“IL PROBLEMA FORSE È CHE SONO FIGLIA DEL POPOLO. PUZZO DI POVERO? SÌ, MI HANNO DATO DELL’ARRICCHITA” – IL PIANTO GRECO DI CRISTINA FOGAZZI, ALIAS L’ESTETISTA CINICA, FINITA NEL TRITACARNE PER LA CENA ALLA PINACOTECA DI BRERA PER LANCIARE IL BRAND IN SPAGNA: “SONO AMAREGGIATA. VOLEVO MOSTRARE IL MEGLIO DI MILANO. QUESTO È CLASSISMO, CENTINAIA DI BRAND DEL LUSSO RICEVONO OSPITI NELLO STESSO LUOGO E NESSUNO HA AVUTO DA DIRE, MA

-

Condividi questo articolo


Estratto del'articolo di Edoardo Lusena per www.corriere.it

 

la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 1 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 1

Non è la prima volta, forse non sarà l’ultima polemica, ma la voce tradisce l’amarezza dell’Estetista cinica, nome di «battaglia» di Cristina Fogazzi. Se non è una battaglia, quella che la vede difendersi da social e dintorni poco ci manca. «Non sto bene per niente. Non ho fatto niente di male a nessuno». Una doccia gelata la sveglia sommersa di accuse per aver usato, anzi visti i toni di qualcuno, per aver osato usare come location di una cena per la sua azienda di prodotti estetici, la Veralab, una sala della biblioteca Braidense. 

la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 7 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 7

 

[…] «Partiamo da un fatto. È stata una mia scelta, fortissimamente voluta, quella di andare a Brera. Devo lanciare il mio brand in Spagna, invito qui delle influencer spagnole e mostro loro la migliore Milano possibile: un tour privato in città, la visita e la cena al museo del Novecento, e per il gran finale mi propongono un hotel. E lì ho detto no: perché devo dare i soldi a un privato? Qui, mi sono detta, ricadono sulla collettività: diventeranno restauri, personale, servizi a chi studia».

 

la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 5 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 5

La accusano anche per le pizze con delivery, bollate come trash per un tempio della cultura: «Chiariamo: nessuno scooter ha scorrazzato in Accademia. Da qualche Vespa, simbolo di italianità, ferma e spenta davanti al portone, sono state offerte delle pizze come aperitivo, con tovaglioli. Dopo le pulizie (pagate extra) nel cortile non c’era neanche una briciola». 

 

Torniamo ai soldi. «Le cifre sono pubbliche: 80 mila euro per gli spazi e 15 mila di straordinari al personale. Con quelle cifre per una serata in un hotel o da un privato avrei potuto creare chissà quale evento. D’altronde, come è giusto che sia, muoversi in spazi tutelati ha vincoli rigidissimi e costi elevati. Ma ho voluto Brera, il gioiello di Milano, da mostrare con orgoglio come coronamento.  ero contenta, convinta di aver fatto una cosa bella».

la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 6 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 6

E invece apriti cielo: «Nonostante nelle ultime ore — come centinaia di altre volte — in quegli stessi spazi un grande nome del lusso ha ricevuto i propri ospiti, non ho visto rivolte e sdegno. Se invece la cena la fa l’Estetista cinica non va bene. Questo si chiama classismo. Io non sono una griffe, ma pago le tasse in Italia, do lavoro nella mia azienda a 101 dipendenti, di cui il 95% sono donne. Si è scritto del “buon gusto”. Io sono di cattivo gusto? Perché invito gli influencer? Come se alle cene dei grandi brand gli ospiti fossero altri».

 

la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 4 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 4

«Parvenu, arricchita». Su di lei l’odio su tela (del web) si è scatenato. «Allora il problema forse è che sono figlia del popolo. Puzzo di povero? Sì, mi hanno dato dell’arricchita. Ma menomale che ci sono gli arricchiti in un Paese in cui l’ascensore sociale è fermo da anni. […] Dire che un’arricchita non può entrare è il grande cortocircuito della cultura italiana che vuole restare elitaria. Invece la cultura è di tutti. E più la facciamo vedere a tutti e più tutti si sentono autorizzati e accolti».  […]

la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 12 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 12 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 11 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 11 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 10 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 10 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 8 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 8 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 3 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 3 estetista cinica cristina fogazzi 9 estetista cinica cristina fogazzi 9 estetista cinica cristina fogazzi 6 estetista cinica cristina fogazzi 6 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 5 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 5 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 2 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 2 estetista cinica cristina fogazzi 8 estetista cinica cristina fogazzi 8 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 9 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 9 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 1 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 1 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 4 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 4 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 3 polemiche per la cena di estetista cinica alla biblioteca nazional braidense di milano 3 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 2 la festa dell estetista cinica alla pinacoteca di brera 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO