“NON HO MAI RUBATO” - CARLOS GHOSN, FONDATORE DELL'ALLEANZA RENAULT-NISSAN-MITSUBISHI E ARRESTATO PER UNA SERIE DI ILLECITI FINANZIARI, È APPARSO IN TRIBUNALE A TOKIO, DIMAGRITO DI DIECI CHILI, E HA LETTO UNA DICHIARAZIONE PER DIFENDERSI - MA NISSAN LO SBUGIARDA: “UN'INCHIESTA INTERNA HA PERMESSO DI SCOPRIRE PROVE SIGNIFICATIVE E CONVINCENTI DEGLI ERRORI COMMESSI” - E ORA SCRICCHIOLA L'ASSE NISSAN-RENAULT

-

Condividi questo articolo

Stefano Montefiori per il “Corriere della Sera”

 

CARLOS GHOSN CARLOS GHOSN

Per la prima volta dal 19 novembre, giorno del suo arresto, Carlos Ghosn, fondatore dell' alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi e uno dei manager più potenti e pagati al mondo, è apparso in pubblico e ha parlato in sua difesa, nell' aula 425 del tribunale di Tokio, ieri mattina intorno alle 10 e 30 ora locale (le 2 e 30 in Italia). Arrivato dalla prigione su un autobus delle autorità, Ghosn ha ottenuto che gli venissero tolte le manette e ha letto con voce ferma una dichiarazione in inglese che è durata una decina di minuti.

 

BRUNO LE MAIRE CARLOS GHOSN BRUNO LE MAIRE CARLOS GHOSN

L'ex «imperatore» dell' auto mondiale è apparso in abito blu scuro e camicia bianca, senza cravatta (proibita dal regolamento perché possibile strumento di suicidio), dimagrito di una decina di chili - in carcere gli vengono servite tre ciotole di riso al giorno - e con i capelli ingrigiti, ma comunque combattivo e determinato nel rigettare in blocco le accuse che gli vengono mosse dalla magistratura giapponese.

 

Su iniziativa di Nissan, il procuratore di Tokio indaga su investimenti personali che Ghosn avrebbe trasferito sul conto di Nissan una volta che si sono rivelati poco redditizi.

«Avrei potuto dimettermi da Nissan, ricevere la mia pensione e usarla come garanzia della mia posizione - ha detto Ghosn - ma il mio impegno morale verso Nissan non mi permetteva di andarmene in un momento chiave. Il comandante non lascia la nave quando il mare è in tempesta».

 

CARLOS GHOSN CARLOS GHOSN

Il 64enne manager franco-libanese-brasiliano si è anche difeso dall' altra accusa, quella di avere percepito da Nissan remunerazioni tenute nascoste alle autorità di Borsa e al fisco giapponese. «Per me conta il "test della morte": se morissi oggi, i miei eredi potrebbero pretendere qualcosa di diverso dalla mia pensione? La risposta è no».

 

Ghosn ha dichiarato in modo accorato e solenne di avere sempre agito per il bene della Nissan e di avere associato alle sue decisioni i dirigenti della casa giapponese, che hanno condiviso la sua strategia. Ma alla fine dell' udienza, Nissan ha diffuso un comunicato nel quale sostiene che «un' inchiesta interna ha permesso di scoprire prove significative e convincenti degli errori commessi» dal suo ex presidente Carlos Ghosn.

 

CARLOS GHOSN NISSAN RENAULT CARLOS GHOSN NISSAN RENAULT

Ghosn è stato estromesso dal vertice di Nissan e anche da quello di Mitsubishi, mentre resta capo di Renault e questo rivela lo scontro in corso tra Tokio e Parigi. L' alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi è formata da società indipendenti, con partecipazioni incrociate tra le prime due, molto integrate sotto il profilo produttivo e in grado si sviluppare sinergie importanti.

 

L' efficacia dell' alleanza si è basata in buona parte sulla personalità del suo inventore, Carlos Ghosn, che ne ha fatto un gruppo in grado di competere con Volkswagen e Daimler su scala mondiale, forte di 120 mila dipendenti e 38 stabilimenti. Sotto la guida di Ghosn la «piccola» Renault a forte partecipazione dello Stato ha salvato il colosso privato Nissan quando stava per fallire.

Carlos Ghosn e Emmanuel Macron renault Carlos Ghosn e Emmanuel Macron renault

 

Ma negli anni la parte giapponese del gruppo ha manifestato il proprio scontento, sentendosi trascurata a favore di Renault. Tra i principali accusatori di Ghosn c' è il suo principale collaboratore per 15 anni, Hiroto Saikawa, che ha scelto di tradire il suo mentore per fare in modo che «Nissan resti Nissan». Ghosn si trova a pagare quindi anche un conflitto di potere e di culture aziendali per il controllo dell' alleanza.

Carlos Ghosn Carlos Ghosn

 

Il 43% delle azioni di Nissan sono in mano al costruttore francese, di cui a sua volta Nissan detiene il 15%. Il principale azionista di Renault è lo Stato francese con il 15,01 per cento ma il 22% dei diritti di voto. Macron non ha mai avuto ottimi rapporti con Ghosn, al quale rimprovera una retribuzione eccessiva (nel 2015 7,2 milioni di euro da Renault e 8 da Nissan). Ma adesso Parigi teme che la sua fine sbilanci l' alleanza a favore di Nissan.

Il procuratore di Tokio ha motivato il mantenimento in detenzione con il pericolo che Ghosn possa lasciare il Giappone inquinando le prove. Il processo potrebbe cominciare non prima di sei mesi.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DANDOLO FLASH! ECCO LE PRIME IMMAGINI DEL MATRIMONIO DI ELEONORA DANIELE - DOPO 16 ANNI DI FIDANZAMENTO OGGI POMERIGGIO LA CONDUTTRICE RAI È CONVOLATA A NOZZE CON GIULIO CESARE TASSONI A ROMA, NELLA BASILICA DI SAN GIOVANNI BATTISTA DEI FIORENTINI – LUI, DI ORIGINI NOBILI, E’ UN IMPRENDITORE DEL SETTORE FARMACEUTICO – TRA GLI INVITATI SIMONA VENTURA COL COMPAGNO GIOVANNI TERZI, LA GNOCCHISSIMA SAMANTHA DE GRENET, CORINNE CLERY, BEPPE CONVERTINI, MAURIZIO MATTIOLI E ANGELO PERRONE – IL BACIO DELLA CUCINOTTA

viaggi

salute