dmitrij Medvedev, si era detto sicuro che la Russia vincerà «nonostante i 61 miliardi di dollari insanguinati che andranno principalmente alla gola del loro insaziabile complesso militare-industriale. La forza e la verità sono alle nostre spalle».

 

maria zakharova maria zakharova

[…] Propaganda che trova la sua cassa di risonanza in Europa nel premier ungherese Viktor Orbán. «Siamo a un passo dall’invio di truppe in Ucraina da parte dell’Occidente. Questo è un vortice di guerra che potrebbe spingere l’Europa nel profondo. Bruxelles sta giocando con il fuoco», ha scritto su Facebook rilanciando un suo discorso pronunciato nei giorni scorsi.

 

Le prime consegne di proiettili e munizioni promesse dagli Stati Uniti non influenzeranno tuttavia il teatro dei combattimenti «per diverse settimane», ha avvertito nel suo ultimo bollettino l’Institute of Study of War. I russi, continua il think tank statunitense, potrebbero approfittare del periodo di tempo rimasto per continuare a bombardare le infrastrutture energetiche ucraine, oltre a effettuare attacchi di terra, in particolare nel Donbass, obiettivo prioritario per il Cremlino.

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

E proprio ieri il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver «liberato Bogdanovka», Bogdanivka in ucraino, villaggio da meno di 100 abitanti in quella che Mosca chiama “Repubblica popolare di Donetsk” nell’Est Ucraina e ha unilateralmente annesso nel settembre 2022. […]

ABBRACCIO TRA ZELENSKY E BIDEN ABBRACCIO TRA ZELENSKY E BIDEN GIORGIA MELONI - VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI - VIKTOR ORBAN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”