“HOLLYWOOD TI POSSIEDE” – CAMERON DIAZ SVELA I MOTIVI DEL SUO ADDIO AL CINEMA A SEI ANNI DAL RITIRO DALLE SCENE: “GLI ATTORI SONO INFANTILIZZATI. SIAMO MESSI IN UNA POSIZIONE IN CUI TUTTI SI PRENDONO CURA DI NOI. HO LASCIATO PERCHÉ AVEVO BISOGNO DI CAPIRE SE ERO ANCORA IN GRADO DI CAVARMELA DA SOLA E DI AFFRONTARE IL MONDO. DOVEVO RIPRENDERE IL CONTROLLO E…” - FOTO PICCANTINE

-

Condividi questo articolo



Francesco Tortora per "www.corriere.it"

 

cameron diaz cameron diaz

E’ stata una delle star di Hollywood più pagate al mondo e nel 2014, quando la sua carriera era all’apice, ha annunciato il ritiro dalle scene. A sei anni dall’improvviso addio al cinema, Cameron Diaz ha spiegato i motivi di questa decisione durante un’intervista con Gwyneth Paltrow nel podcast condotto da quest’ultima e intitolato «In Goop Health»

 

Per niente pentita

cameron diaz con benji madden cameron diaz con benji madden

L’attrice di «Tutti pazzi per Mary» e «Il matrimonio del mio migliore amico» non è apparsa affatto pentita e ha confessato: «Quando ho scelto di chiudere con il cinema mi sono sentito in pace. Ho sentito la pace nella mia anima. Finalmente stavo prendendo tempo per me stessa.

 

cameron diaz cameron diaz

Quando giri un film, Hollywood ti possiede! Devi essere lì 12 ore al giorno, per mesi, e non hai tempo per nient’altro. E ho capito che avevo delegato parti della mia vita ad altre persone. E loro se l’erano presa! Ho capito che dovevo riprendere il controllo, assumermi le mie responsabilità.Non avevo altra scelta. Ho dovuto riparare le mie relazioni e ho dovuto costruirne altre».

cameron diaz 1 cameron diaz 1

 

Il matrimonio e la figlia

Nello stesso anno in cui si è ritirata, Cameron ha conosciuto il marito Benji Madden, chitarrista dei Good Charlotte con il quale nel 2019 ha avuto una bambina , Raddix: «Ho deciso che volevo qualcos’altro dalla mia vita - ha continuato -. È molto stancante lavorare a un tale livello, essere una figura pubblica e mettersi in mostra.

 

cameron diaz, milla jovovich e cedric le moyne cameron diaz, milla jovovich e cedric le moyne

C’è molta energia che ti travolge in ogni momento quando sei così sotto i riflettori come attrice e ti esponi. Allo stesso tempo gli attori a Hollywood sono infantilizzati. Siamo messi in una posizione in cui tutti si prendono cura di noi. Non deve succedere niente a noi perché siamo la star del film. Ho lasciato il cinema perché avevo bisogno di capire se ero ancora in grado di cavarmela da sola e di affrontare il mondo».

 

cameron diaz benji madden. cameron diaz benji madden. harvey weinstein, gwyneth paltrow e cameron diaz 1 harvey weinstein, gwyneth paltrow e cameron diaz 1 cameron diaz 2 cameron diaz 2 cameron diaz tutti pazzi per mary cameron diaz tutti pazzi per mary

 

Condividi questo articolo



media e tv

PIPPITEL – I FRIGNONI E GLI SCAZZI FAMILIARI DI “C’È POSTA PER TE” SU CANALE 5 NON HANNO RIVALI: MARIA LA SANGUINARIA CONQUISTA IL SABATO SERA CON IL 29.6% - SU RAI1 “AFFARI TUOI” SI FERMA AL 16.8% - SU RAI3 “LA DANNAZIONE DELLA SINISTRA – CRONACHE DI UNA SCISSIONE” (4.4%), SU ITALIA 1 “KUNG FU PANDA 3” (4.6%) – “STRISCIA” (17.2%), GRAMELLINI SU RAI 3 (6.9%), GENTILI (5%), GRUBER (4.8%) – NEL POMERIGGIO “AMICI”  20.6% ANNIENTA LA PEREGO CHE CALA ANCORA AL 2.4%

politica

“DOBBIAMO DIRE MESSA CON I FRATI CHE CI SONO” – IL VOLTO DEL DECADIMENTO DELLA CLASSE POLITICA ITALIANA E' BEN RAPPRESENTATO DA BRUNO TABACCI. UN POLITICO PER TUTTE LE MEZZESTAGIONI CHE CONTE HA ARRUOLATO COME “PASTORE” PER CERCARE PECORELLE “RESPONSABILI”: “CREDO CHE PUNTELLARE LA MAGGIORANZA SIA POSSIBILE, ANCHE SE SERVE UN VENTAGLIO DI FORZE PIÙ AMPIO. IL RIMPASTINO NON BASTA. PERÒ NON C'È ALTERNATIVA A CONTE” – “IPOTESI GOVERNISSIMO? UNA SCIOCCHEZZA TOTALE. DRAGHI? IL SUO NOME NON È SUL TAVOLO: È UNA BUFALA DI RENZI…”

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute