“PUTIN NON HA UNA VIA D’USCITA PRATICABILE DALLA GUERRA, STA CERCANDO DI GUADAGNARE TEMPO CON FINTE TRATTATIVE” - IL DIRETTORE DELLA CIA WILLIAM BURNS DURANTE UN’AUDIZIONE ALLA COMMISSIONE INTELLIGENCE DEL SENATO: “È PRIGIONIERO DEI SUOI ERRORI E HA SOTTOSTIMATO L’IMPATTO DELLE SANZIONI: LA BOLLA DI PROPAGANDA NON PUÒ REGGERE ALL’INFINITO. GIÀ ADESSO VEDIAMO CHE STANNO FILTRANDO LE INFORMAZIONI SUI MILITARI MORTI E FERITI CHE STANNO TORNANDO IN RUSSIA. E LE PERSONE COMINCIANO A RENDERSI CONTO DELLE DURE CONSEGUENZE ECONOMICHE DELLE SANZIONI”

-

Condividi questo articolo


william burns capo della cia william burns capo della cia

Giuseppe Sarcina per www.corriere.it

 

Il direttore della Cia, William Burns, è netto: «Putin non ha una via d’uscita praticabile dalla guerra . Sta cercando di guadagnare tempo con queste finte trattative». Ieri, giovedì 10 marzo, Burns e gli altri vertici dei servizi segreti hanno tenuto un’audizione nella Commissione Intelligence del Senato. È stato uno scambio di domande e risposte molto diretto, con poche reticenze. Segno che l’Amministrazione continua la sua strategia di trasparenza per mettere in difficoltà il Cremlino.

 

Burns sostiene che, a questo punto, Putin sia prigioniero delle sue valutazioni sbagliate. Il leader russo era convinto di «aver attrezzato il sistema economico in modo da poter resistere alle sanzioni occidentali, ma ora sta scoprendo che non è così».

 

SERGEI LAVROV VLADIMIR PUTIN SERGEI LAVROV VLADIMIR PUTIN

In particolare, dice Burns, non aveva considerato la mossa del Tesoro americano che ha impedito alla Banca centrale di Mosca di manovrare le ingenti riserve di valuta pregiata (l’equivalente di 600 miliardi di dollari). Secondo il direttore della Cia, il presidente russo ha rinchiuso il suo Paese «in una bolla di propaganda». Ma, ha aggiunto: «Non credo che sarà in grado di tagliare fuori all’infinito i cittadini dalla verità. Già adesso vediamo che stanno filtrando le informazioni sui militari morti e feriti che stanno tornando in Russia. E le persone cominciano a rendersi conto delle dure conseguenze economiche delle sanzioni».

 

avril haines avril haines

La senatrice repubblicana Susan Collins, poi, ha chiesto se i russi hanno intenzione di usare armi chimiche o biologiche in Ucraina. Una possibilità evocata mercoledì 9 marzo dalla portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki. Il numero uno della Cia ha risposto così: «Questa eventualità fa parte del modo di agire dei russi. Hanno già usato armi chimiche contro i loro stessi cittadini. E ne hanno incoraggiato l’uso in Siria e altrove. Stiamo prendendo molto sul serio questo rischio». Burns, però, non ha detto se ci sono indizi concreti sul campo di battaglia. Avril Haines, Direttrice della National Intelligence, ha aggiunto: «Non abbiamo ragione di ritenere che l’Ucraina stia preparando armi chimiche, biologiche o nucleari».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…