“HO VISTO ANZIANI ABBANDONATI, SCAPPATI DALLE RSA: ERANO SOLI E CONTAGIATI” - IL GENERALE LUSI, COMANDANTE DEL NUCLEO TUTELA DELLA SALUTE: “IN 182 CASI ABBIAMO RISCONTRATO GRAVI IRREGOLARITÀ, DENUNCIANDO 136 PERSONE. DALLA MANCANZA DI AUTORIZZAZIONI ALL'IGIENE PRECARIA DEI LOCALI FINO ALLE VIOLAZIONI DELLE NORME ANTI-COVID. QUALCUNO HA LUCRATO SU DPI E PRODOTTI IGIENIZZANTI, ALTRI HANNO PROVATO A ESPORTARE FARMACI E APPARECCHIATURE MEDICHE IN PAESI DOVE POTEVANO GUADAGNARE DI PIÙ MA CHE INVECE DOVEVANO RESTARE QUI…”

-

Condividi questo articolo

Rinaldo Frignani per “il Corriere della Sera”

 

Adelmo Lusi Adelmo Lusi

Più di quattro mesi di emergenza, decine di migliaia di morti. Ma il 2020 sarà ricordato anche come l' anno delle inchieste della magistratura su cosa non ha funzionato nell' affrontare l' epidemia. «Solo noi abbiamo 302 deleghe dell' autorità giudiziaria: 157 al Nord, 91 al Centro, 54 al Sud e nelle isole». A rivelarlo è il generale di divisione Adelmo Lusi, da tre anni alla guida del Comando tutela della Salute, dal quale dipendono i 38 Nuclei territoriali del Nas dei carabinieri. L' alto ufficiale è anche membro permanente dell' Unità di crisi fin dall' inizio dell' emergenza.

 

Generale, si tratta soprattutto di indagini su Rsa?

«Non solo. Siamo impegnati anche nel contrasto alle frodi in commercio sulle forniture di dispositivi di protezione individuale e al traffico verso l' estero di apparecchiature mediche che tuttora servono in Italia».

 

Qual è lo scenario che vi siete trovati davanti nelle case di riposo?

CORONAVIRUS RSA CORONAVIRUS RSA

«In soli tre mesi abbiamo effettuato 1.572 ispezioni, il 30% delle quali su incarico della magistratura. In 182 casi abbiamo riscontrato gravi irregolarità e sono state denunciate 136 persone. C' è di tutto: dalla mancanza di autorizzazioni all' igiene precaria dei locali, fino alle violazioni delle norme anti-Covid. In moltissimi casi nelle prime settimane il personale addetto all' assistenza degli ospiti non era formato, né indossava mascherine, guanti, visiere e parascarpe. Ci sono state situazioni, come a Lecce e Reggio Calabria, dove ci siamo imbattuti in anziani abbandonati a loro stessi. Erano scappati, li avevano lasciati soli. E contagiati. Una cosa terribile».

 

Chi ha fatto affari col coronavirus?

ANZIANI E CORONAVIRUS ANZIANI E CORONAVIRUS

«All' inizio chi ha lucrato sui Dpi e sui prodotti igienizzanti. Poi chi ha provato a esportare farmaci e apparecchiature mediche in Paesi dove sapeva di poter guadagnare di più ma che invece dovevano restare qui. Qualche numero: 1.500 violazioni commerciali, 343 denunce, 700 provvedimenti amministrativi, più di 3 milioni e mezzo di mascherine sequestrate con 142 mila igienizzanti, 1.200 fra ventilatori e attrezzature per terapie intensive e sale operatorie requisiti, con quasi due milioni di confezioni di farmaci pronte per essere spedite altrove».

 

Siete stati impegnati sin dall' inizio?

«Sì, da fine gennaio. Nella primissima fase siamo stati noi a portare, con le staffette, 6 mila tamponi da tutta Italia ai laboratori dell' Istituto superiore di sanità per la validazione: il 99% era positivo».

coronavirus anziani 1 coronavirus anziani 1

 

Quale fenomeno vi ha sorpreso di più?

«L' impennata delle vendite online, perché riguarda spesso chi promuove prodotti, come farmaci e integratori, illudendo la gente che possano sconfiggere la malattia. Ovviamente non è così. Finora abbiamo individuato 29 siti di e-commerce , ma tutti con server all' estero. Sono gli stessi che inviano per posta, senza garanzie sulla conservazione del prodotto, sostanze dopanti».

 

E proprio all' estero siete molto attivi.

«I Nas sono unici, un punto di riferimento, negli Usa come in Germania. In Sudamerica e in Africa istruiamo anche i magistrati. Ma sappiamo soprattutto di essere nel cuore degli italiani».

coronavirus anziani 3 coronavirus anziani 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute