“LOREDANA CANO' MANIPOLO’ PATRIZIA REGGIANI” – I GIUDICI RINVIANO A GIUDIZIO L'EX COMPAGNA DI CELLA DI “LADY GUCCI”. LE DUE SI CONOBBERO A SAN VITTORE, QUANDO REGGIANI SCONTAVA I 26 ANNI PER AVER FATTO UCCIDERE L’EX MARITO, MAURIZIO GUCCI - CANO', UNA VOLTA FUORI DAL CARCERE AVREBBE SFRUTTATO LA FRAGILITÀ PSICHICA DELLA REGGIANI PER CONDIZIONARNE LA VOLONTÀ - COME? ATTRAVERSO UNA SERIE DI CONDOTTE VIA VIA PIÙ INTRUSIVE - L'ACCUSA DI FURTO IN CASA DI "LADY GUCCI"

-

Condividi questo articolo


 

 

Estratto dell’articolo di Luigi Ferrarella per il “Corriere della Sera”

 

patrizia reggiani patrizia reggiani

A processo l’ex amica conosciuta in cella a San Vittore da Patrizia Reggiani, quando scontava i 26 anni per aver fatto uccidere l’ex marito Maurizio Gucci, assolto invece l’avvocato nominato sul letto di morte dalla madre Silvana Barbieri come esecutore dell’eredità familiare in una Fondazione ad hoc: con tre rinvii a giudizio tra cui appunto quello di Loredana Canò, con il proscioglimento del presidente di Coni Lombardia Marco Riva, e con l’assoluzione dell’avvocato Maurizio Enrico Carlo Giani — principale imputato visto che il patrimonio della Fondazione di cui è presidente a vita è stimato 18 milioni più 950.000 euro l’anno dagli affitti di 120 appartamenti — la telenovela della famiglia di Lady Gucci aggiunge un altro sequel giudiziario ai già tanti film girati in questi anni.

patrizia reggiani patrizia reggiani

 

Stavolta madre (morta) e figlia (oggi in amministrazione di sostegno) figuravano nel ruolo di donne ricche ma indebolite dal proprio stato di infermità, e perciò «spolpate» — nell’ipotesi del procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e del pm Michela Bordieri — da una eterogenea compagnia di persone ingolosite dai loro patrimoni. Ma ieri l’avvocato Giani è stato del tutto assolto dal giudice Alberto Carboni in rito abbreviato dalla circonvenzione di incapace di Silvana Barbieri: e cioè dall’accusa di avere il 6 novembre 2018 «approfittato delle sue fragilità e debolezze fisiche-psichiche» per indurla, dal letto di ospedale prima della morte il 12 aprile 2019, a nominarlo esecutore (con compenso di 100.000 euro) di un testamento che fissava un lascito di 4 milioni di euro, e che incaricava Giani di costituire, scrivere lo statuto e indicare i dirigenti di una Fondazione che, presieduta a vita da Giani, ereditasse le quote della «Fernando e Silvana Reggiani srl». Giani, difeso dagli avvocati Manfredi Bontempelli e Antonietta Marino, è stato assolto in parte «perché il fatto non sussiste», e in parte «per non aver commesso il fatto».

 

patrizia reggiani e maurizio gucci patrizia reggiani e maurizio gucci

La Procura ha invece ottenuto il rinvio a giudizio di Canò, l’ex amica di Patrizia Reggiani nella comune cella a San Vittore, che poi una volta fuori dal carcere ne avrebbe «sfruttato la fragilità psichica» per acquisire in casa una «sempre più ingombrante presenza» e installarvisi a titolo di «assistente» contrattualizzata e convivente, giungendo per le pm nel 2020-2021 a «condizionare pienamente il residuo di volontà che la malattia» al cervello «consentiva a Reggiani», attraverso una serie di condotte via via più intrusive: azzerarne i rapporti sociali, «convincerla che era necessario fare la guerra alle figlie» Allegra e Alessandra per poter gestire il vitalizio ottenuto, andare a vivere a casa sua e acquisire la gestione dei domestici, «rispondere al telefono o alle mail al posto suo, registrare di nascosto le conversazioni, predisporre copioni che Reggiani leggeva negli incontri con il giudice tutelare, farsi delegare sui conti e nelle assemblee». Più un’accusa di furto nel 2017 a casa Reggiani di due anelli, un braccialetto e una collana, fatti passare come rubati da qualche domestico; e una accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità, per 15.000 euro in contanti chiesti al canale tv «Discovery+» per un’intervista di Reggiani nel 2020. […]

patrizia reggiani con madre e figlie patrizia reggiani con madre e figlie maurizio gucci maurizio gucci MAURIZIO GUCCI E PATRIZIA REGGIANI MAURIZIO GUCCI E PATRIZIA REGGIANI PATRIZIA REGGIANI PATRIZIA REGGIANI PATRIZIA REGGIANI PATRIZIA REGGIANI alessandra e allegra gucci 2 alessandra e allegra gucci 2 maurizio gucci 1 maurizio gucci 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?