“LA MAGGIOR PARTE DEGLI ITALIANI HA IL CORONAVIRUS. PERCHÉ? VELENI NELL'ACQUA E NELL'ARIA” – PARLA UN ANESTETISTA DELL’OSPEDALE DI BERGAMO: "SEMBRA UN TERMITAIO. FUORI REGNA IL SILENZIO PIÙ ASSOLUTO, DENTRO BRULICA DI MEDICI CHE LAVORANO SENZA SOSTA. TUTTI I PAZIENTI HANNO IL CORONAVIRUS, 70 SONO IN RIANIMAZIONE. UNO SCENARIO DI MEDICINA DELLE CATASTROFI”

-

Condividi questo articolo

coronavirus bergamo coronavirus bergamo

Chiara Jommi Selleri per leggo.it

 

Stefano Manera, 44 anni, specialista in anestesia e rianimazione, ha partecipato al bando straordinario indetto dalla regione Lombardia. È partito da Milano per la trincea dell'ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo, tra i più colpiti dall'emergenza coronavirus.

 

 

Come mai tanto coraggio?

«Non sono un eroe. Lo è chi in queste settimane sta affrontando la malattia»

 

Qual è la situazione nel suo ospedale?

«Spettrale. Sembra un termitaio: fuori regna il silenzio più assoluto, dentro brulica di medici che lavorano senza sosta. Tutti i pazienti hanno il coronavirus, 70 sono in rianimazione. Uno scenario di medicina delle catastrofi».

 

Da semplice influenza a virus capace di uccidere migliaia di persone. Che cos'è il Covid 19?

stefano manera stefano manera

«Una malattia ancora sconosciuta, che all'inizio colpiva le persone più fragili e che adesso intacca anche giovani sani. La mia impressione è che chi si ammala abbia un substrato preesistente di infiammazione: sovrappeso, diabete, ipertensione arteriosa. La maggior parte degli italiani ce l'ha, come mai?».

 

Si è dato qualche risposta?

«I veleni: elementi nocivi nell'aria o nell'acqua che beviamo. Per questo si pensa che il virus abbia colpito le zone più inquinate d'Italia. Di certo, quando tutto sarà finito, nulla dovrà tornare come prima».

il servizio di sky news dall'ospedale di bergamo il servizio di sky news dall'ospedale di bergamo coronavirus terapia intensiva bergamo coronavirus terapia intensiva bergamo

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MAROGNA IN LIBERTÀ (ORA QUANTE NE DIRÀ?) – DOPO 17 GIORNI A SAN VITTORE, SCARICATA DA TUTTI, LA MATA HARI DI BECCIU HA UN DIAVOLO PER CAPELLO – I SUOI AVVOCATI METTONO IN MEZZO IL SEGRETARIO DI STATO PIERO PAROLIN E IL GEN. CARAVELLI DEI SERVIZI DI SICUREZZA (AISE) PER LA LIBERAZIONE DI 3 RELIGIOSI RAPITI IN COLOMBIA DA OTTENERE CON MEZZO MILIONE DI EURO DEL VATICANO CHE, INVECE, PER L'ACCUSA AVREBBE IN PARTE SPESO IN BORSETTE FIRMATE E ALTRI BENI DI LUSSO - DUBBI SULL’ESTRADIZIONE IN VATICANO 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute