“LA MUSICA ITALIANA? È TUTTO UN MORDI E FUGGI, SI VIVE DI TORMENTONI” – BEPPE VESSICCHIO BACCHETTA I CANTANTI CHE NON CAPISCONO UNA MAZZA DI MUSICA: “SE SI CHIEDE A UN ARTISTA SU CHE NOTA SI STA ESIBENDO, SPESSO NON LO SA DIRE. E VALE ANCHE PER I NOMI AFFERMATI. L'AUTO-TUNE? LE VOCI SONO TUTTE UGUALI. IO BANDITO DALLA RAI? IL REGOLAMENTO DI VIALE MAZZINI VIETA DI SCRITTURARE PERSONE CHE HANNO UN CONTENZIOSO E…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesca D'angelo per “La Stampa”

 

beppe vessicchio foto di bacco beppe vessicchio foto di bacco

Beppe Vessicchio non stecca mai. Persino quando parla della Rai, che lo ha bandito dai propri show, mantiene il suo simpatico aplomb: sorride, spiega a che punto sta il contenzioso per i mancati diritti connessi delle musiche utilizzate a La prova del cuoco, e poi candidamente volta pagina.

 

Il rancore, se c'è, lo lascia confinato alle aule di tribunale anche perché, a quasi 70 anni, lui ha parecchio da fare. Il direttore d'orchestra ha accettato di entrare come insegnante nella Peparini Academy: la neonata scuola di musica e ballo fondata a Roma da Giuliano Peparini, ex coreografo di Amici. Qui Vessicchio terrà le vocal class: «impegnative», assicura, «ma fondamentali perché quello che manca oggi agli artisti è la consapevolezza di quello che stanno facendo».

BEPPE VESSICCHIO - BARBE - MEME BEPPE VESSICCHIO - BARBE - MEME

 

Il talento non basta senza la tecnica?

«La musica è una lingua vera e propria, che andrebbe padroneggiata e conosciuta, altrimenti c'è il rischio di bruciarsi: basta cambiare brano, team lavorativo o palco, e si può entrare in crisi. Eppure molti insegnano canto senza partire dalla musica».

 

Cosa intende?

«Se chiede a un artista su che nota si sta esibendo, spesso non te lo sa dire. E vale anche per i nomi affermati. Il talento viene lasciato allo stato brado invece è fondamentale insegnare i codici tecnici. La musica non inizia e finisce con l'esibizione sul palco: quello è un momento che affascina, perché vedi i risultati del tuo lavoro. Ma la musica è tanto altro: non altro, ma tanto altro».

intanto vessicchio intanto vessicchio

 

[…] Immagino che l'Auto-Tune sia bandito nella sua classe...

«Solo se è una protesi. Come effetto potrei contemplarlo. Comunque sempre più artisti lo stanno abbandonando perché è omologante: usandolo, le voci diventano tutte uguali».

 

Lei potrebbe lavorare solo con i big, invece investe sui giovani talenti. Perché?

PEPPE VESSICCHIO PEPPE VESSICCHIO

«Vorrei dare loro quello che non ho avuto io. Sono nato in periferia e da ragazzo ho dovuto fare i salti mortali per studiare quello che desideravo. A 15 anni provai a iscrivermi in conservatorio ma non mi presero: l'ingresso era a numero ridotto e aveva la precedenza chi già studiava lì alle medie. Così mi sono dovuto iscrivere al liceo scientifico e, a latere, studiare musica. Fu davvero dura».

 

Ma in Rai prima o poi la rivedremo?

amadeus amadeus

«Il regolamento di Viale Mazzini vieta di scritturare persone che hanno un contenzioso in essere. Avevo vinto la causa, ma la Rai ha deciso di appellarsi e temo che vogliano arrivare fino alla Cassazione».

[…]

 

E se il segreto fosse il binomio Sanremo-Amadeus, più che la Rai?

«Amadeus ha fatto oggettivamente tanto. Io gli mossi qualche critica e ancora adesso penso che lo sbilanciamento verso l'attualità faccia bene più allo spettacolo che non alla comunità della musica. Amadeus poteva osare nell'inserire più classici. Tuttavia i dati sono incontrovertibili: dall'Auditel allo streaming, tutto dà ragione a lui».

VESSICCHIO VESSICCHIO

 

Qual è lo stato di salute della scena musicale italiana?

«È tutto un mordi e fuggi, si vive di tormentoni. Io invece tendo a vedere la musica come un atto molto più profondo […] ».

beppe vessicchio carlo conti e maria de filippi beppe vessicchio carlo conti e maria de filippi il papillon arcobaleno di beppe vessicchio il papillon arcobaleno di beppe vessicchio VESSICCHIO VESSICCHIO beppe vessicchio beppe vessicchio peppe vessicchio peppe vessicchio coconuda peppe vessicchio coconuda peppe vessicchio beppe vessicchio beppe vessicchio beppe vessicchio 1 foto di bacco beppe vessicchio 1 foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”

“QUELLA E' LA TU REGAZZA, O TE C'HANNO VOMMITATO ACCANTO?” – “TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA'' - ''SI' TE 'O METTO 'N SPALLA, ALTRO CHE VIA CRUCIS’’ - ‘’ERA COSI' ARRAPATA CHE JO' DOVUTO STRIZZA' LE MUTANDINE – ‘’C'HAI DU' CORNA CHE SE VAI A VEDE 'NA PARTITA DE RAGBI TE FANNO META SUR CRANIO’’ – ‘’OGNI BUCO E' BONO; PURE QUELLO D'OZONO’’ - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON ''GIORGIA, LA REGINA DI COATTONIA'' – ULTIMA PARTE: APPREZZAMENTI A SFONDO SESSUALE... - VIDEO

‘’TE PIJO A PISELLATE SU'E GENGIVE’’ – ‘’M'HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO’’ – ‘’TE STRAPPO LE BUDELLA E TE CE 'MPICCO’’ – ‘’’SÒNA 'N MEZZO ALLE COSCE DE TU' MOJE CHE CE STA PIU' TRAFFICO’’ – ‘’SI' TE SGRULLO TE FACCIO CASCA' TUTTI LI TATUAGGI’’ – “- A' COMETECHIAMI” - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON LA REGINA DI COATTONIA, ALIAS GIORGIA MELONI – SECONDA PARTE: MINACCE E INSULTI - VIDEO